Gradi di subordinazione obbligazioni bancarie
Alert Ocse su Australia: rischia “grave crisi immobiliare e banche. Prepari piano emergenza”
E' di appena qualche settimana fa la notizia, riportata dal Daily Mail Australia, del boom del rapporto debito-reddito delle famiglie australiane. Di fatto, i debiti contratti con le carte di …
Tim: nuova battaglia tra Vivendi-Elliott, i francesi chiedono assemblea revocare i consiglieri del fondo Usa
Un copione già visto per Telecom Italia, con Vivendi ed Elliott che si danno ancora battaglia. I francesi puntano il dito contro "la disorganizzazione"
Bce ora è più falco della Fed. Pessimo tempismo: 52% azionario globale in mercato orso
Considerata ora la situazione in cui versano i mercati - Wall Street fa fronte a una fase di correzione iniziata 10 settimane fa e altre borse non versano in condizioni …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
123 Ultima

  1. #1

    Data Registrazione
    Oct 2007
    Messaggi
    8,313
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Gradi di subordinazione obbligazioni bancarie

    Per coloro che hanno voglia di capire a chi hanno prestato i soldi e il grado di subordinazione che hanno accettato estrapolo parte del file che trovate nell'educational channel. Ho la netta sensazione che il subordine non sia stato preso in considerazione da molta gente che ha comprato "ad capocchiam".
    http://www.finanzaonline.com/forum/s...d.php?t=889999

    Il Capitale bancario costituisce il motore dell’attività della banca (almeno in termini di assunzioni di rischi di credito o di mercato), d’altro lato, deve permettere di assorbire le perdite.
    Il Comitato Cook (di Basilea) ha fissato delle regole minimali per permettere l’attività bancaria in termini di equilibrio tra mezzi propri, obbligazioni subordinate e volume di attività. Tali regole costituiscono la base comune delle normative bancarie dei paesi occidentali.

    Patrimonio di Base (Tier One Capital): Mezzi propri+Obbligazioni Tier One
    *Tier One > 4% x attività ponderate

    Patrimonio Supplementare (Tier Two*Capital)= Obbligazioni Lower Tier Two + Obbligazioni Upper Tier Two
    Obbligazioni Lower Tier Two < 50% Tier One Capital

    Patrimonio di base+Patrimonio Supplementare > 8% attività ponderate

    Tipicamente un emittente con “problemi di capitale” emetterà, nell’ordine:
    Obbligazioni Lower Tier Two, fino al massimo consentito
    Obbligazioni Upper Tier Two, fino al massimo consentito
    Obbligazioni Tier One o aumento di capitale


    Tier 1
    Si tratta della tipologia più rischiosa, da assimilare ad un’azione di risparmio con dividendo/cedola definito a priori. Non ha scadenza, ma l’emittente ha la possibilità di rimborsare il titolo (opzione call) di solito al decimo anno (con l’assenso della Banca Centrale) e, se non lo fa, la cedola cresce, rendendo più onerosa questa via di finanziamento. La cedola è fissa o variabile fino alla call, mentre è sempre variabile successivamente.
    Qualora la banca non paghi dividendo agli azionisti, la cedola viene cancellata e persa. Qualora vengano realizzate perdite che mettono in pericolo la solidità della banca, il capitale nominale viene decurtato, pro-quota, di queste perdite. In Italia, il nominale viene intaccato in caso il patrimonio di vigilanza sia inferiore al 5% delle attività ponderate.
    In caso di liquidazione, vengono privilegiati i portatori di Tier 2 (Lower e Upper) e Tier 3.
    A causa della natura “ibrida” di questo titolo, che si colloca tra un’azione ed un’obbligazione, la maggioranza delle banche italiane lo considera, dal punto di vista fiscale, un titolo atipico con cedole soggette ad una ritenuta del 27% (invece del solito 12,5% ).
    **
    Upper Tier 2
    E’ poco standardizzato. Meno rischioso del Tier One, ha una scadenza di 10 anni o superiore. In caso l’emittente chiuda l’esercizo in perdita, le cedole non vengono cancellate, ma solo sospese e pagate, tutte insieme, nel primo anno che si chiuda in utile. Di solito non è prevista alcuna remunerazione o capitalizzazione per le cedole eventualmente pagate in ritardo. Il nominale può essere diminuito, in casi straordinari e più limitati che nel caso del Tier 1. In caso di liquidazione vengono privilegiati i portatori di Lower Tier 2 e Tier 3. In Italia, la normativa lo rende simile al Lower Tier II, dal momento che l’evento che fa scattare la riduzione del nominale è la discesa del capitale della banca al di sotto del minimo per ottenere l’autorizzazione all’attività bancaria (12,5 miliardi di lire). Inoltre, in Italia, in caso di liquidazione esso è parificato al Lower Tier II.
    Dal punto di vista fiscale, il titolo è, da alcuni, assimilato al Tier 1 (ritenuta del 27% sulle cedole), mentre altri lo considerano una normale obbligazione (imposta: 12,5%)

    Lower Tier 2
    La scadenza è usualmente di 10 anni (anche 12 anni è comune), ma l’emittente può (e deve) rimborsare alla pari al quinto anno o al settimo anno. Se la banca non utilizza l’opzione di rimborso anticipato al quinto anno, non solo la cedola viene aumentata in modo consistente, ma l’emittente viene anche penalizzato dalla sua banca centrale.
    Le cedole, variabili o fisse, vengono sempre pagate alla data prefissata; sono bloccate solo in caso di una vera e propria insolvenza. Il capitale non subisce decurtazioni, se non in caso di liquidazione della banca.
    Si tratta del meno complicato e rischioso dei subordinati, ma, proprio per questo, molto soggetto ad essere venduto come una normale obbligazione “senior” da parte di “venditori” non trasparenti. In caso di liquidazione dell’emittente, questo strumento viene preferito ai Tier 1 e Upper Tier 2, trovandosi allo stesso livello dei Tier 3.
    Il rendimento di mercato per nuove emisisoni è pari al tasso IRS/Euribor a 10 anni maggiorato di un margine compreso tra 0,40 e 1,1%, in dipendenza della qualità dell’emittente.
    La tassazione è quella ordinaria delle obbligazioni (imposta sostitutiva del 12,5%).
    *
    Tier 3
    E’ una tipologia molto recente ed ancora relativamente poco sperimentata. Invece di servire agli istituti di credito per accrescere il proprio volume di attività genericamente inteso, va ad aumentare unicamente la capacità operativa nell’area del trading sui mercati finanziari. Di solito, la sua emissione viene raccomandata dalla banca centrale agli operatori particolarmente attivi nel mercato dei capitali.
    La scadenza è breve (2-4 anni), la remunerazione di solito in linea con il Lower Tier 2 (che però ha sempre una scadenza superiore). Il pagamento del capitale e delle cedole può essere sospeso (non cancellato), su disposizione della banca centrale, in caso di indebolimento eccessivo della solidità dell’istituto.
    In caso di liquidazione dell’emittente, viene preferito ai Tier 1 e Upper Tier 2, trovandosi allo stesso livello dei Lower Tier 2.
    La tassazione è quella ordinaria delle obbligazioni (imposta sostitutiva del 12,5%).
    Immagini Allegate Immagini Allegate Gradi di subordinazione obbligazioni bancarie-patrimonio-banca.jpg 
    Ultima modifica di iuessei1981; 06-12-08 alle 12:49

  2. #2

    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    391
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    17567927
    ...questo , non lo trovavo piu'...ricordavo solo la differenza tra Upper e Lower tier
    Grazie

  3. #3
    L'avatar di Da Loss A Gain
    Data Registrazione
    Mar 2006
    Messaggi
    3,521
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Ottima iniziativa iuessei1981.

    Personalmente mi ero già informato ma così hai modo di chiarire questi aspetti a tutti.

    Spero che tutti leggano e prendano nota delle differenze tra questi titoli.

    Soprattutto sulla differenza tra Upper Tier 2 e Lower Tier 2 in riferimento alle cedole.

    In un Lower Tier 2 le cedole sono garantite salvo insolvenza vera e propria, mentre un anno in perdita o semplici difficoltà possono bloccare le cedole di un Upper Tier 2.

    In caso di default vero e proprio, inoltre, le Upper Tier 2 vengono soddisfatte solo dopo le Lower Tier 2 con possibilità alte quindi di ricevere poco o nulla...

    Take a look!

  4. #4

    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    38
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    2280433
    Grazie per aver riproposto il collegamento ad un aspetto di particolare attualità, purtroppo.
    Saluti dall'apprendista volenteroso zep_51.

  5. #5
    L'avatar di dagoweb
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Messaggi
    5,709
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Ottima iniziativa

    Approfitto per aggiungere questo :
    estratto da http://investire.aduc.it/php/mostra.php?id=217305

    Le obbligazioni bancarie si distinguono nelle seguenti categorie partendo dal rischio piu' basso:
    senior
    tier 3
    lower tier 2
    upper tier 2
    tier 1
    In caso di default dell'emittente vengono prima pagate le obbligazioni senior, poi quelle teir 3, poi quelle tier 2 e poi quelle tier 1. Ovviamente, se non c'e' capitale sufficiente (ed in caso di default la cosa e' altamente probabile) gli obbligazionisti di livello inferiore non vedrebbero un euro.
    All'interno del tier 2 si distinguono i titoli lower e upper. In caso di default vengono considerati entrambi obbligazionisti di pari livello, ma c'e' una differenza: i titoli "upper tier 2” sono obbligazioni che prevedono anche la possibilità di differire il pagamento degli interessi nel caso di profitti insufficienti o di sospensione del pagamento dei dividendi sulle azioni ordinarie. Il rimborso alla scadenza del prestito e' subordinato al nulla osta dell’organo di vigilanza. In caso di perdite che riducano il capitale sociale e le riserve al di sotto del minimo previsto, le somme verranno utilizzate per coprire le perdite. In caso di perdite nel corso dell’esercizio, e' prevista la sospensione della remunerazione, ma gli interessi sono cumulabili.

  6. #6
    L'avatar di lucax64
    Data Registrazione
    May 2008
    Messaggi
    2,392
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da iuessei1981 Visualizza Messaggio
    per coloro che hanno voglia di capire a chi hanno prestato i soldi .... Cut
    bravo

  7. #7
    L'avatar di dagoweb
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Messaggi
    5,709
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Un altro aspetto da tenere in conto, oltre alla subordinazione, secondo me c'e' anche la giurisdizione sotto la quale ricade il bond.

    Nel caso in cui l'emittente dovesse dichiarare default e non si e' avuto la prontezza di uscire, avere bond con giurisdizione americana, inglese, italiana o altro fa una bella differenza (ne so qualcosa vedere il mio avatar).

  8. #8
    L'avatar di pravir
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    498
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    60 Post(s)
    Potenza rep
    17485633
    Citazione Originariamente Scritto da lucax64 Visualizza Messaggio
    bravo ok!
    .... Che ci capisci ...?

    Le 2 frasi in allegato che significano ?

    Si riferiscono ad una

    isin: It0003750368 unicredito italiano step up 22.11.2010

    grazie pravir
    File Allegati File Allegati

  9. #9

    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    1,151
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da iuessei1981 Visualizza Messaggio
    Per coloro che hanno voglia di capire a chi hanno prestato i soldi e il grado di subordinazione...............




  10. #10
    L'avatar di redditofisso
    Data Registrazione
    Sep 2008
    Messaggi
    1,299
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    61 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    mi pare di capire che questa sia la clausola di un titolo senior. ossia verra rinmborsato dopo che saranno stati rimborsati tutti i creditori chirografari ma prima di tutti quelli subordinati.

Accedi