WIG - GRUPPO WASTE ITALIA Official Thread 2 - Pagina 5
Banche venete: costo dello Stato fino a 20 miliardi. Risparmiatori: chi saranno gli azzerati
La Stampa calcola la cifra complessiva del salvataggio in 13 miliardi di euro, di cui 8-9 miliardi a carico dello Stato e 4 miliardi a carico di Intesa SanPaolo.
Colossi bancari Wall Street superano stress test Fed. Ma uno rimane indietro (GRAFICI)
Il giudizio finale è in ogni caso positivo: "I risultati di quest'anno dimostrano che, anche nel caso in cui dovesse manifestarsi una grave recessione, le nostre banche più grandi rimarrebbero ben capitalizzate".
Tassi negativi e caccia ai rendimenti: per UBS l’opportunità è nei bond cinesi
Da un report recente di Fitch emerge che il valore dei debiti sovrani globali che presentano tassi negativi sia di $8,6 trilioni.
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #41
    L'avatar di uliss
    Data Registrazione
    Apr 2002
    Messaggi
    10,897
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1023 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Tutto rinviato a ottobre a quanto pare......

  2. #42

    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    4,099
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1112 Post(s)
    Potenza rep
    42949675
    Citazione Originariamente Scritto da uliss Visualizza Messaggio
    Tutto rinviato a ottobre a quanto pare......
    Così spera di recuperare,con un po' di speculatio, altri 3/400k euro dalla vednita di azioni.
    Ma sta messo così male il Colo?

  3. #43

    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    8028300
    Citazione Originariamente Scritto da Fedone Visualizza Messaggio
    Allora il troll scommette:

    1. pagamento di un dividendo straordinario agli azionisti per fare contenti i bondholder.

    Gli azionisti in pratica prendono il cash che se ci fosse servirebbe a pagare le cedole dei bond in default, e gli stessi detentori del bond in default sarebbero contenti.

    2.un'OPA a questi prezzi (pagata da Topolino immagino) o forse da chi vince il superenalotto da 100ml€

    ...io suggerisco di cambiare pusher.

    Confermo la data del 16 agosto come importante (messaggio di stamani), il troll non capirà perché e fino a quel giorno auspicherà che passi la legge di liberalizzazione della cannabis
    Premesso che non sono un troll ma anche tu ....... Non scherzi
    Che ca...o è successo il 16 ...
    Tieni le persone sulle spine manco avessi la verità assoluta
    Boh non ti capisco a parte seminare panico sul titolo, perso che si sappia che questa società è tutto meno che un investimento sicuro
    Tu seriamente cosa pensi che venga sospesa a tempo indeterminato o che riesca a uscire dalla bufera perché se anche ci fosse una piccola chance mi pare che il prezzo attuale sconti una brutta fine è che quindi sia una scommessa speculativa ci possa stare

  4. #44

    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,154
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2812 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Sul 16 agosto mi sono in parte sbagliato, c'è qualche intoppo

    Se poi ti piacciono questi titoli potresti fare un bel portafoglio con:

    CHL, Agronomia, Investimenti e sviluppo, Biancamano e soprattutto SINTESI...c'è l'imbarazzo della scelta, quindi buon gioco

  5. #45
    L'avatar di uliss
    Data Registrazione
    Apr 2002
    Messaggi
    10,897
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1023 Post(s)
    Potenza rep
    0
    forse però anche tu non ce l'ha racconti tutta vero fedone ?

  6. #46

    Data Registrazione
    May 2010
    Messaggi
    425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    14 Post(s)
    Potenza rep
    8028300
    Citazione Originariamente Scritto da Fedone Visualizza Messaggio
    Sul 16 agosto mi sono in parte sbagliato, c'è qualche intoppo

    Se poi ti piacciono questi titoli potresti fare un bel portafoglio con:

    CHL, Agronomia, Investimenti e sviluppo, Biancamano e soprattutto SINTESI...c'è l'imbarazzo della scelta, quindi buon gioco
    Scusa se te lo dico caro fedone ma tu sei peggio dei peggiori troll intanto non dici che cosa ti aspettavi per il 16 poi mi deridi elencando titoli in chiara difficoltà senza nessun nesso solo per prendere in giro datti una calmata ed un bagno di umiltà non farebbe male che ne sai che titoli ho in portafoglio e che tipo di operatività uso
    Ti ho chiesto semplicemente un parere sulla possibilità di sospensione a tempo indeterminato e come la vedi in termini speculativi
    Se rispondessi in modo meno arrogante e con le tue aspettative (non riportando solo articoli negativi) sarebbe gradito
    Se invece per l'ennesima volta rispondi solo con pessime affermazioni come quella sopra allora abbiamo capito
    ....... Il troll sei tu
    Grazie

  7. #47

    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,154
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2812 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Prego!

    Non capisco cosa ci sia di trollesco a suggerire la costruzione di un portafoglio di titoli "moribondi"/mezzi falliti di cui è zeppa la borsa.
    La diversificazione di portafoglio è la prima regola per l'investitore intelligente.
    C'è anche da notare che Intermonte ha un portafoglio SHORT su tale tipologia di titoli...negli ultimi anni gli è andata male solo con CHL (errore di timing), è un fatto.

    Non dico altro, non faccio il veggente, se vuoi sapere cosa penso puoi rileggerti tutto il topic di Waste.

    Un noticina: ieri ho letto che Ciccolella è stata dichiarata fallita per 700.000€ di una fattura! Ora sono in "causa" e deciderà il tribunale.
    Qui si gioca d'azzardo, su questo siamo d'accordo.

    Se vuoi saperlo ho il dente avvelenato per la presa per fondelli che ho subito dal Colucci a gennaio 2016 (comunicato sotto), alla lettura di quel comunicato ho cominciato a seguire il titolo ed "indagare" ...ritengo giusto che si sappia quello che fanno e hanno fatto:


    ____________

    01/02/2016 09.31 Commenti - Piazza Affari

    Gruppo Waste Italia, precisazioni sui cali del titolo

    FTA Online News

    Gruppo Waste Italia (WIG), società attiva nel settore dell'ambiente, rettifica quanto comunicato in data 27 gennaio 2016. L'anomala discesa del corso dell'Azioni WIG, che si è perpetrata anche nelle sedute successive, è risultata influenzata dalla vendita a mercato di Azioni WIG derivanti da una escussione da parte della Banca Intermobiliare di Investimenti ("BIM"), di n. 184.681 azioni di proprietà dell'azionista di riferimento di WIG ("Azioni WIG") - Sostenya Group Plc - custodite nel dossier 25/27783 presso Banca Intermobiliare e Gestioni ("BIM"), costituito a garanzia di un mutuo chirografario erogato in data 7 luglio 2008 residuale ad oggi per circa Euro 1,3 milioni ("Esposizione"), alla Sostenya S.p.A. (già Allea S.p.A.), holding di partecipazioni detenuta dalla famiglia Colucci e controllante del Gruppo Waste Italia S.p.A. (già Kinexia S.p.A.) prima della sua fusione per incorporazione in quest'ultima.

    Sostenya Group Plc è chiamata in causa solo a titolo di garante indiretto. L'Esposizione risulta garantita anche da azioni di Veneto Banca per un controvalore di acquisto di Euro 1 milione ("Investimento") a suo tempo acquistate da Allea S.p.A., e su cui valore, WIG ha instaurato un contenzioso attivo verso BIM per il recupero integrale dell'Investimento a deconto dell'Esposizione.

    La Società, l'azionista di riferimento Sostenya Group Plc, WIG e gli azionisti di minoranza della Società subiscono, per la suddetta impropria vendita delle Azioni WIG, al momento solo parziale sulla base dei volumi scambiati, un palese danno che verrà tutelato da Sostenya Group Plc e WIG nelle sedi più opportune.

    Per questi motivi, Sostenya Group Plc sta intimando BIM di sospendere immediatamente la Vendita WIG sul mercato di Borsa.

    Il Presidente ed Amministratore Delegato del Gruppo Waste Italia S.p.A. ha così commentato: "mi scuso con BPER, personalmente e a nome del Gruppo, per aver attribuito a tale Istituto l'anomala flessione del corso dell'azione. Si tratta di una Banca sempre corretta ed attenta ai suoi clienti e stakeholders tutti, che è stata, in tutti questi anni, sempre a fianco al gruppo per il progressivo e attivo sviluppo del suo business".
    (GD)

    ___________________

    (il PALESE DANNO voglio sperare venga accertato semmai dalle autorità competenti e vengano risarciti coloro che l'hanno subito, vedasi caso Seat e ora MPS!!!)

    E un commento sull' "anomala flessione" che di anomalo non ha nulla alla luce dei fatti.

  8. #48

    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,154
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2812 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Messaggio non rivolto ai troll...ma a chi conosce il piano industriale e sa dove si "gioca" la continuità aziendale

    _________________________

    Il terzo progetto Wastend, depositato il 15 luglio dalla società SMC, comprende una valutazione dell’impatto sulla salute che la realizzazione del progetto potrebbe produrre.

    La società ha commissionato lo studio al professor Giorgio Gilli, ordinario di Igiene nell’Università di Torino. Titolo: “Prime valutazioni igieniche-sanitarie sulla realizzazione dell’impianto in progetto”. Se queste sono solo le “prime” dovremmo attenderci da SMC anche quelle successive e infine le ultime. Che se ne faranno i residenti delle sole “prime valutazioni”? E come faranno i tecnici di Città Metropolitana e l’ASL a valutare il progetto?

    Il professore scrive che la nuova discarica verrà realizzata nella attuale Chivasso 1. Ma non è così: si userà anche lo spazio fra la Chivasso 2 e la Chivasso 3 e quello dove ora si trovano gli uffici e l’impianto di trattamento dei pneumatici. Il professore avrà letto bene il progetto?

    Lo studio parla solo degli odori

    Valutando il possibile impatto sulla salute di Wastend TRE lo studio prende in considerazione quasi solo le emissioni in atmosfera: PM10, NOx e odori. Non considera invece le emissioni nelle acque superficiali e sotterranee e quelle nel suolo. Restano quindi fuori dalla sua analisi fenomeni ben presenti ai chivassesi e ai montanaresi, quali l’inquinamento delle falde e la migrazione di biogas nel sottosuolo. Fenomeni ricordati nel parere redatto da ASLTO4 nel novembre 2015 in occasione della presentazione del secondo progetto Wastend. Un documento che Gilli conosce e che cita proprio nelle prime pagine. ASL vi osservava che Wastend DUE sarebbe andato a “sovrapporsi, con probabile incremento, alle attuali emissioni di sostanze pericolose o indesiderate (es. sostanze odorigene) nell’aria, nelle acque superficiali e sotterranee nel suolo”, E siccome era pensabile un loro “incremento”, l’azienda sanitaria chiedeva che SMC fornisse “solide garanzie tecniche e gestionali in modo tale da evitare effetti negativi sulle matrici ambientali prima ancora che sulla salute”. Ebbene, nello studio del professor Gilli dove sono finiti il sottosuolo e le acque? Può darsi che il professore ritenga che Wastend TRE non produrrà nel suolo e nelle acque alcun mutamento potenzialmente dannoso per la salute. Ma allora avrebbe dovuto scriverlo, anche solo per rispondere ad ASL. Si può azzardare un’altra spiegazione: mentre gli odori ci saranno sicuramente, le migrazioni di metano nel sottosuolo e l’inquinamento delle falde sono “incidenti” che non si possono prevedere e che un’opera realizzata con grande cura dovrebbe escludere. Forse Gilli ha ragionato in questo modo? Non lo sappiamo perché non lo scrive. Ma allora perché citare il documento dell’ASL che considera anche il suolo e l’acqua? Teniamo conto che la legge 36/2003 impone un periodo di monitoraggio “post chiusura” anche di acqua e suolo: segno che l’inquinamento di entrambi è per il legislatore una concreta possibilità.

    Gli studi sulle discariche

    Wastend a parte, per quanto riguarda in generale la questione dell’impatto delle discariche sulla salute, il professor Gilli scrive che “i risultati della valutazione della letteratura scientifica relativa agli studi condotti in prossimità di impianti di trattamento dei rifiuti non consentono ad oggi di dare una risposta chiara e univoca al problema, rendendo necessari ulteriori approfondimenti”. Ma subito dopo cita due studi che qualche cosa ci dicono. Il primo è lo studio “Sentieri” del 2010, che rileva una “associazione limitata” fra presenza di discariche e due patologie: malformazioni congenite (a tutte le età) e alcune condizioni morbose di origine perinatale (fino ad un anno). Il secondo è il Progetto SEPSIR che individua una correlazione fra discariche e “basso peso alla nascita (residenza entro 2 km); anomalie congenite (residenza entro 2 km); ricoveri per malattie respiratorie (residenza entro 5 km); annoyance odorigeno (residenza entro 200 m)”. Però Gilli non riferisce i risultati di due altri studi recenti facilmente reperibili in rete: quello di ERAS Lazio (citato solo nella bibliografia) e quello di ARPAM Marche, entrambi del 2013. Il primo studia fra gli altri il sito di Malagrotta: “le malattie del sistema circolatorio (donne) e dell’apparato respiratorio (uomini)… sono aumentate tra i residenti nell’area più prossima agli impianti. Tra le donne si è osservato un eccesso di tumore della laringe e della mammella nelle zone più prossime. Rispetto a coloro che abitano lontano dagli impianti dell’area, i residenti più prossimi ricorrono più frequentemente alle cure ospedaliere, in particolare per malattie circolatorie, urinarie e dell’apparato digerente”. Del secondo, di ARPAM Marche, citiamo il riassunto: “Le cause di mortalità e di ricovero ospedaliero considerate sono quelle che l’attuale letteratura scientifica associa alla residenza in prossimità di siti legati al ciclo di smaltimento dei rifiuti, in particolare: tumori emolinfopoietici, polmone, vescica, fegato e malformazioni congenite. Risultati: in alcune delle 12 aree selezionate si sono evidenziati eccessi statisticamente significativi per la mortalità e la morbosità relativi a tutte le cause a ed alcune delle cause specifiche precedentemente citate”.

    “Chivasso, stai serena!”

    Torniamo in conclusione a Wastend TRE. Valutando il suo impatto sulla salute, come abbiamo osservato il professor Gilli si concentra quasi esclusivamente sulle emissioni in atmosfera. Per quanto riguarda l’odore prevede un aumento del 40%. E’ tanto, soprattutto se pensiamo che la “puzza” è stata in questi anni una delle regioni delle lamentele dei residenti. Del resto, svuotare completamente una vecchia discarica di 500.000 mc cubi di rifiuti come la Chivasso 1, depositare provvisoriamente i rifiuti a lato della discarica, fare la cernita delle parti recuperabili (plastica, ferro, ecc.), e poi rimettere quel che resta nel buco…non potrà che produrre una gran puzza. Benché Gilli si occupi soprattutto delle emissioni in atmosfera, proprio nelle ultime righe impartisce delle raccomandazioni per noi poco rassicuranti: “Rispetto ai parametri sanitari da monitorare si ritiene opportuno procedere con successive valutazioni volte a valutare eventuali variazioni nello stato di salute della popolazione interessata, con particolare riferimento alle cause potenzialmente associate a situazioni di inquinamento ambientale come l’esposizione a discariche di rifiuti. Si propone pertanto una valutazione con periodicità annuale, compatibilmente con l’aggiornamento delle banche dati sanitarie, dell’andamento dei seguenti parametri: mortalità per malformazioni congenite; mortalità per condizioni morbose perinatali; morbosità per malattie dell’apparato respiratorio”.

  9. #49

    Data Registrazione
    May 2016
    Messaggi
    215
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    137 Post(s)
    Potenza rep
    3077971
    Adesso si capisce cosa Fedone volesse dire quando parlava del 15 agosto. Peccato solo che i tempi di approvazione della VIA, a differenza di quanto crede Fedone, siano di 150 giorni, non di 30.
    Comunque, qua si trova la documentazione completa relativa al progetto:
    VAL 281 - SMALTIMENTI CONTROLLATI SMC Srl - Citta Metropolitana di Torino...
    Molto di più di una semplice relazione sugli odori.

    Tanto per dire che, per l'ennesima volta, il buon Fedone cita articoletti presi chissà dove, che lo portano a farsi idee sbagliate del mondo che lo circonda.

    Comunque è palese che non sia questo che salverà o affosserà Waste.

  10. #50

    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,154
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2812 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Sì si, come no..è palese

    E' PALESE IL DANNO AGLI AZIONISTI, già scritto 2 messaggi sopra.

    Talmente palese che pure i revisori e Colucci stesso citano wastend 2 e ora 3 come progetto fondamentale per la continuità aziendale.
    Ma evidentemente non hai letto i chiarimenti dati alle autorità dopo L'ACCENSIONE DEL FARO CONSOB?

    Quanto alla relazione sugli odori fatta ai fini del rilascio delle autorizzazioni DOPO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO NOTO DA TEMPO al contrario della relazione, non dico altro. Se non che il troll ignora chiaramente quale sia L'ITER DI APPROVAZIONE del progetto stesso e quali autorità vengano coinvolte.

    Mi spiace infine deluderti ma non mi riferivo a questo progetto con la data del 16, quindi non hai ancora capito nulla di quanto asserisci di capire.

    Ti fornisco un piccolo indizio così dimostri le profonde competenze che hai, un nome: Gianfilippo Cuneo.

    Se c'azzecchi ti dico a cosa mi riferivo con la data del 16 agosto.
    Per intanto salutami il tuo amico pazzoID

    Comunque mi sembra evidente che il titolo non lo segua nessuno, solo troll, speculatori e qualche "affezzionato" schiapparelista come il sottoscritto

    Io prendo il topic in questione come un diario da passare ai posteri, un bel passatempo

    Sono ora curioso nei prossimi giorni di vedere se Intermonte si sta ancora ricoprendo in area 0,17 dopo la vendita in area 0,23 con gain di circa il 25%

Accedi