HERA (her.mi)
FCA, quale futuro dopo Marchionne? M&A sul tavolo di Manley
Il passaggio di consegne tra Sergio Marchionne e Mike Manley alla guida di FCA è stata la notizia più diffusa nel corso del weekend. Ora c’è curiosità per capire quali …
Saipem: titolo sopra i 4 euro in attesa della trimestrale. Ecco cosa si aspetta il mercato
Conto alla rovescia per la partenza delle trimestrali delle big cap italiane che cominceranno lunedì con Luxottica.   Tra le società sotto i riflettori sicuramente troviamo Saipem, il cui Cda …
Goldman Sachs: lancia i nuovi Bonus Cap sui titoli del Ftse Mib. Premi tra il 110 e il 117%
Se c?è una cosa che abbiamo imparato da questo primo semestre 2018 è che la volatilità è tornata con forza sui mercati. Questo rende più difficile la gestione dei portafogli …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #1

    Data Registrazione
    Apr 2017
    Messaggi
    20
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    186674

    HERA (her.mi)

    compriamo Hera ? io direi di siii... rotto il canale orizzontale cominciato a luglio...si risale sperando che rompa velocemente anche la resistenza posta intorno ai €3.

    Voi che dite?

  2. #2

    Data Registrazione
    Apr 2017
    Messaggi
    20
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    186674
    Citazione Originariamente Scritto da trading1 Visualizza Messaggio
    compriamo Hera ? io direi di siii... rotto il canale orizzontale cominciato a luglio...si risale sperando che rompa velocemente anche la resistenza posta intorno ai €3.

    Voi che dite?
    bene la strada è quella

  3. #3

    Data Registrazione
    Apr 2017
    Messaggi
    20
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    9 Post(s)
    Potenza rep
    186674
    obiettivo trading raggiunto, chiudo e porto a casa

  4. #4

    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    1,163
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    26 Post(s)
    Potenza rep
    13172558
    Pubblico questa tabella.

    Ah qui ci sono i scalper...



    Un po ti analisi qualitativa e di bilanci magari interessa qualcun altro che leggerà.


    Utility - Consensus su Ebitda, utile netto e dividendo prima dei bilanci 2017 19/02/2018 08:46 - MKI
    A pochi giorni dalla pubblicazione dei conti del quarto trimestre dello scorso esercizio (solo Enel ha pubblicato i dati preliminari), le attese degli analisti per triennio 2017-2019 su margine operativo lordo, utile netto e dividendo delle principali societa' del comparto utility e delle rinnovabili quotate a piazza Affari indicano risultati in crescita rispetto all'ultimo bilancio approvato, cioe' a quello del 2016.
    In particolare, dall'analisi delle stime di consensus raccolte da Bloomberg emerge a livello di Ebitda un tasso annuo di crescita composto dell'1,9% per il periodo 2016-2019, che lievita al 6,4% a livello di bottom line e al 6,3% con riferimento alle cedole da distribuire agli azionisti.



    EBITDA - Il tasso annuo di crescita composto, detto anche Compounded average growth rate (Cagr) per le Big Cap e' pari al +2,4% relativamente al periodo 2016-2019, mentre scende al +0,9% per le Mid Cap per poi risalire al +4,6% nel caso dell'unica Small Cap del campione, cioe' Falck Renewables. Tra le societa' a maggiore capitalizzazione gli analisti stimano per Italgas ed Enel i Cagr piu' alti per il margine operativo lordo relativo al periodo 2016-2019, rispettivamente pari al +5,4% e al +3,8%, mentre nel caso di A2A e' previsto un tasso annuo di crescita composto pari al -1,7% in quanto il Consensus non prevede che la principale multi-utility lombarda quotata possa registrare nel 2019 un Ebitda superiore a quello riportato nell'ultimo bilancio approvato. Nel segmento delle Mid Cap, il Cagr piu' elevato sulla base delle stime dei broker e' quello di Hera, pari al +2,7%, mentre il peggiore, pari al -1,8% spetta ad Ascopiave. I due analisti (Banca Imi e Kepler Cheuvreux) che coprono l'ex-municipalizzata veneta non si aspettano che nel prossimo triennio sara' replicato il risultato record conseguito nel 2016 a livello di Ebitda. Tra le societa' a bassa capitalizzazione, cioe' le Small Cap, Falck Renewables puo' vantare un tasso annuo di crescita composto del +4,6% per il periodo 2016-2019 in quanto il Consensus, sulla scia di quanto indicato nell'ultimo piano industriale, riflette il contributo delle recenti acquisizioni al di fuori dei confini italiani.
    UTILE NETTO - Il Compounded average growth rate per le Big Cap e' pari al +10,7% relativamente al periodo 2016-2019, mentre scende al +2,2% per le Mid Cap e non e' significativo per l'unica Small Cap del campione. Tra le societa' a maggiore capitalizzazione gli analisti stimano per Enel e A2A i Cagr piu' alti a livello di ultima riga del conto economico relativamente al periodo 2016-2019, rispettivamente pari al +21,1% e al +12,1%, mentre nel caso di Snam e' previsto un tasso annuo di crescita composto pari al -0,8% in quanto il Consensus non prevede che il colosso di San Donato possa registrare nel 2019 un utile netto superiore a quello riportato nell'ultimo bilancio approvato. Le previsioni riflettono una probabile riduzione del ritorno (Wacc) sul capitale investito alla luce dell'avvio del nuovo periodo regolatorio fissato per il 1° gennaio del 2019 per i tre business in cui e' attiva Snam e cioe' il trasporto, stoccaggio e rigassifcazione. Nel segmento delle Mid Cap, il Cagr piu' alto sulla base delle stime dei broker e' quello di Iren, pari al +10,8%, seguito da quello di Hera, pari al +7%, mentre il peggiore, pari al -3,7%, e' di Ascopiave. Tra le Small Cap, il Consensus indica che il risultato netto di Falck Renewables, grazie all'atteso miglioramento degli utili operativi, dovrebbe passare da un rosso di 3,6 milioni registrato nel 2016 a un utile di 21,2 milioni nell'esercizio 2019.
    DIVIDENDO PER AZIONE - Il tasso annuo di crescita composto per i titoli delle societa' a maggiore capitalizzazione e' pari al +9,1% relativamente al periodo 2016-2019, mentre scende al +3,4% per le Mid Cap per poi risalire al +7% nel caso dell'unica Small Cap del campione, cioe' Falck Renewables. Tra le Big Cap gli analisti stimano, in linea con quanto gia' fatto a livello di utile netto, per Enel e A2A i Cagr piu' alti a livello di cedola unitaria relativamente al periodo 2016-2019, rispettivamente pari al +20,6% e al +14,6%, mentre nel caso di Snam e' previsto un tasso annuo di crescita composto ben inferiore e pari al +2,5% alla luce soprattutto della dinamica negativa della bottom line. Le azioni del colosso di San Donato dovrebbero, comunque, offrire fino al dividendo del 2018 uno yield lordo superiore (6%) a quello delle altre Big Cap, superato soltanto nel 2019 da quello atteso per Enel (6,5%). Nel segmento delle societa' a media capitalizzazione Mid Cap, il Cagr piu' elevato sulla base delle stime dei broker, in linea con quanto gia' fatto a livello di utile netto, e' ancora quello di Iren, pari al +10,8%, seguito ancora una volta da quello di Hera, pari al +4,3%, mentre il peggiore, pari al -1,9%, e' di Ascopiave. Tra le Small Cap, il Consensus indica che il Cagr 2016-2019 della cedola unitaria di Falck Renewables, sulla scia del previsto miglioramento dei profitti netti, e' pari al 7 per cento.


    Fonte da Market Insight
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate HERA (her.mi)-get-news-attribute.jpg  

Accedi