Argento, una scommessa short per non arrivare secondo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gran protagonista del rialzo delle materie prime, l’Argento sembra pronto ad intraprendere la strada del ritracciamento in vista dei top degli ultimi 30 anni. Il metallo ha iniziato una corsa portentosa che lo ha portato dai minimi del 24 agosto a 17,73 dollari l’oncia ai top di 29,36 registrati nel corso della seduta del 9 novembre. La successiva e rapida correzione, dovuta anche al riapprezzamento del biglietto verde nei confronti dell’euro, ha trovato un valido supporto nella trendline di medio periodo che ne guida i corsi dal 9 ottobre. La trend è stata tracciata utilizzando i minimi crescenti del 9 e 22 ottobre, oltre a quelli del 16 novembre. La costruzione in corso sembra prospettare un doppio massimo sui top di periodo, segnale che se completato di fatto segnerebbe l’inversione del trend di breve e spingerebbe le quotazioni dell’argento verso una salutare correzione. Se la conferma della spinta ribassista si avrebbe con il cedimento della trendline citata in precedenza, la vicinanza con i top di periodo permette di intraprendere una strategia short con un rischio ridotto rispetto al potenziale guadagno. In quest’ottica si può dunque vendere allo scoperto a dollari l’oncia, fissare lo stop in caso di allungo a 29,50 dollari e puntare come primo target a  23,15 dollari e come secondo a 20,60 dollari l’oncia.


Riccardo Designori


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori