Diasorin, scenario rimane complicato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Per il titolo Diasorin la seduta di metà settimana si è aperta con il segno meno. L’azione ha poi recuperato terreno fino a riportarsi vicino alla linea di parità, senza tuttavia correggere i segnali negativi emersi nelle ultime sedute. Il quadro grafico di Diasorin rimane debole. Il passivo da inizio anno si avvicina ai 10 punti percentuali e l’azione si è riportata sulla trendline rialzista ottenibile dall’unione dei minimi del 30 agosto e 9 novembre 2012, a 26,42 euro. Il livello dinamico è stato avvicinato nella seduta di ieri, con un minimo di sessione a 26,70 euro. La reazione che ne è seguita non pare al momento avere la forza per riportare lo scenario in posizione almeno di neutalità. Il che avverrebbe con un ritorno stabile delle quotazioni al di sopra di 28 euro. Più lontana l’opportunità di un rilancio del quale si potrebbe parlare solo con un ritorno sopra i massimi di fine gennaio. Le reazioni al rialzo di Diasorin, come quella della vigilia, sono pertanto attualmente da considerarsi delle opportunità di ingresso al ribasso. Un’operatività ribassista potrebbe essere implementata da 27,80 euro, area che vede il passaggio nei pressi del sostegno dinamico tracciabile dai minimi del 10 dicembre 2012 e 15 gennaio 2013 e della trendline ribassista discendente dal massimo relativo di fine gennaio. Obiettivi sarebbero in tal caso 27,40, 27 e 26,70 euro con stop loss che scatterebbe su chiusure di contrattazione superiori a quota 28,25 euro.

Alessandro Piu

(13/02/2013)


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eutostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori