GEFRAN....un'occasione da non perdere!
Stm mette il turbo a Piazza Affari nel giorno della trimestrale, conti oltre attese
Il big dei chip corre in Borsa dopo la triemstrale in crescita e sopra le attese. Mercato snobba indicazioni su ricavi primo trimestre 2019
Bper: i conti in Borsa non tornano, gennaio traumatico nonostante smentite su Mps
Banche ancora sotto l’occhio del ciclone a Piazza Affari. Se il 2019 è iniziato sotto i migliori auspici per Piazza Affari, non è così per tutti con alcuni titoli del …
WEF, da Davos appello alla Bce affinché sostenga crescita sempre più zoppicante
In occasione del World Economic Forum, l'AD di ING parla delle sfide che incombono sull'economia mondiale, rappresentate a suo avviso soprattutto dal caos Brexit e dalla guerra commerciale Usa-Cina. E …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
1231151101 Ultima

  1. #1

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    2,848
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    360 Post(s)
    Potenza rep
    41327578

    GEFRAN....un'occasione da non perdere!

    E’ possibile moltiplicare 10 volte un investimento azionario ?

    L’ispirazione m’è venuta leggendo un recente articolo da cui liberamente cito:

    Oggi parliamo dell’argomento più ricercato, sognato, desiderato, bramato e vagheggiato dagli investitori e dai money manager di tutto il mondo, uno degli investitori di maggior successo Peter Lynch lo chiama “Tenbagger”: è quell’investimento in azioni che ti permette di guadagnare “10 volte” il tuo investimento iniziale ma anche molto di più.
    Investo 10.000 euro e riesco a guadagnare 10 volte tanto, trasformando il mio investimento in 100.000 200.000 300.000 euro.
    Mito, leggenda, ma è veramente possibile ?
    I più scettici mi risponderanno che questi “magheggi” riescono solo agli squali della finanza come Soros e compagnia, ma è veramente possibile anche per l’investitore amatoriale conquistare il “Santo Graal degli investimenti?
    Peter Lynch, per chi non lo conoscesse è uno dei più famosi investitori del mondo, ha gestito il fondo comune d’investimento più grande di tutti gli Stati Uniti il Magellan Fund di Fidelity (9 miliardi di dollari di dimensioni) dal 1977 al 1990 con una performance media annua del 29,2%, la più alta di sempre per un gestore di fondi azionari, nel suo famosissimo libro “One Up Wall Street” riporta vari casi di investimenti con rendimenti da 10x, da Subaru negli anni 80′ ad altri nomi più blasonati come Wal-Mart, Hewlett-Packard e General Electric.
    Ma come scovare un 10x in Borsa?
    Altri esempi recenti di titoli che hanno aumentato il loro valore in modo esponenziale sono stati aziende come Netflix che nel 2002 si quotava in Borsa ad un prezzo per azione di 5$, ora invece il prezzo è 97,9$ (19,5x).
    Recentemente un altro 10x è stato Tesla Motors, l’azienda di Elon Musk che produce auto elettriche si era collocata nel 2010 (non un secolo fa’) in Borsa ad un prezzo di 17$ per azione, oggi quelle azioni valgono 216$ (12,7x).


    Bene, il nostro amico si ferma qui e da qui ripartiamo noi che operiamo sulla borsa italiana.
    La scommessa è scovare titoli che possano decuplicare o più diciamo nel giro di due tre anni.
    Io dopo minuziose ricerche sul nostro mercato ne ho trovato uno e vi spiego perché.

    Il titolo in questione è un gioiellino del settore tecnologico italiano, pochissimo conosciuto dal retail e infatti sul forum i post che lo riguardano sono molto rari. Ottimo segno ! sono proprio questi che poi la massa scopre quando hanno già fatto il 400 o 500 %.

    Dunque, parliamo di Gefran.
    Il titolo galleggiava dimenticato da tutti sui suoi minimi come tutte le nostre mid cap, buone o cattive non importa, quando il mercato è orso le piccole capitalizzazioni non le caga nessuno.
    Pur con una discreta trimestrale e un debito assolutamente sostenibile il titolo viagiava sull’euro e mezzo, nell’indifferenza totale con una capitalizzazione ridicola, sui 25 mln di euro.
    Poi un paio di settimane fa una notizia, Gefran cede il settore fotovoltaico, che lo zavorrava distraendolo sal suo storico core business, quanto di più proiettato al futuro possa esserci viste le recenti interazioni con internet : il campo dei sensori a distanza.
    In una settimana il titolo va a 2 euro ossia il 30% in più e poi si ferma.
    Qui tutti i piccoli che avevano messo due spicci sul titolo piano piano escono vedendo il titolo arrivato e spostandosi su altri del listino che in questi giorni stanno partendo. Ingenui !
    Dimenticano che il titolo due anni fa in una situazione peggiore ( e col fardello del fotovoltaico ) quotava 4 euro.
    Ma questo è niente. 4 euro sarà solo il recupero del giusto prezzo, dopo verrà il bello. Leggete l’intervista all’ad sul sole 24 ore.

    La bresciana Gefran è da decenni un gioiello della meccatronica italiana. Produce sensori, sistemi di automazione, apparecchi per il motion control. Ha un giro d'affari di circa 120 milioni di euro. Negli ultimi anni era entrata in crisi a causa di investimenti nel settore dei pannelli solari e della contrazione dei mercati emergenti. L'attuale amministratore delegato, Maria Chiara Franceschetti, figlia del fondatore Ennio, ha impostato un piano di rilancio molto ambizioso. In questa puntata ne parliamo con lei.
    «Il digitale in fabbrica? Sta rivoluzionando il modo di pensare i macchinari e il lavoro su di essi. Due saranno i grandi vantaggi, dal nostro punto di vista: la manutenzione preventiva e l’efficientamento energetico». Maria Chiara Franceschetti dal 2014 è alla guida del gruppo Gefran di Provaglio d’Iseo, in provincia di Brescia, realtà manifatturiera da 115 milioni di fatturato quotata alla Borsa di Milano e specializzata nella produzione di sistemi d’automazione e sensoristica per l’industria.
    Ingegnere, cosa glielo fa dire?
    «Il mercato. Noi produciamo oggetti che vanno a completare una serie di macchinari per la produzione e la lavorazione dei materiali. I nostri clienti, quindi, sono coloro che costruiscono le macchine. E sono loro a chiederci maggior fruibilità wireless e maggiore connettività. Tutti i nostri sensori sono il frutto dell’unione fra meccanica ed elettronica, il che permette il trasferimento del segnale. Ora, grazie all’Internet delle cose, questi dati possono essere fruibili a distanza».
    Avete in azienda dedicato un progetto specifico a Industria 4.0?
    «Parlerei più che altro di una serie di progetti specifici mirati al mercato. Non crediamo alla ricerca fine a se stessa. Abbiamo individuato alcuni gruppi di lavoro declinandoli per argomento. L’obiettivo è sempre duplice. Da un lato l’efficientamento energetico, dall’altro la manutenzione preventiva».
    Quali sono i vantaggi in fabbrica?
    «Ad esempio, sapere leggere tutti i segnali che un tornio fornisce in termini di vibrazioni o di sfrido e poi collegare queste informazioni attraverso algoritmi rende possibile prevedere quando comincerà ad avere problemi. In questo modo il tecnico può intervenire e riparare in tempo prima che la macchina si danneggi interrompendo la produzione all’improvviso. Credo sia un valore aggiunto in azienda».
    E poi c’è una questione di consumi...
    «Misurare e ottimizzare le modalità con cui una fabbrica utilizza e consuma energia penso sia un obiettivo significativo. Oggi stiamo studiando e producendo una linea di inverter intelligenti in grado di fornire agli utenti una serie di informazioni legate alla rete e al suo utilizzo. Il nostro obiettivo, dopotutto, è produrre dispositivi che siano utili ai nostri clienti. Che è poi l’obiettivo stesso di Industria 4.0».
    Dispositivi, immagino, capaci di restituire informazioni semplici.
    «Quello dei big data è un tema molto delicato. Soprattutto se messo in relazione con il cloud, che è ormai la modalità con la quale tutti gestiscono e archiviano una mole crescente di dati. La sfida, oggi, è collegare un elemento sensibile di una macchina al cloud. lo si può fare solo se si individua un tipo di elettronica coerente, capace cioè di trasformare la mole di dati prodotti in informazioni facilmente intellegibili».
    Tutte tecnologie già esistenti?
    «Sì, anche se vanno ottimizzate in funzione delle applicazioni. Conta molto il fattore ambientale. Diverso è parlare di sensori che comunicano in cucina, rispetto a una fabbrica dove le interferenze sono di diversa natura: dalla morchia al rumore fino alle vibrazioni o ai disturbi elettromagnetici. L’obiettivo è, attraverso il software, eliminare i rumori di fondo e trasferire il segnale pulito».
    Quando vi siete accorti che Industria 4.0 era per voi la strada da intraprendere?
    «Quando un nuovo cliente ci ha chiesto di sviluppare una sistema di sensori che avrebbe dovuto essere installato su una serie di oggetti molto piccoli da monitorare a distanza. Aveva bisogno di sensori wireless, alimentati a batteria. Una commessa curiosa, che ha dato però il la alla nostra trasformazione».
    Quali altri settori state sviluppando?
    «Noi siamo nati come azienda di automazione per i macchinari di lavorazione della plastica. Ma abbiamo allargato le nostre competenze nel tempo. Ad esempio, ci interessa molto il mondo del mobile idraulic, cioè delle macchine movimento terra e di sollevamento. Un mondo simile all’automotive, ma con volumi differenti. Forniamo sensori per i trattori e per le ruspe, per intenderci. Il riscontro è interessante».
    Industria 4.0 è un progetto europeo che è nato in Germania. Tuttavia il tessuto imprenditoriale tedesco è molto diverso da quello italiano. Nel nostro Paese, innanzitutto, non esiste una grande industria in grado di anticipare le direttrici innovative della filiera. Sarà un elemento di ritardo?
    «In Italia non esistono capi-cordata. Non esiste cioè una grande industria dietro cui c’è la piccola che cresce. Tuttavia le nostre aziende, indipendentemente dalle dimensioni, sanno cogliere il momento: hanno intuizione e fantasia, sanno capire l’opportunità. E l’Industria 4.0 è un’opportunità. Lo è per la grande azienda per ottimizzare i suoi processi e il suo sistema informativo. Ma è una grandissima opportunità anche per i piccoli che nascono, per i giovani che hanno molte più competenze su questi temi rispetto a chi in azienda c’è già da vent’anni. Si tratta di talenti da impiegare subito nella digital transformation».
    Alla luce di quanto detto sopra non è difficle immaginare un fatturato che dagli attuali 120 mln raddoppi appena riprende un minimo il ciclo cinese e quello degli emergenti in cui Gefran è leader.
    Ma quanto capitalizza oggi, anche dopo la sparata su cessione fotovoltaico ? 29 mln !!! Vi rendete conto ? La Nice quotata allo star che offre sistemi integrati per l’automazione cancelli e sistemi d’allarme capitalizza 307 mln !!!
    Ultima modifica di deber; 03-09-16 alle 12:00

  2. #2
    L'avatar di twentysense
    Data Registrazione
    Dec 2009
    Messaggi
    4,146
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    967 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Cosa sarebbe questo copia incolla dall'altro thread ( moltiplicare 10 volte un investimento azionario, è possibile ? ) ?

  3. #3

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    2,848
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    360 Post(s)
    Potenza rep
    41327578
    L'altra discussione è generica,questa è di gefran....manca il titolo di riferimento ma ho chiesto che lo mettano..

  4. #4

    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    1,755
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    757 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Sembra ci siano notizie ...girando per i forum... Novità?

  5. #5

    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    6,031
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    633 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    semplicemente capitalizza na cippa

  6. #6

    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    1,755
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    757 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da rowing Visualizza Messaggio
    semplicemente capitalizza na cippa
    Effettivamente capitalizzazione ridicola...

  7. #7

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    2,848
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    360 Post(s)
    Potenza rep
    41327578
    alla grande oggi!avanti cosi!

  8. #8

    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    1,755
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    757 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da deber Visualizza Messaggio
    alla grande oggi!avanti cosi!
    Attendo che storni sotto i 2.20 per un ingresso... Spint sembra esaurito

  9. #9

    Data Registrazione
    Aug 2016
    Messaggi
    82
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    65 Post(s)
    Potenza rep
    0
    questo titolo se esci rimani fuori

    chi non le ha deve chiudere gli occhi e comprare al prezzo che trova perchè indietro non torna più, se non di qualche tick e con lettera inesistente

    d'altra parte chi ha il titolo perchè dovrebbe venderle con le prospettive aperte dalla cessione del fotovoltaico ?

    e andare scoperti al ribasso su un titolo simile solo un pazzo potrebbe farlo

    quindi grosse discese sono impossibili

  10. #10
    L'avatar di mamomamo
    Data Registrazione
    Feb 2003
    Messaggi
    3,340
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    737 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Citazione Originariamente Scritto da araldo72 Visualizza Messaggio
    Sembra ci siano notizie ...girando per i forum... Novità?
    Dovrebbe arrivare tra non molto il nuovo piano industriale aggiornato con numeri molto interessanti per me è da comprare di sicuro, un ottimo affare a questi prezzi.

Accedi