Dax, in caso di rimbalzi possibile entrare in vendita

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La candela lasciata in eredità dalla seduta di ieri ha permesso al Dax di generare un interessante segnale di vendita, specie alla luce della conferma arrivata con i valori di chiusura. Dopo alcune sedute sempre oltre la soglia di supporto statico presente in prossimità di area 7.090 punti, soglia oltrepassata in occasione del rally intrapreso dai minimi di periodo del 15 marzo scorso a 6.483,30 punti e culminato con il top del 6 aprile a 7.242,69 punti, ora il paniere sembra intenzionato ad andare a testare nuovamente i supporti statici e dinamici presenti in prossimità di area 6.850 punti. Il riferimento al primo tipo di sostegno grafico trae spunto dai minimi lasciati dalle sedute del 5 e 10 gennaio nell’intorno di 6.840 punti, il secondo invece al pull back della trendline discendente tracciata con i top del 21 febbraio e del 3 marzo che si completerebbe ai valori attuali proprio a 6.850 punti. La trend in questione fu violata al rialzo in occasione della seduta del 31 marzo. In un contesto che vede sul grafico daily le medie mobili a 14 e 55 periodi incrociate nel corso degli ultimi giorni dall’alto verso il basso è dunque possibile posizionare i propri ordini di vendita a 7.085 punti. . Con stop che scatterebbe a 7.245 punti, il primo target è fissato dunque a 6.850 punti. Il secondo target, in questo caso di medio termine, prevede invece l’allungo fino in area 6.530 punti.


Riccardo Designori


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori