Seedrs - Le start up in salsa inglese - Pagina 3
Netflix alla resa dei conti: per analisti difficile bissare numeri I trimestre
Oggi a chiusura di Wall Street verranno resi noti i contri trimestrali di Netflix. Le scommesse rialziste da parte degli investitori su Netflix hanno reso il titolo della piattaforma di …
Dazi, Trump fa sul serio oppure no?
La cosiddetta “guerra dei dazi” è probabilmente il tema più importante del 2018. Sulle nuove minacce di Donald Trump verso la Cina i mercati hanno reagito male, salvo poi riallinearsi …
Faang stupiscono ancora, occhio alle valutazioni “anomale” di Facebook e Twitter
Tecnologici made in Usa sempre in vetrina a Wall Street. Ieri il Nasdaq Composite è balzato in avanti dell’1,39% aggiornando il massimo storico a 7.823,92 punti sotto la spinta delle …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
Prima 123

  1. #21

    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    63
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    5 Post(s)
    Potenza rep
    1792442
    Citazione Originariamente Scritto da Wizard10 Visualizza Messaggio
    ciò significa che se volessi dismettere le mie quote di una società, dovrebbe sempre intervenire il notaio? Mettiamo il caso che io investa 2000 euro diversificando in 4 società diverse (500 a testa), se volessi vendere la quota di una di queste 4 società (perché magari da 500 euro ora mi valgono 800) dovrei pagare, che so, la metà in spese notarili?
    Le spese notarili sono più basse di 400€, ma sono comunque una cifra significativa. Credo che il fatto che si tratti per la gran parte di Start-up e PMI innovative porti dei benefici lato costi di trasferimento delle quote.
    Ti segnalo però 2 aspetti:
    - tassi di rivalutazione molto elevati (quando le cose vanno bene) portano i costi a pesare meno sul totale della transazione: questa asset class ha rendimenti molto variabili ma che nei casi positivi vanno anche a 10x (+1000%) o oltre, quindi i tuoi 500 € possono diventare 5'000 €, quindi i 200/300 € di notaio pesano ben poco. (oppure diventano zero, e si risparmiano i costi di vendita )
    - la creazione di un mercato secondario porterà ad un abbattimento dei costi e a maggior facilità nel trovare un compratore / venditore, aumentando la liquidità del mercato

    Ovviamente il percorso migliore per realizzare l'investimento è l'exit, ovvero la vendita della società ad un terzo, qui l'orizzonte è più lungo ma i ritorni, in casi positivi, sono anche molto alti

    Spero di essere stato di aiuto

  2. #22

    Data Registrazione
    May 2006
    Messaggi
    37
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    16 Post(s)
    Potenza rep
    1386074
    Citazione Originariamente Scritto da Hedgedo Visualizza Messaggio
    Le spese notarili sono più basse di 400€, ma sono comunque una cifra significativa. Credo che il fatto che si tratti per la gran parte di Start-up e PMI innovative porti dei benefici lato costi di trasferimento delle quote.
    Ti segnalo però 2 aspetti:
    - tassi di rivalutazione molto elevati (quando le cose vanno bene) portano i costi a pesare meno sul totale della transazione: questa asset class ha rendimenti molto variabili ma che nei casi positivi vanno anche a 10x (+1000%) o oltre, quindi i tuoi 500 € possono diventare 5'000 €, quindi i 200/300 € di notaio pesano ben poco. (oppure diventano zero, e si risparmiano i costi di vendita )
    - la creazione di un mercato secondario porterà ad un abbattimento dei costi e a maggior facilità nel trovare un compratore / venditore, aumentando la liquidità del mercato

    Ovviamente il percorso migliore per realizzare l'investimento è l'exit, ovvero la vendita della società ad un terzo, qui l'orizzonte è più lungo ma i ritorni, in casi positivi, sono anche molto alti

    Spero di essere stato di aiuto
    Sei sicuro che le spese per la compravendita delle quote sia inferiore a 400 euro? Recentemente ho approfondito il tema e tra balzelli vari e costi del professionista (commercialista) non si poteva scendere sotto quella cifra, anzi si stava leggermente sopra.

  3. #23

    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    111
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    52 Post(s)
    Potenza rep
    1717990
    Citazione Originariamente Scritto da tasso Visualizza Messaggio
    Sei sicuro che le spese per la compravendita delle quote sia inferiore a 400 euro? Recentemente ho approfondito il tema e tra balzelli vari e costi del professionista (commercialista) non si poteva scendere sotto quella cifra, anzi si stava leggermente sopra.
    Adesso anche il commercialiste puo fare acquisto/vendita quote percio ce piu competizione

Accedi