Glossario
A B C D E F G H I J K L M N O P K R S T U V W X Y Z

Earning Yield

Il rapporto prezzo utile è dato dal prezzo delle azioni di una società diviso per gli utili per azione prodotti dalla società su base annua.
Il P/E rappresenta il prezzo che gli investitori sono disposti a pagare per ogni lira di utile prodotta dalla società; maggiore è il rapporto prezzo/utile, maggiori sono le aspettative degli investitori sulle prospettive di crescita di una società

EASDAQ

Sigla del Mercato Telematico Europeo dove vengono quotate imprese di dimensioni ridotte con buone possibilità di crescita che non possono accedere ai mercati azionari principali, si rifà ai principi del NASDAQ Statunitense

EBIT

Risultato aziendale o utile operativo ottenuto senza contare la gestione finanziaria e le tasse.

EBITDA

Earnings Before Interest, Taxes, Depreciation and Amortization o Margine Operativo Lordo (MOL). Misura l’utile di un’azienda prima della gestione finanziaria (interest), delle imposte (taxes), delle componenti straordinarie, delle svalutazioni (depreciation) e degli ammortamenti (amortization). Questa voce di bilancio verifica la capacità dell’azienda di vendere i propri prodotti/servizi a un prezzo che consenta di coprire i costi operativi sostenuti. Secondo gli schemi di Borse.it, l’EBITDA è dato dalla differenza tra il “Valore della produzione” (A) e i “Costi della produzione” (B) più le Voci 10, 12 e 13 del Conto Economico del Codice Civile.

EBITDA/Interessi

Indica quante volte gli utili lordi della gestione caratteristica coprono i costi di servizio del debito. Tanto più il valore è elevato più la società è in grado di coprire gli oneri finanziari con il margine operativo lordo. Se il valore è negativo vuol dire che c’è una perdita, mentre non è significativo nel caso di una società con proventi finanziari netti.

EBT

Earning Before Taxes o Utile Ante Imposte. Il carico fiscale per l’impresa deriva dall’applicazione delle seguenti imposte: 1) Ires (imposta sul reddito delle società) pari al 33% (nel 2003) del reddito imponibile; 2) Irap (imposta regionale sulle attività produttive) pari al 4,25% del valore aggiunto dell’impresa; 3) Ici (imposta comunale sugli immobili), è calcolata sulla rendita catastale degli immobili, cui viene applicata un’aliquota variabile dal 4 al 6 per mille (che può arrivare al 7 in casi particolari).

Eccedenza

Vedere definizione di Overweighting.

ECN

Acronimo di Electronic Communication Network, descrive un network creato per facilitare gli scambi di prodotti finanziari al di fuori dei tradizionali mercati borsistici.

ECP

Acronimo di Euro-Commercial Paper. Titoli a breve termine, emessi da operatori privati, non sostenuti dall’apertura di linee di credito bancario o dall’impegno dell’intermediario finanziario a sottoscrivere i titoli non collocati.

Effetto Leva

L’Effetto Leva permette a un investitore di ottenere un’esposizione più che proporzionale alle variazioni di prezzo dell’attività finanziaria Sottostante.

Elliott Nelson Ralph

Autore di una teoria (onde di Elliott) secondo la quale il mercato azionario seguirebbe un ritmo composto da serie di 8 onde (5 al rialzo e 3 di correzione).

EMA

Acronimo di Exponential Moving Average (Media mobile esponenziale). Media Mobile il cui metodo di calcolo conserva l’intera “storia” della serie attraverso l’attribuzione automatica dei “pesi” alle diverse rilevazioni, in funzione dell’ampiezza del dominio e della distanza temporale dall’epoca d’elaborazione.

Embedded Value (EV)

Nelle società assicurative per il solo ramo vita: l’Embedded Value è il valore intrinseco della società calcolato come somma del patrimonio netto rettificato più il valore attuale delle le polizze pluriennali in essere. E’ un dato estremamente price sensitive. Per questo il dato del valore dell’EV viene spesso comunicato a parte dalle società, che talvolta affidano lo studio del valore a consulenti esterni. Di fatto il valore è molto sensibile alle ipotesi sottostanti, che per trasparenza vengono spesso allegate al comunicato. Riassumendo: EV=Patrimonio netto rettificato + in-force value (IFV, valore del portafoglio Vita in essere). Aggiungendo all’EV così calcolato il valore della nuova attività (New Business Value, NBV) si ottiene il cosiddetto Appraisal Value, Ipotesi fondamentali: Tasso di attualizzazione Tasso rendimento Attivi Tax rate.

Emissione

Complesso dei titoli azionari o obbligazionari relativi ad una singola operazione di finanziamento

Emittente

Uno stato sovrano, un’entità sovranazionale o un’azienda che si finanzia con l’emissione di un titolo (nel caso di un’emissione obbligazionaria viene emesso un titolo di debito).

Engulfing Pattern

Figura di inversione nell’analisi candlestick, letteralmente significa “che inghiotte”. Si tratta di una figura composta da due candele consecutive con un realbody di colore opposto in cui il corpo della seconda candela racchiude completamente quello della prima.

Enti locali

Rappresentano l’insieme di Comuni, Province e Comunità montane. Per ciascuna categoria di enti viene predisposto il conto di cassa (dal Ministero del Tesoro) e il conto economico consolidato (dall’Istat).

EOD

Acronimo di End Of Day Order. L’EOD è un ordine per comprare e vendere ad un prezzo specifico. Questo ordine rimane aperto fino alla fine della seduta.

Eonia

Acronimo di Euro Overnight Index Average. Media ponderata dei tassi overnight comunicati alla BCE da un campione di 57 banche operanti nell’area dell’euro.

EPS (earning per share)

Utile per azione calcolato dal rapporto tra utile netto d’esercizio e numero delle azioni del capitale sociale

EPS capogruppo

Earning per Share o Utile per Azione riferito al bilancio della capogruppo. E’ dato dal rapporto tra l’utile netto della capogruppo e il totale delle azioni emesse dalla società (ordinarie + risparmio + privilegiate). Il valore si riferisce all’ultimo bilancio approvato dall’assemblea degli azionisti.

EPS consolidato

Earning per Share o Utile per Azione riferito al bilancio consolidato. E’ dato dal rapporto tra l’utile netto di gruppo e il totale delle azioni emesse dalla società (ordinarie + risparmio + privilegiate). Il valore si riferisce all’ultimo bilancio approvato dall’assemblea degli azionisti.

EPS consolidato atteso

Earning per Share o Utile per Azione riferito al bilancio consolidato. E’ dato dal rapporto tra l’utile netto di gruppo e il totale delle azioni emesse dalla società (ordinarie + risparmio + privilegiate). Il valore si riferisce al bilancio che deve essere ancora approvato dall’assemblea degli azionisti.

Equalizzatore

Coefficiente che è stato introdotto con la riforma della tassazione dei capital gains: serve per rendere equivalente, in termini di tassazione del reddito, il trattamento di chi opta per il regime della dichiarazione o del risparmio amministrato a quello di chi sceglie il regime del risparmio gestito

Equity linked

Le equity linked sono obbligazioni il cui rendimento dipende dall’andamento del parametro a cui il titolo è ‘agganciato’. Il parametro di indicizzazione può essere un indice di borsa (ad esempio il Mib30 o l’indice Dow Jones), un paniere di indici di borsa, un titolo azionario, un paniere di azioni o un fondo comune di investimento

ESCO o Energy service companies

Il termine ESCO, acronimo di Energy service compagnie, indica una società che fornisce ai propri clienti servizi rivolti alla realizzazione di interventi di razionalizzazione del sistema di uso e di generazione locale dell’energia per ridurre i consumi e garantire un uso più efficiente dell’energia. Una ESCO si occupa anche del finanziamento degli interventi e recupera l’investimento effettuato tramite i risparmi conseguiti nei costi di esercizio rispetto a quelli storicamente sostenuti dal cliente.

Estensione

Movimento di mercato in direzione del trend, successivo al raggiungimento di un determinato target

ETC

Gli Exchange Traded Commodities (ETC) sono strumenti finanziari emessi a fronte dell’investimento diretto dell’emittente in materie prime o in contratti derivati su materie prime. Il prezzo degli ETC è pertanto legato direttamente o indirettamente ll’andamento del sottostante.

ETF

Exchange Traded Fund (letteralmente fondi indicizzati quotati); sono dei fondi che replicano fedelmente l’andamento di un indice sottostante e che sono acquistabili come qualsiasi titolo azionario.

ETF plus

Segmento del mercato gestito da Borsa Italiana dedicato alla negoziazione di ETF, ETF strutturati ed ETC.

ETF strutturati

Gli ETF strutturati sono degli OICR negoziabili in tempo reale come delle azioni e gestiti con tecniche volte a perseguire rendimenti che non sono solo in funzione dell’andamento dell’indice benchmark, ma che possono essere volte a proteggere il valore del portafoglio pur partecipando agli eventuali rialzi dell’indice di riferimento (ETF a protezione o flessibili); partecipare in maniera più che proporzionale all’andamento di un indice (ETF a leva); partecipare inversamente ai movimenti dell’indice di riferimento (ETF short con o senza leva); realizzare strategie d’investimento più complesse come ad esempio la strategia cosiddetta buy-write o covered call.

EUREPO

E’ pubblicato dal 4 marzo 2002 dall’European Banking Federation (FBE) e dall’European Repo Council (ERC), ed è un nuovo tasso di riferimento, costruito in modo analogo all’Euribor, per le transazioni pronti contro termine di tipo general collateral denominate in euro.

Eurex

Mercato tedesco dei prodotti derivati; vi sono quotati futures e opzioni su prodotti finanziari e tassi d’interesse. E’ in competizione con Londra per il primato di maggior mercato specializzato europeo (vedi Liffe)

Euribor

Acronimo di Euro Interbank Offered Rate. Parametro di riferimento del mercato interbancario dei paesi aderenti alla Uem. Ha sostituito gli indici nazionali (per l’Italia il Ribor) dal 1° gennaio 1999. È rilevato giornalmente alle ore 11 a cura del Comitato di gestione dell’Euribor e diffuso sui principali mercati telematici (vedi Ribor (Rome interbank offered rate), Eonia, depositi interbancari a tempo, mercato interbancario).

EURIRS

European Interest Rate Swap. Tasso interbancario di riferimento utilizzato come parametro di indicizzazione dei mutui ipotecari a tasso fisso. È espresso sotto forma di media ponderata delle quotazioni alle quali le principali banche operanti nella Unione europea realizzano l’Interest Rate swap.

Euro

Valuta di riferimento della Zona Euro (abbreviazione EUR). Il nome è stato scelto dal Consiglio europeo di Madrid.

Euro clear

Il sistema Euro clear, costituito nel 1981 dalla Morgan Guaranty Trust di Bruxelles, effettua servizi analoghi a quelli offerti dalla Cedel (vedi). Euro clear, come Cedel con cui risulta collegato attraverso il meccanismo chiamato bridge, partecipa ai principali sistemi nazionali di deposito accentrato.

Euro1

Sistema di multilaterale per pagamenti Cross-border in euro gestito dall’Euro Banking Association (EBA) Clearing Company. Al sistema partecipano le banche insediate in un paese della UE. Euro1 garantisce il regolamento di ordini di pagamento tra i partecipanti mediante l’utilizzo di un meccanismo di accodamento dei pagamenti con limiti all’esposizione stabiliti bilateralmente e multilateralmente. La copertura del rischio di insolvenza è ottenuta mediante la costituzione, da parte dei partecipanti, di depositi remunerati per un ammontare complessivo pari alla massima esposizione che può verificarsi nel sistema.

Eurobbligazioni

Obbligazioni a tasso fisso emesse dagli Stati o da imprese e organizzazioni importanti denominate in valuta diversa da quella del mercato di emissione e collocate sul mercato europeo e internazionale (es. obbligazioni in lire scambiate sul mercato di Londra)

Euromercato

Mercato finanziario dei prestiti in valuta effettuati, in Europa, al di fuori dei paesi in cui le singole valute costituiscono la moneta nazionale (eurodollaro)

Euronote

Titolo a breve termine negoziabile emesso nell’ambito di una note issuance facility o di un programma di Eurocommercial paper.

Eurosistema

Comprende la BCE e le banche centrali nazionali degli Stati membri che hanno introdotto l’euro nella terza fase della UEM. Vi partecipano attualmente le banche centrali nazionali. è governato dal Consiglio direttivo e dal Comitato esecutivo della BCE.

EV

Enterprise Value. Esprime il valore complessivo di un’azienda dato dalla somma tra la capitalizzazione di Borsa e l’indebitamento finanziario netto. Questo indicatore viene rapportato a voci di bilancio al lordo dei risultati finanziari: fatturato, ebitda ed ebit.

EV per azione

Enterprise Value diviso per il numero totale delle azioni in circolazione (ordinarie, risparmio e privilegiate).

EV/EBIT

Rappresenta il rapporto tra l’Entreprise Value e l’EBIT. Tendenzialmente, più il rapporto è elevato e più l’azione è sopravvalutata. Per fare delle valutazioni più attendibili è opportuno eseguire confronti con le aziende concorrenti o con le medie storiche. Occorre poi considerare che non esiste un valore ottimale di riferimento per tutti i titoli in quanto il rapporto varia a seconda dei settori e a seconda delle Borse.

EV/EBITDA

Rappresenta il rapporto tra l’Entreprise Value e l’EBITDA. Tendenzialmente, più il rapporto è elevato e più l’azione è sopravvalutata. Per fare delle valutazioni più attendibili è opportuno eseguire confronti con le aziende concorrenti o con le medie storiche. Occorre poi considerare che non esiste un valore ottimale di riferimento per tutti i titoli in quanto il rapporto varia a seconda dei settori e a seconda delle Borse.

EV/F

Rappresenta il rapporto tra l’Entreprise Value e il Fatturato. Tendenzialmente più il rapporto è elevato e più l’azione è sopravvalutata. Per fare delle valutazioni più attendibili è opportuno eseguire confronti con le aziende concorrenti o con le medie storiche. Occorre poi considerare che non esiste un valore ottimale di riferimento per tutti i titoli in quanto il rapporto varia a seconda dei settori e a seconda delle Borse.

Evening star

Figura di inversione al ribasso nell’analisi candlestick

Ex-dividendo

Linguaggio borsistico per definire un titolo azionario che viene venduto senza diritto a percepire i dividendi già dichiarati

Expense Ratio danni

Per il ramo danni: Il rapporto tra tutte le spese, escluse le imposte e gli indennizzi, e tutti i premi netti. Dati relativi all’esercizio.