WIG - GRUPPO WASTE ITALIA Official Thread 2 - Pagina 4
Banche venete, Nomura non cambia idea sui BTP. Ecco quello da “outright short”
Il salvataggio delle banche venete, i cui asset performanti entreranno a far parte a tutti gli effetti nella galassia di Intesa Sanpaolo, potrà avere un impatto positivo sui BTP italiani, ma solo nel breve termine. Rischio politico sottovalutato.
Eni, le scommesse vinte dal Mar Caspio al Golfo del Messico per affermarsi nella prima linea del mercato globale
Eni sempre più internazionale in questa prima parte di 2017, nel corso della quale la major petrolifera italiana ha inanellato una serie di contratti monstre e joint venture con player di caratura internazionale che le hanno permesso di biss...
BRI a banche centrali: alzate tassi. Ma lancia anche alert debito, mentre aumentano pressioni su Bce
Attesa per l'intervento di Mario Draghi in occasione del meeting annuale dei banchieri centrali, organizzato dalla Bce, a Sintra (Portogallo)
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #31

    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    192
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    125 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da gigawatt Visualizza Messaggio
    zLuca, non ne vale la pena di perdere tempo a rispondere .... meglio attendere. I fatti daranno ragione a chi avra' avuto maggior avvedutezza.
    Ah, non c'e' piu' né pace né tranquillità... peccato

    Ma se non ricordo male qualcuno giorni fa aveva salutato per sempre, dandoci l'illusione che non avrebbe più scritto.

  2. #32
    L'avatar di Fedone
    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,169
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2828 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Gentilissimo sig. Elekra69.

    MI aveva contattato via messaggio privato chiedendomi informazioni e ora mi attacca perché infastidito dalla mia presenza?

    Le faccio presente che rispondevo a pink pantera....e si è inserito zluca auspicando un insensato DELISTNG, che può avvenire in queste condizioni solo per via di un sospensione a tempo indeterminato come da regolamento di borsa italiana che ho postato.

    Segnalo i lettori del trollaggio in corso sul topic avente lo scopo di mantenere massima la DISINFORMAZIONE, onde guadagnare dalle asimmetrie informative e dalle notizie interpretate secondo i loro fini (la notizia della ristrutturazione del bond jinko del 22 giugno è un caso emblematico di come agiscano questi personaggi)

    https://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

  3. #33
    L'avatar di damiano17
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    12,298
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    86 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Waste I.: cede 2 impianti a biomassa a Iron R.E.

    Data : 01/08/2016 @ 09:16
    Fonte : MF Dow Jones (Italiano)
    Titolo : Gruppo Waste Italia (WIG)

    Waste Italia ha sottoscritto, tramite la società interamente controllata Sunrt02, un accordo con Iron R.E. per l'acquisto iniziale del 50,20% del capitale sociale di Er Società Agricola e di Bioenergie Italia Società Agricola.
    L'operazione, informa una nota, è avvenuta per atto notarile tramite aumento di capitale dedicato a Iron per 10,1 mila euro. Attraverso l'aumento, Iron è divenuta nuovo azionista di controllo delle società al 50,20% mentre la Sunrt è scesa dal 100% al 49,80%. Perdendo il controllo, deconsolida il debito per 12,5 milioni (di cui verso la Banca Popolare di Bari di 11,7 milioni alla data odierna) e viene liberata dalle fidejussioni a prima richiesta emesse a favore della banca stessa.

  4. #34
    L'avatar di Fedone
    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,169
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2828 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Continuo a combattere la disinformazione, faccio dispiacere ai troll?


    Deconsolidano i debiti di fatto: 12,5ml€ e valorizzano l'equity della controllata 1,8 ml€...di cui 1 ml€ a 5 anni!
    La PFN migliora del 5% circa a scapito della marginalità, ma è tutto coerente col nuovo piano industriale.


    (questa controllata era stata scissa da Volteo in occasione della cessione di questa ad Innovatec, credo valutata 3ml€, non ne sono certo, evidentemente già all'epoca l'idea era di fare queste cessioni a beneficio di WIG).

    La domanda che viene spontanea è: chissà chi parteciperà all'aumento di capitale di Iron srl?...qualche idea ce l'avrei.

    A quanto si legge ancora puntano alla fusione con Biancamano. (sarà vero o è una "scusa" per vendere quanto di appetibile c'è dentro il gruppo? mi auguro che il collegio sindacale faccia il suo lavoro)


    ____________________________
    01/08/2016 08.43 Commenti - Piazza Affari

    Waste Italia, IRON al controllo di ER Società Agricola e Bioenergie Italia Società Agricola

    FTA Online News

    Gruppo Waste Italia, società attiva nel settore dell'ambiente, informa che è stato sottoscritto tra la società interamente controllata SUNRT02 S.r.l. ("SUNRT") e la società terza Iron R.E. S.r.l. ("IRON" e congiuntamente con SUNRT le "Parti") un accordo per l'acquisto iniziale del 50,20% del capitale sociale delle società ER Società Agricola a r.l., ("ER") e della società Bioenergie Italia Società Agricola a.r.l. ("BIO" complessivamente con ER le "Società") tramite Aucap infra definito di Euro 10,1 mila a Società ("Operazione di Cessione") e concessione a IRON di una opzione call a 5 anni per l'acquisto della partecipazione residua ad un corrispettivo di Euro 630 mila per ER e Euro 454 mila per BIO. L'Operazione di Cessione è avvenuta per atto notarile tramite aumento di capitale dedicato a IRON per Euro 10,1 mila a Societa' ("AuCap").

    Attraverso l'Aucap, IRON è divenuta nuovo azionista di controllo delle Società al 50,20% mentre la SUNRT è scesa dal 100% al 49,80%. Perdendo il controllo, l'Emittente deconsolida il debito per Euro 12,5 milioni (di cui verso la Banca Popolare di Bari Scarl "Banca" di Euro 11,7 milioni alla data odierna) e viene liberata dalle fidejussioni a prima richiesta emesse a favore della Banca stessa. La Posizione Finanziaria Netta di Gruppo WIG non ne beneficia direttamente in quanto il debito verso la Banca è riclassificato tra le passività in dismissione coerentemente con il disposto del IFRS 5.

    Per finalizzare l'Operazione di Cessione, la controllata SUNRT ha convertito a capitale parte dei suoi crediti (Euro 600 mila) e il residuo di Euro 479 mila (ceduto a IRON) risulterà postergato al finanziamento bancario.

    L'Enterprise Value dell'Operazione di Cessione è risultato pari a Euro 14,3 milioni.

    Per finalizzare l'Operazione di Cessione:

    i) le Assemblee dei Soci delle Società convocate in via totalitaria hanno deliberato favorevolmente l'approvazione del bilancio straordinario delle Società al 31 maggio 2016, coprendo le perdite conseguite nel periodo di riferimento con parte delle nuove riserve di Euro 300 mila a Società determinatesi in sede di approvazione del bilancio straordinario per espressa conversione del socio unico SUNRT di parte dei crediti dallo stesso vantati. La residua parte dei crediti vantati da SUNRT (al netto dei sopracitati Euro 300 mila a Società) rispettivamente di Euro 157 mila per BIO e Euro 322 mila per ER, sono stati successivamente ceduti a IRON ("Cessione Crediti"). La cessione è avvenuta pro-soluto ad un corrispettivo pari al loro valore nominale. Stante la subordinazione e postergazione in essere, si è convenuto che IRON pagherà a SUNRT il corrispettivo della Cessione Crediti in data coincidente con quella di estinzione del debito di ER e BIO verso la Banca;

    ii) la Banca ha acconsentito, ai sensi e per gli effetti dell'Articolo 4 o) (Change of Control) del contratto di finanziamento, all'emissione di nuovo capitale riservato a favore di IRON e ha liberato i Fideiussori (l'Emittente e la ex controllata Volteo Energie S.r.l. ora correlata) da qualunque impegno ed obbligazione ad essi attribuito quali soggetti fidejubenti e derivante dalla Fideiussione (la "Liberazione dalle Fidejussioni"), fermo restando che tali impegni ed obbligazioni torneranno ad essere efficaci nei confronti di Volteo Energie S.r.l. e/o dell'Emittente o qualunque altra società appartenente al loro gruppo societario, successivamente al perfezionamento dell'Operazione di Cessione, risulti detenere (anche nel caso in cui le transazioni previste nell'ambito dell'Operazione di Cessione vengano revocate) una partecipazione superiore al 50% delle quote rappresentative del capitale sociale delle Società;

    Per accordo stipulato tra le Parti, SUNRT si impegna inoltre a cedere ad IRON a seguito di sua richiesta, comunicata mediante PEC spedita entro 5 anni dalla data odierna, le residue partecipazioni detenute da SUNRT nelle Società (49,80%) ad un corrispettivo pari a Euro 630.135,00 per la partecipazione in ER ed Euro 454.135,00 per la partecipazione in BIO, al netto delle eventuali distribuzioni di utili percepite da SUNRT entro detta data. In caso di esercizio da parte di IRON del diritto di acquisto, IRON comunicherà a SUNRT la data (non prima di 15 giorni dalla comunicazione) ed il luogo ove recarsi per formalizzare la compravendita e SUN non potrà rifiutarsi.

    L'Operazione di Cessione si inquadra nella strategia intrapresa dal Gruppo, avente l'obiettivo, attraverso la riduzione del debito, di esclusivo focus nel business Ambiente a seguito dell'Accordo WIG/Biancamano del 5 agosto 2015, dismettendo quegli assets rinnovabili (come gli impianti a biomassa agricola) non più core e quindi non più rientranti nelle nuove linee strategiche del nuovo Business Plan Ambiente. Inoltre i risultati economici e gestionali di ER e BIO non sono stati mai soddisfacenti e hanno sempre registrato perdite, volta per volta ripianate dall'Emittente con conseguente consapevolezza di individuare un partner che avesse un adeguato track record sulla gestione degli impianti e che fosse interessato ad assumere una quota di partecipazione di maggioranza nel capitale sociale delle Società e permettendo un exit strategy definitiva per l'Emittente, al fine di un concreto risanamento economico finanziario delle Società.

    IRON è soggetto qualificato in quanto ha un expertise pluriennale su impianti di questa tipologia. IRON ha quindi manifestato il proprio interesse ad acquistare la quota di controllo delle Società dopo aver condiviso con la Banca Popolare di Bari Scarl una nuova struttura dei contratti di finanziamento connessi.

    IRON è stata assistita nell'acquisizione da F.o.r advisory S.r.l. e che l'Operazione di Cessione si è avvalsa dell'assistenza dall'avvocato Ragnoni di DLA Piper e dall'avvocato Muscettola di Bird&Bird.

    Le Società ER e Bio ER è proprietaria di un impianto per la produzione di energia elettrica da gas proveniente da digestione anaerobica, sito nel Lazio nel territorio del comune di Aprilia (LT), con una potenza complessiva di 0.99 MW e che tale impianto, entrato in esercizio in data 01/06/2013, gode della tariffa incentivante omnicomprensiva pari a 280 €/MWh per un periodo di 15 anni. BIO è proprietaria di un impianto per la produzione di energia elettrica da gas proveniente da digestione anaerobica, sito nel Lazio nel territorio del comune di Latina, con una potenza complessiva di 0.99 MW e che tale impianto, entrato in esercizio in data 01/11/2013, gode della tariffa incentivante omnicomprensiva pari a 271,6 €/MWh per un periodo di 15 anni.

    Per la realizzazione del proprio impianto a biogas, ER e BIO, in data 24 luglio 2012, hanno sottoscritto con Banca Popolare di Bari Società Cooperativa per Azioni (nel seguito la "Banca") un contratto di finanziamento di Euro 6,5 milioni ognuno.

    WIG e Volteo Energie S.r.l. in qualità di sponsor risultavano coobbligate (fidejussione a prima richiesta) nei confronti della Banca ai sensi dei contratti di finanziamento sopracitati. Nella tabella seguente, si evidenzia le perfomance economiche e finanziarie delle Società per l'esercizio 2015 e per i primi cinque mesi del 2016.
    (GD)

  5. #35
    L'avatar di Fedone
    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,169
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2828 Post(s)
    Potenza rep
    0
    http://www.lookoutnews.it/roma-ama-r...irginia-raggi/

    Grazie Edo Ronchi (amico di Colucci)

    http://12alle12.it/trino-portinaro-p...e-renzi-223325

    Grazie anche per la Fondazione Sviluppo Sostenibile.

    Grazie per aver gestito il settore rifiuti in questo modo...gli italiani ringraziano

    Grazie per la "Green Economy"

    Edo Ronchi presenta la relazione sullo stato della green economy in Italia - Fondazione Sviluppo Sostenibile

    Perché questi personaggi devono gestire questi settori???

    E ora chi gestirà questa patata bollente?
    Non è ora di fare pulizia?

  6. #36
    L'avatar di Fedone
    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,169
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2828 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Un articolo del Sole sul business dei rifiuti (forse prezzolato: colpa delle materie prime, non di chi amministra!)...qualcosa da leggere (NON per troll!)

    I (bassi) prezzi delle materie prime frenano il riciclo dei rifiuti - Il Sole 24 ORE

  7. #37

    Data Registrazione
    Dec 2007
    Messaggi
    1,007
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    135 Post(s)
    Potenza rep
    8278940
    Citazione Originariamente Scritto da Elektra69 Visualizza Messaggio
    Ma se non ricordo male qualcuno giorni fa aveva salutato per sempre, dandoci l'illusione che non avrebbe più scritto.
    Pazienza.... Fatti, non parole e blabla

  8. #38
    L'avatar di Fedone
    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,169
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2828 Post(s)
    Potenza rep
    0
    I troll non molleranno, lo so benissimo. Seat mi ha insegnato molto, e ora, che è diventata Italiaonline i troll sono spariti tutti (azionisti polverizzati) e la società è interessante come investimento!!!

    Intanto Biancamano, per tenere aperte le speranze per una ristrutturazione del debito, chiede il concordato.
    Anche qui seguiranno lo stesso percorso? l'operazione di affitto della Sei spa a Innovatec significa che Volteo energie ha i creditori alla porta come il gruppo Waste ?(Il teleriscaldamento era già in affitto a Volteo, ed è controllato da Waste)


    Io continuo ad aspettare il 16 agosto...ma per i bla bla aspettiamo le news, così sono contenti i troll.


    COMUNICATO STAMPA
    Rozzano (MI) 27 luglio 2016
    Nella serata di ieri il Consiglio di Amministrazione di Biancamano S.p.A. ha deliberato:
    - di approvare a livello strategico il ricorso, da parte della controllata Aimeri Ambiente S.r.l., alla procedura ex art.161, comma 6, del R.D. 267/1942 e s.m.i.;
    - di fissare per il prossimo 30 novembre 2016 la data di approvazione del progetto di bilancio di esercizio e del bilancio consolidato al 31 dicembre 2015, nonché della relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2016.
    Il successivo Consiglio di Amministrazione di Aimeri Ambiente S.r.l., tenutosi nella serata di ieri, ha deliberato di approvare la domanda di concordato preventivo con riserva ex art.161, comma 6, del R.D. 267/1942 e s.m.i.
    In aggiornamento a quanto comunicato in data 30 marzo 2016, 9 maggio 2016 e 30 giugno 2016, Biancamano rende noto che, nelle more della definizione delle trattative pendenti con gli Istituti Finanziatori
    ai fini della rinegoziazione del debito della propria controllata Aimeri Ambiente S.r.l (di seguito per brevità “Aimeri”), il Consiglio di Amministrazione della Società, riunitosi nella serata di ieri, ha approvato, nell’ambito dei propri compiti di direzione strategica, il ricorso da parte di Aimeri alla procedura di concordato preventivo con riserva ex art. 161, comma 6, del R.D. 267/1942 e s.m.i. (di seguito per brevità L.F.”), prodromica al deposito di una successiva domanda di concordato “in continuità” ex art.186 bis L.F.. Dopo aver esperito tutte le analisi necessarie, infatti, il CDA ha ritenuto che tale strumento, nelle more delle negoziazioni, rappresenti il percorso più efficace per porre in sicurezza da subito il patrimonio della controllata grazie agli effetti protettivi previsti dall’articolo 168 L.F. e tutelare, in tal modo, tutti i portatori di interessi.
    Successivamente, sempre nella serata di ieri, il Consiglio di Amministrazione di Aimeri, preso atto delle deliberazioni di indirizzo assunte dal CdA della Controllante, esperite a sua volta le analisi e le valutazioni ritenute necessarie, ha deliberato, con le formalità di legge, di ricorrere alla procedura di concordato preventivo con riserva ex art. 161, comma 6, L.F., prodromica al deposito di una successiva domanda di concordato “in continuità” ex art.186 bis L.F., per i seguenti principali motivi:
    a) Aimeri versa nella fattispecie prevista dall’art. 2482-ter c.c. e, pertanto, è necessario che l’applicazione di tale norma sia “sospesa”, ai sensi del disposto dell’art. 182-***ies L.F., al fine di consentire il completamento del percorso di risanamento della società;
    b) Aimeri ha subito numerose iniziative da parte dei propri creditori volte al recupero coattivo dei propri crediti. In questa situazione, al fine di evitare che l’attivo della società vada ad esclusivo beneficio dei
    creditori che abbiano agito in sede esecutiva e di ulteriori creditori che potrebbero intraprendere analoghe iniziative
    , vi è l’immediata necessità di poter beneficiare della protezione giuridica offerta dall’art. 168 L.F. (i.e. per il tramite del deposito del ricorso ex art. 161, comma 6, L.F.) fino alla data dell’(auspicata) omologa del concordato preventivo con continuità aziendale ex art. 186-bis L.F.; sul
    punto si evidenzia che la continuità aziendale è attualmente garantita dall’operazione di affitto dell’intera azienda di proprietà di Aimeri in favore della propria controllata al 100% Energeticambiente S.r.l. - e i cui effetti giuridici sono decorsi dal 20 giugno scorso - che consente di continuare a fornire un servizio primario (igiene urbana) a circa 1 milione di cittadini attraverso l’impiego di circa 1.300 dipendenti che
    operano quotidianamente sul territorio nazionale.
    c) il piano di ristrutturazione - volto a conseguire il risanamento dell’esposizione debitoria di Aimeri Ambiente S.r.l. e il riequilibrio della propria situazione finanziaria attraverso il ricorso alla procedura di
    concordato preventivo con continuità aziendale ex art. 186-bis L.F. - è ancora in corso di elaborazione e, soprattutto, le negoziazioni con gli Istituti Finanziatori, che dovrebbero auspicabilmente concludersi con i noti accordi, necessitano di ulteriore tempo per essere finalizzate e conseguentemente formalizzate.
    Premesso quanto sopra il ricorso ex art. 161, sesto comma, L.F. verrà depositato da Aimeri presso il Tribunale di Milano in data odierna.
    In tale contesto di maggiore tutela, Biancamano S.p.A. potrà quindi proseguire le trattative avviate con gli Istituti Finanziatori ai fini della rinegoziazione del debito della propria controllata.
    Preso atto di tutto quanto sopra, il Consiglio di Amministrazione di Biancamano S.p.A. - tenuto conto delle delibere assunte dal Consiglio di Amministrazione della propria controllata e delle tempistiche della
    procedura concordataria previste dall’art.161, sesto comma, L.F. - ha ritenuto ragionevolmente di poter fissare per il prossimo 30 novembre 2016 la data di approvazione del progetto di bilancio di esercizio e del bilancio consolidato chiusi al 31 dicembre 2015, nonché della relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2016. Il Consiglio di Amministrazione, che sarà chiamato a deliberare in merito all’approvazione dei risultati annuali, determinerà la nuova data dell’Assemblea degli Azionisti di approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31 dicembre 2015.
    Ultima modifica di Fedone; 05-08-16 alle 17:14

  9. #39
    L'avatar di Fedone
    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,169
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2828 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Piano piano i tasselli vanno a posto: Volteo perde la causa con l'emiro e dovendo restituire 7 ml si rivolge al tribunale. Prossima scadenza 2 ottobre.
    A memoria ricordo circa 45ml€ di debiti di Volteo verso parti correlate...avrà la fila dei creditori alla porta oramai il Colucci.
    Volteo era stata ceduta per 10ml€ a Innovatec, bel tempismo.

    Hilton Capomulini, al via i lavori Condotte Spa entra nell'affare - LiveSicilia Catania

  10. #40
    L'avatar di Fedone
    Data Registrazione
    Dec 2001
    Messaggi
    17,169
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2828 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Fedone Visualizza Messaggio
    Allora il troll scommette:

    1. pagamento di un dividendo straordinario agli azionisti per fare contenti i bondholder.

    Gli azionisti in pratica prendono il cash che se ci fosse servirebbe a pagare le cedole dei bond in default, e gli stessi detentori del bond in default sarebbero contenti.

    2.un'OPA a questi prezzi (pagata da Topolino immagino) o forse da chi vince il superenalotto da 100ml€

    ...io suggerisco di cambiare pusher.

    Confermo la data del 16 agosto come importante (messaggio di stamani), il troll non capirà perché e fino a quel giorno auspicherà che passi la legge di liberalizzazione della cannabis
    CVD...mi aspettavo un nuovo dettaglio....aspetto.

    16/08/2016 08.42 Commenti - Piazza Affari

    Waste Italia: proseguono le trattative per rinegoziazione del Bond

    FTA Online News

    Anche a seguito del comunicato stampa emesso in data 15 giugno 2016, Waste Italia S.p.A. (di seguito anche "Waste Italia" o la "Società") rende noti alcuni aggiornamenti in merito al processo di ristrutturazione e revisione della propria struttura patrimoniale e finanziaria. A seguito dell'avvio delle attività di due diligence svolte dagli advisor selezionati dal comitato dei bondholder (il "CoCom") detentori delle obbligazioni quotate per un valore nominale di Euro 200 milioni aventi scadenza il 15 novembre 2019 (il "Bond Waste") e degli Eventi di Default ai sensi della Indenture così come notificati al Trustee in data 16 giugno 2016, la Società ed il CoCom hanno lavorato insieme in maniera costruttiva nell'ottica di formulare una proposta di ristrutturazione consensuale del Bond Waste. Durante le discussioni, in occasione di un incontro avvenuto il 5 luglio 2016, la Società ha presentato al CoCom i propri risultati separati e consolidati per l'anno 2015, nonché il Business Plan 2016-2020 (il "Business Plan"), i quali sono attualmente disponibili sul sito della Società. Il raggiungimento dei risultati operativi previsti all'interno del Business Plan è subordinato alla positiva conclusione della rinegoziaziona del Bond Waste attualmente in corso. Nonostante al momento le parti non abbiano ancora raggiunto un accordo le discussioni finalizzate al raggiungimento di una ristrutturazione consensuale stanno proseguendo. Waste Italia informerà tempestivamente il mercato nel caso di aggiornamenti rilevanti connessi alle attuali trattative.
    (RV)

Accedi