Petrolio, Goldman Sachs abbassa stime su debolezza domanda. Decisivo meeting Algeria
Non è roseo il futuro del prezzo del petrolio. Questa la sintesi della view di Goldman Sachs che in un report odierno ha abbassato le proprie previsioni sul prezzo dell'oro nero relativamente all'ultimo trimestre dell'anno. Sulle previsioni pe...
Forum di Algeri, Un accordo sulla produzione potrebbe dare il via a un recupero fino a 50 dollari al barile
   Gli occhi del mondo sono puntati su Algeri, che sta ospitando l'International Energy Forum tra i Paesi dell?Opec e la Russia e che si chiuderà domani. La sensazione di molti analisti è che i maggiori Paesi ...
Piazza Affari sui minimi da inizio luglio con le banche, forti acquisti sul Bund
Si respira un clima di avversione al rischio sui mercati finanziari con gli investitori che si stanno preparando ad affrontare i due eventi clou nell'ultimo scorcio del 2016: il referendum costituzionale, in programma il 4 dicembre, e le elezioni pre...
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #1

    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    1,361
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

    Obbligazioni Bei Zar Rating Aaa

    Altre obbligazioni con forte possibilità di apprezzamento sono quelle in Rand Sudafricano (ZAR) la cui valuta potrebbe decollare in relazione agli investimenti per i prossimi mondiali di calcio 2010 ed alla nuova politica creditizia.

    http://it.equilibri.net/articolo/839...sso_al_credito

  2. Stanco della Pubblicità? Registrati

  3. #2

    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    1,151
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da doctor 50 Visualizza Messaggio
    Altre obbligazioni con forte possibilità di apprezzamento sono quelle in Rand Sudafricano (ZAR) la cui valuta potrebbe decollare in relazione agli investimenti per i prossimi mondiali di calcio 2010 ed alla nuova politica creditizia.

    http://it.equilibri.net/articolo/839...sso_al_credito

    mi sbaglierò ma puzza di spammone lontano 1 miglio

  4. #3
    L'avatar di cricket72
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    10,532
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    51 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    ecco alcuni titoli bei ( rating AAA) in valuta ZAR


    XS0091549062 bei 30/10/2008 fisso 16,00

    XS0094658803 bei 23/02/2009 fisso 14,75

    XS0097072986 bei 19/05/2009 fisso 13,50

    XS0104533301 bei 15/12/2009 fisso 13,50

    XS0105102445 bei 31/08/2010 fisso 13,00

    XS0126206597 bei 05/04/2011 fisso 10,50

    XS0167659613 bei 15/05/2008 fisso 10,25

    XS0178483649 bei 21/10/2013 fisso 8,00

    XS0184145380 bei 06/02/2009 fisso 8,50

    XS0204229552 bei 04/11/2010 fisso 8,00

    XS0203909485 bei 04/11/2014 fisso 8,50

    XS0237147441 bei 09/12/2009 fisso 6,50

    XS0220420763 bei 01/06/2016 fisso 7,50

    XS0267355211 bei 14/09/2009 fisso 9,00

    XS0254696403 bei 19/05/2014 fisso 7,00

    XS0332031284 bei 28/01/2011 fisso 10,00

    XS0086358628 bei 31/12/2018 zero coupon

  5. #4
    L'avatar di cricket72
    Data Registrazione
    Feb 2007
    Messaggi
    10,532
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    51 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da giveme5 Visualizza Messaggio

    mi sbaglierò ma puzza di spammone lontano 1 miglio

    concordo con te

    bollino x te

  6. #5

    Data Registrazione
    Sep 2006
    Messaggi
    1,361
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    L'Africa sta diventando la nuova frontiera degli investitori a caccia di buone opportunità nel panorama degli emergenti. Negli ultimi anni le economie della gran parte dei Paesi della Regione hanno registrato un'eccezionale crescita media del 6-7% anche per effetto della forte richiesta di materie prime. E proprio per quanto riguarda le ricchezze del sottosuolo l'Africa non teme confronti: il Continente nero produce circa il 30% dell'oro mondiale, la metà dei diamanti e il 50% del platino. Il 13% delle esportazioni di queste materie ormai ha preso stabilmente la direzione della Cina. Un terzo del petrolio bruciato dal boom dell'economia cinese arriva proprio dal Continente africano e le previsioni dicono che nei prossimi tre anni ci sarà un raddoppio degli attuali flussi (50 miliardi di dollari). «Non a caso il Paese del drago ha già speso l'equivalente di 12 miliardi di dollari in infrastrutture e ha in mente di investirne tra 12 e 20 miliardi nei prossimi cinque anni per migliorare le importazioni», dicono gli esperti di Dws, la divisione fondi d'investimento di Deutsche Bak che a inizio 2008 approderà sul mercato italiano con un fondo tutto dedicato all'Africa.

    Nel club dei nuovi clienti dell'Africa, intanto, sono entrati anche Russia, Olanda e India. Insomma, le aziende africane hanno poche difficoltà a raccogliere capitali freschi. Un'opportunità anche per i piccoli investitori dunque. Per gli esperti di Dws l'area è come un gigante che si sta risvegliando dopo anni di stagnazione. Tuttavia la via ai titoli africani si presenta alquanto ardua. Non sono molte infatti le società acquistabili sui listini europei. Sulla principale piazza europea, quella di Francoforte, ne sono scambiate soltanto 10 su un totale di 3.000 estere. Qualche esempio? Orca Exploration, una società della Tanzania attiva nell'estrazione del gas naturale. Il gruppo gestisce il mega giacimento naturale della regione del Songo Songo che rifornisce le industrie del Dar es Salama e ha avviato recentemente l'espansione anche in Uganda. Nel primo semestre i ricavi sono saliti del 30% a 6,8 milioni di dollari. In Borsa il titolo è raddoppiato in poco tempo ma poi si è bloccato a quota 11 euro. «I mercati africani sono dominati dal comparto dei servizi finanziari (reale estate e project development) insieme a industria e materie prime», dicono gli esperti di Dws. Alcuni analisti prevedono una crescita del 50% dei prezzi dei materiali ferrosi nel 2008, anche se il consensus è per un +30%. Di questo scenario beneficiano soprattutto i titoli legati alle commodity.

    Un'interessante porta è rappresentata dai Paesi del Nord dell'Africa come l'Egitto. Le previsioni governative sono ottimistiche e indicano per l'economia egiziana una crescita dell'8% nel 2007. Significa che lasciando perdere il boom di India e Cina, questa zona sta correndo più velocemente di molta parte dell'Asia. L'incremento è trainato dal turismo ma anche i comparti delle costruzioni e delle infrastrutture stanno crescendo molto. Da inizio anno il Case 30, l'indice delle blue chip egiziane che capitalizza circa 100 miliardi di dollari, è salito più del 30%.

    Occasioni più interessanti offre il Sud Africa per la maggiore diversificazione del listino e anche perché le società operano in tutto il Continente e dunque hanno maggior opportunità di crescere con l'inera aera. L'indice di riferimento, il Ftse Johannesburg Top40 da inizio anno ha guadagnato il 30%. Il mercato sudafricano attrae con temi degni di attenzione come quello dell'oro. Tutto il settore ha beneficiato dei recenti rialzi del metallo prezioso e a detta degli esperti presenta società ancora a buon mercato e con buoni fondamentali.


    http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tm...e=244&sezione=

Accedi