Portafoglio bond corporate in USD e aumento dei tassi
Wall Street: FANG e FAANG, rialzi fino a +73% in un anno. Ma ci sono tre titoli che possono fare meglio
Guardare oltre i titoli FANG e FAANG – Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Alphabet -. Per Michael Schroer, responsabile della divisione di investimenti presso Renaissance Investment Management, ci sono altre …
Bce, Draghi difende mix tassi negativi e QE. Nessun danno a redditività banche
Lanciato un monito ai paesi alle prese con il nodo dei conti pubblici. "Non ci si aspetti che sia la crescita a ridurre gradualmente i debiti". 
Piazza Affari in calo appesantita dal caso Carige, acquisti invece su Exor e Leonardo
La Borsa di Milano si muove in territorio negativo, appesantita dal caso Carige. Bene invece Exor e Leonardo sostenuti dalle valutazioni di alcuni analisti.
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
12 Ultima

  1. #1
    L'avatar di Maio72
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    174
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    99 Post(s)
    Potenza rep
    7788891

    Portafoglio bond corporate in USD e aumento dei tassi

    Buongiorno a tutti.
    La domanda credo che sia un poco complessa.
    Sono pesantemente investito in Corporate bonds in US$ fino ad oggi con buoni gain virtuali (in quanto non ancora vendo).
    Ora si prospetta un rialzo dei tassi che potrebbe portare un forte deterioramento delle quotazioni dei titoli in portafoglio. È anche vero che un rialzo dei tassi porterebbe il dollaro USA a rivalutarsi ancora nei confronti dell'euro ma, a mio parere, solo fino a quando Draghi continuerà con il QE. Liquidando le posizioni sarei tassato al 26% e la cosa fa veramente male. Se rimango fermo rischio una perdita virtuale (in quanto non vendo) nella quotazione dei titoli in portafoglio sia derivante dall'aumento tassi USA che dall'eventuale ripresa dell'euro sul dollaro se il rialzo dei tassi avvenisse anche in Europa a seguito dello Stop al QE.
    Spero di essere stato chiaro.
    Voi cosa fareste?
    Occorre protezione dal rialzo dei tassi e dal cambio EUR/USD. Ma come?Grazie.

  2. #2

    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    1,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    161 Post(s)
    Potenza rep
    16144297
    Citazione Originariamente Scritto da Maio72 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti.
    La domanda credo che sia un poco complessa.
    Sono pesantemente investito in Corporate bonds in US$ fino ad oggi con buoni gain virtuali (in quanto non ancora vendo).
    Ora si prospetta un rialzo dei tassi che potrebbe portare un forte deterioramento delle quotazioni dei titoli in portafoglio. È anche vero che un rialzo dei tassi porterebbe il dollaro USA a rivalutarsi ancora nei confronti dell'euro ma, a mio parere, solo fino a quando Draghi continuerà con il QE. Liquidando le posizioni sarei tassato al 26% e la cosa fa veramente male. Se rimango fermo rischio una perdita virtuale (in quanto non vendo) nella quotazione dei titoli in portafoglio sia derivante dall'aumento tassi USA che dall'eventuale ripresa dell'euro sul dollaro se il rialzo dei tassi avvenisse anche in Europa a seguito dello Stop al QE.
    Spero di essere stato chiaro.
    Voi cosa fareste?
    Occorre protezione dal rialzo dei tassi e dal cambio EUR/USD. Ma come?Grazie.
    Interessa pure a me.
    In teoria ci sono strumenti per proteggersi dal cambio, ma sono ancora un po' troppo complicati per me.

    Ragionavo però su questo:
    1)la fed ha aumentato i tassi due volte
    2)la bce se non erro ha detto che prevede al momento, aumenti.

    Cosa ho visto io?
    1)Titoli che dovevano risentire dell'aumento tassi, che sono saliti di prezzo
    2)dollaro che si è un poco indebolito.

    Sembra una controtendenza... e non mi spiego perchè. Il mercato già aveva scontato tutto? Ma allora come sappiamo in che modo reagirà in futuro?

  3. #3
    L'avatar di Maio72
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    174
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    99 Post(s)
    Potenza rep
    7788891
    Citazione Originariamente Scritto da Luca_niubbo Visualizza Messaggio
    Interessa pure a me.
    In teoria ci sono strumenti per proteggersi dal cambio, ma sono ancora un po' troppo complicati per me.

    Ragionavo però su questo:
    1)la fed ha aumentato i tassi due volte
    2)la bce se non erro ha detto che prevede al momento, aumenti.

    Cosa ho visto io?
    1)Titoli che dovevano risentire dell'aumento tassi, che sono saliti di prezzo
    2)dollaro che si è un poco indebolito.

    Sembra una controtendenza... e non mi spiego perchè. Il mercato già aveva scontato tutto? Ma allora come sappiamo in che modo reagirà in futuro?
    In effetti mi sarei atteso un rafforzamento del USD e non l'indebolimento che è avvenuto. La copertura è anche un costo ma è appunto una copertura per evitare di rimanere spiazzati long USD con euro in rafforzamento.

  4. #4

    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    1,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    161 Post(s)
    Potenza rep
    16144297
    Io però ho una domanda: perchè comunque non vendi qualcosa? Nel senso, meglio un CG tassato al 26%, che nessun CG, no?

  5. #5
    L'avatar di Maio72
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    174
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    99 Post(s)
    Potenza rep
    7788891
    Per ora ho le call di Iamgold,
    T-mobile e Goodyear tutte tra 2020 e 2022. Avrei però voluto vendere le lunghe e tenere le callate. Ho poi in scadenza un 2017 in Rubli a luglio. Conta che le Iamgold le ho in carico a 72 e le rimborsano oltre 103. Son già belle tasse sul CG.

  6. #6
    L'avatar di Maio72
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    174
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    99 Post(s)
    Potenza rep
    7788891
    Citazione Originariamente Scritto da Luca_niubbo Visualizza Messaggio
    Io però ho una domanda: perchè comunque non vendi qualcosa? Nel senso, meglio un CG tassato al 26%, che nessun CG, no?
    Ciò che dici è giusto ma...
    Ipotesi sul titolo Iamgold che ho già citato. Se non vi fosse la call.
    In carico a 72 se vendo oggi con quotazione a 102 ho il 26℅ di tassazione sul CG.
    Se non vendo ed attendo cedolando rischio che il cambio peggiori e che la quotazione peggiori. Oltre chiaramente al rischio azienda.
    Ma di quanto potrebbe peggiorare la quotazione del bond ed il cambio? Più o meno di quel 26℅?
    In questo caso specifico attenderei essendo il titolo a breve scadenza.
    Su un titolo a lunga scadenza però potrei rimanere incastrato.

  7. #7

    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    1,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    161 Post(s)
    Potenza rep
    16144297
    Citazione Originariamente Scritto da Maio72 Visualizza Messaggio
    Ciò che dici è giusto ma...
    Ipotesi sul titolo Iamgold che ho già citato. Se non vi fosse la call.
    In carico a 72 se vendo oggi con quotazione a 102 ho il 26℅ di tassazione sul CG.
    Se non vendo ed attendo cedolando rischio che il cambio peggiori e che la quotazione peggiori. Oltre chiaramente al rischio azienda.
    Ma di quanto potrebbe peggiorare la quotazione del bond ed il cambio? Più o meno di quel 26℅?
    In questo caso specifico attenderei essendo il titolo a breve scadenza.
    Su un titolo a lunga scadenza però potrei rimanere incastrato.
    Non fa una piega...
    La cosa più probabile sarà una via di mezzo, credo: un possibile peggioramento di cambio e quotazioni, ma non tanto da annullare il CG.
    Il che rende ancora più complicato cosa fare...

  8. #8
    L'avatar di Erone
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    2,212
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    760 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da Maio72 Visualizza Messaggio
    Buongiorno a tutti.
    La domanda credo che sia un poco complessa.
    Sono pesantemente investito in Corporate bonds in US$ fino ad oggi con buoni gain virtuali (in quanto non ancora vendo).
    Ora si prospetta un rialzo dei tassi che potrebbe portare un forte deterioramento delle quotazioni dei titoli in portafoglio. È anche vero che un rialzo dei tassi porterebbe il dollaro USA a rivalutarsi ancora nei confronti dell'euro ma, a mio parere, solo fino a quando Draghi continuerà con il QE. Liquidando le posizioni sarei tassato al 26% e la cosa fa veramente male. Se rimango fermo rischio una perdita virtuale (in quanto non vendo) nella quotazione dei titoli in portafoglio sia derivante dall'aumento tassi USA che dall'eventuale ripresa dell'euro sul dollaro se il rialzo dei tassi avvenisse anche in Europa a seguito dello Stop al QE.
    Spero di essere stato chiaro.
    Voi cosa fareste?
    Occorre protezione dal rialzo dei tassi e dal cambio EUR/USD. Ma come?Grazie.
    La diversificazione negli investimenti deve essere la regola d'oro
    La protezione del cambio è possibile oltre che con il forex i future anche con le opzioni
    Euro FX Futures (EUR/USD) Quotes - CME Group

  9. #9
    L'avatar di Maio72
    Data Registrazione
    Aug 2015
    Messaggi
    174
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    99 Post(s)
    Potenza rep
    7788891
    Citazione Originariamente Scritto da Erone Visualizza Messaggio
    La diversificazione negli investimenti deve essere la regola d'oro
    La protezione del cambio è possibile oltre che con il forex i future anche con le opzioni
    Euro FX Futures (EUR/USD) Quotes - CME Group

    È verissimo. La mia scelta in questo caso ha pagato. Ora sto decidendo sull'eventuale exit strategy dal dollaro
    con le migliori soluzioni. La difficoltà inoltre è che in € c'è poca scelta su piccole size e con rendimenti decenti.
    Vi è anche un altro dilemma. Si può cedolare al 5℅ con un bond abbastanza tranquillo in dollari diciamo con un decennale mentre in Euro i tassi oggi sono ridicoli.

  10. #10
    L'avatar di gardener
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    1,766
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    276 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Quando sono previsti gli altri due rialzi della Fed per il 2017 ?

Accedi