beni stabili con la "S" maiuscola ed il collegamento
Creval, DG Selvetti: aumento capitale avrà successo, poi ineluttabile appuntamento con M&A
Il direttore generale è stato chiaro: "Vogliamo chiudere dieci anni di crisi e mettere la banca nelle condizioni di potere esprimere da subito una redditività soddisfacente sia immediata che prospettica".
Emaar Development, a Dubai flop per l’Ipo più importante dal 2014
Dopo gli splendori degli anni passati, il mercato immobiliare di Dubai vive una crisi ormai da più di due anni, ovvero da quando il crollo dei prezzi del petrolio ha …
Telecom Italia: sprint in Borsa su voci scorporo rete, si valuta anche la quotazione
L’ipotesi dello scorporo della rete, che probabilmente sarà tra i punti sul tavolo del prossimo cda del 5 dicembre, infiamma oggi il titolo Telecom Italia. La progressiva accelerazione ha portato …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
12311 Ultima

  1. #1
    L'avatar di porchetto
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    13,555
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    1356 Post(s)
    Potenza rep
    42949685

    beni stabili con la "S" maiuscola ed il collegamento

    Citazione Originariamente Scritto da surfista11 Visualizza Messaggio
    ciao a tutti, dietro stimolo dell'amico fabbro con il quale scrivo spesso nella sezione "obbligazioni e titoli di stato" nei thread delle convertibili vorrei postare anche qui i dati da me (e altri) raccolti relativi a Beni Stabili, per conoscere le Vs. opinioni e scambiare qualche commento... in attesa che si plachi la tempesta...

    inizio col dirvi che sto raccogliendo i dati del buyback di BnS dall'inizio dello stesso (19 feb 2008) e si è sempre condotto a spron battuto (ossia quasi sempre intorno al 25 % dello scambiato... limite autoimposto) e qualcuno ora storce il naso di fronte al rallentamento degli acquisti (nella scorsa settimana non hanno comprato azioni) leggendolo come un segno di crisi / puzza di marcio...
    certo... del senno di poi ne son piene le fosse... ma pensate a quanti soldi avrebbero risparmiato se non avessero avuto fretta di fare il buyback !
    Ad oggi hanno raggranellato 125.400.000 pezzi (73 % del dichiarato 9 % di azioni proprie oggetto di buyback) ad un prezzo medio di 0,70107427432 e quindi, per un controvalore totale di 87.914.714 EURO...
    Alle quotazioni attuali (anche se ovviamente, farete notare Voi, mica si possono comprare 125 milioni di azioni BNS in una mattinata... ) avrebbero risparmiato qualcosa come - udite udite - 25 MILIONI DI EURO
    e allora, secondo me, visto che la fine della tempesta è tutto fuor che arrivata... qualcuno ha cominciato a dire: "...vediamo di recuperare almeno in parte con l'ultimo 27 % che ci resta.... porcoggiuda... che di soldi ne abbiamo fumati abbastanza !! ... e quindi diciamo agli amici di Finnat (banca di fiducia di BnS che sta facendo il buyback per conto loro...) di tirare indietro le mani !"

    Sarà importante vedere se nella settimana in corso faranno ancora qualche acquisto (tipo 2 settimane fa) o no....

    Poi, siccome ora è di moda...qualcuno inizia a sguinzagliare dubbi di solvibilità di BnS... ora io rispondo:
    a chi ha dubbi di solvibilità di BnS consiglio una lettura:

    http://www.benistabili.it/Docs/Bilan...S_ITA_0710.pdf

    e dopo la lettura dovrebbero essere più rinfrancati...

    (e spero che non si dica che le semestrali sono scritte da loro per buttare fumo negli occhi al mercato e al parco buoi.... dico di guardare i numeri... non i commenti... e in particolar modo gli affittuari che ogni mese versano il canone a BnS )

    Per quanto attiene la cedola della convertibile in arrivo (27 ottobre)... e la eventuale "difficoltà" di BnS a onorarla dico solo una cosa:

    TOTALE CEDOLA DA PAGARE: 7.302.975 EURO
    TOTALE SPESO (senza essere obbligata a farlo) PER AZIONI RIACQUISTATE dal 19-2-08 al 3-10-08: 86.984.494 EURO

    questi per ora i primi spunti di discussione... benvenuto a chi vorrà intervenire e dire la sua sull'immobiliare del Cavalier Del Vecchio

    ciao
    Citazione Originariamente Scritto da fabbro Visualizza Messaggio
    Inizio a dare il mio piccolissimo contributo, postando un articolo di Marco Panara letto lunedì mattina su Affari e Finanza e postato sul thread delle cv dall'amico BLUB :

    "Buongiorno a Fabbro e a tutti,
    ecco il link http://www.repubblica.it/supplementi...6lacasina.html e il testo dell'articolo richiesto .

    Ma la ripresa può arrivare dalle case
    MARCO PANARA (Repubblica.it)

    La crisi è partita dalle case e dalle case, forse, arriverà la soluzione. Case americane, naturalmente. La finanza questa volta non c’entra, c’entra invece la demografia, la quale fa sì che ogni anno tra nuovi immigrati e giovani che lasciano la famiglia d’origine per mettere su casa propria, negli Stati Uniti il mercato assorba circa un milione e mezzo di nuove abitazioni. Dal 2001 fino alla metà del 2007, sull’onda del denaro facile e dei prezzi degli immobili che salivano veloci come razzi, se ne sono costruite molte di più. Dal 2007, quando i prezzi hanno cominciato a scendere e con l’esplosione dei subprime per il settore il denaro è diventato meno facile, ne sono state costruite progressivamente meno. A fronte dei 2 milioni e 68 mila nuove abitazioni costruite nel 2005, all’apice del fenomeno, nel 2007 ne sono state costruite un milione e 350 mila, nel 2008 circa 950 mila mentre si stima che nel 2009 non si supereranno le 750 mila.
    Il punto di partenza è il balzo dei prezzi: secondo l’indice CaseShiller, che è considerato il più credibile del settore, tra il 1999 e il 2006 il valore delle case americane è aumentato del 135 per cento (del 110 per cento in termini reali, al netto cioè dell’inflazione). Un balzo enorme, avvenuto grazie ai meccanismi finanziari messi in piedi dalle banche che concedevano mutui agli acquirenti e poi rivendevano il rischio, prima spezzettato e poi opportunamente impacchettato e trasformato in titoli, in giro per il mondo. Con questo sistema i soldi sono arrivati a tutti, chi aveva redditi adeguati e chi no, costruttori con spalle solide e costruttori improvvisati, la domanda cresceva, i prezzi pure e le nuove costruzioni ovviamente anche.
    L’esito di questa frenesia è stata una sovrabbondanza di case, quello che gli economisti chiamano eccesso di offerta, che uno studio della Bain Italia, la società di consulenza che ha analizzato a fondo il fenomeno, ha stimato in un milione e 700 mila unità. Quando sul mercato c’è più merce di quanta il mercato stesso ne possa assorbire normalmente scendono i prezzi e quando scendono i prezzi diventa meno conveniente costruire nuove case. E’ esattamente quello che è accaduto. L’enorme stock che si era accumulato ha fatto crollare i valori (e fatto scoppiare la crisi finanziaria) molte case sono rimaste invendute e a fare la fila presso gli uffici che rilasciano le licenze edilizie si sono presentati in pochi.
    La conseguenza di tutto ciò è che, poiché la demografia ha continuato la sua strada e le nuove case che arrivano sul mercato sono in numero inferiore rispetto alla nuova domanda, dallo scorso mese di giugno lo stock di nuove case che si era accumulato negli anni d’oro ha cominciato a diminuire. In tre soli mesi, tra giugno e agosto, è passato da 4 milioni e mezzo a 4 milioni e 200 mila e la tendenza è molto probabilmente continuata nei mesi successivi. Se le stime saranno rispettate, ovvero se nel 2008 e nel 2009 arriveranno sul mercato solo 1 milione e 700 mila abitazioni a fronte di una domanda fisiologica (dovuta come dicevamo alla demografia) di circa 3 milioni, è possibile ipotizzare che alla fine del prossimo anno l’eccesso di offerta sarà stato azzerato. Di qui ad allora, sempre se le previsioni saranno rispettate, la discesa dei prezzi che da gennaio 2007 ad oggi è stata del 17 per cento in termini nominali e del 25 in termini reali dovrebbe attenuarsi per trovare nella seconda metà del 2009 un punto di equilibrio.
    Finita la discesa dei prezzi ed eliminato le stock di case invendute in eccesso sulla media storica, la costruzione di nuove abitazioni dovrebbe riprendere i suoi ritmi fisiologici e diventare un buon traino per tirare l’economia americana fuori dalla crisi.
    Se le cose andranno così la fase più cupa della recessione americana potrebbe chiudersi entro il 2009 e nel 2010 potremmo rivedere una prudente ripartenza. Naturalmente questo non consolerà tutti coloro che nel frattempo avranno perso la casa perché non sono stati in grado di pagare le rate del mutuo, né coloro che avendo acquistato titoli collegati a quei mutui (i famigerati subprime) ci avranno rimesso una buona parte dei loro risparmi. Qualcuno però che da tutto ciò uscirà con le tasche piene ci sarà, e sono coloro che oggi stanno speculando contro i mercati e che, approfittando del denaro che le banche centrali e i governi di tutti i paesi industrializzati stanno immettendo nel sistema, cominceranno a mettere le mani sui titoli legati ai mutui. Oggi quei titoli valgono pochissimo, anche un decimo del loro valore facciale. Ma le case si sono svalutate solo del 25 per cento (in termini reali) e anche se parte di quei mutui non sarà rimborsato c’è sempre la casa a garantirlo. Oggi si possono comprare al 65-70 per cento del loro valore nominale titoli rappresentativi di mutui che con ragionevole certezza saranno rimborsati e al 10-20 per cento titoli a maggior rischio, per poi in futuro rivendere i primi a 100 e i secondi a 60 o 70. Prepariamoci, gli avvoltoi stanno per cominciare il festino."

    In questo articolo si ipotizza che la prossima ripresa --ripresa intesa come globale-- partirà dall'America e partirà inizialmente dalle case. Cioè la ripresa immobiliare americana farà da primo traino al loro mercato in senso lato e poi presumibilmente secondo me si diffonderà nel resto del mondo . I primissimi prodromi si possono evidenziare già ora quando si legge che dallo scorso mese di giugno lo stock in USA di nuove case che si era accumulato negli anni d’oro ha cominciato a diminuire. In tre soli mesi, tra giugno e agosto, è passato da 4 milioni e mezzo a 4 milioni e 200 mila e la tendenza è molto probabilmente continuata nei mesi successivi.
    Orbene, se questo risulterà vero ,è facile prevedere che la BNS --prima società italiana dello immobiliare in quanto a asset , solidità ,management e azionariato --non dovrebbe essere di certo la ultima a partire . A meno che i francesi non ce la levino di mezzo prima ,ma questo è un altro discorso .
    mi permetto di quotarvi ed inserire questo 3d perchè ha il collegamento al titolo e si ritrova meglio

  2. #2
    L'avatar di porchetto
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    13,555
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    1356 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da fabbro Visualizza Messaggio
    Altro articolo http://espresso.repubblica.it/dettaglio//2045118/1 che mette in rapporto ,che si direbbe ottimo tra la famiglia Berlusconi e Beni stabili

    "Silvio Berlusconi ce l'ha messa tutta. "Comprate azioni, i mercati ripartiranno", si è sbilanciato il presidente del Consiglio nei giorni della tormenta sui listini di tutto il mondo, aggiungendo, già che c'era, pure qualche consiglio per gli acquisti (Enel, Eni, Mediaset). In effetti, in Borsa è già arrivato un primo, atteso rimbalzo, ma è ancora troppo presto per capire se l'appello del premier abbia fatto davvero breccia nel popolo dei rispamiatori. Per non parlare della famiglia, quella di Berlusconi, che appena può preferisce puntare sul mattone. E non è solo questione di ville, vecchia passione del fondatore della Fininvest.
    Anche, Barbara, Eleonora e Luigi, i figli del Cavaliere nati dal matrimonio con Veronica Lario, hanno appena scelto di investire in immobili. Per l'esattezza, nelle settimane scorse, si sono comprati un palazzo d'epoca in pieno centro a Milano, a pochi metri dalla Scala e da piazza Duomo. Cinque piani in tutto, affittati a negozi e società finanziarie. Prezzo: 35 milioni. La palazzina faceva parte del patrimonio del fondo pensioni della Banca Commerciale. Da qui, nel 2006, è passata sotto il controllo della holding Beni Stabili, quotata in Borsa. E, infine, con il rogito siglato in piena estate, l'immobile situato nella centralissima via Santa Margherita, è approdato alla Bel, una sigla nata unendo le iniziali dei tre nomi: Barbara, Eleonora, Luigi. La loro società, controllata attraverso la Holding Italiana quattordicesima, è attiva solo dai primi mesi di quest'anno. Per i tre rampolli di Berlusconi l'affare milanese segna l'esordio come investitori in proprio.Un affare immobiliare. Per la Borsa c'è sempre tempo. Se papà riuscirà a convincerli.

    Si scrive di un rogito a piena estate ,ma io non lo sapevo , e credo nessuno di noi altrettanto , che a comprare da Beni Stabili fossero proprio i figli di Berlusconi.
    ---

  3. #3
    L'avatar di maucal
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    17,697
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1320 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    up

  4. #4
    L'avatar di surfista11
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Messaggi
    612
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

    thanks

    grazie... porchetto...

    sono veramente un dilettante dell'apertura dei thread...

    scriviamo pure su questo...

    ciaoo

  5. #5

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    139
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    4802377
    Vorrei porre una domanda ai più esperti.
    BEni Stabili ha raggiunto una qutazionee di ca. !,40 al max della bolla immobiliare che ha avuto il suo culmine a metà 2007.
    Gli immobili allora si vendevano ad una cifra x. per esempio diciamo 300.000 Euro.
    Qualcuno di Voi pensa sia oggi possibile acquistare lo stesso immobile a 100.000Euro?
    Io credo di no.
    Tuttalpiù se uno è alla fame e deve svendere forse è possibile acquistarlo a 250.000.
    Ed allora quale altre motivazioni ci possono essere alla base.
    Qualè la capitalizzazione di borsa oggi per BS e quall'era a 1,40.
    Solo il mercato o ci sono altri inghippi?
    Grazie.
    Fabbro che ne pensa?

  6. #6
    L'avatar di fabbro
    Data Registrazione
    Nov 2003
    Messaggi
    9,164
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    139 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da dademail Visualizza Messaggio
    Vorrei porre una domanda ai più esperti.
    BEni Stabili ha raggiunto una qutazionee di ca. !,40 al max della bolla immobiliare che ha avuto il suo culmine a metà 2007.
    Gli immobili allora si vendevano ad una cifra x. per esempio diciamo 300.000 Euro.
    Qualcuno di Voi pensa sia oggi possibile acquistare lo stesso immobile a 100.000Euro?
    Io credo di no.
    Tuttalpiù se uno è alla fame e deve svendere forse è possibile acquistarlo a 250.000.
    Ed allora quale altre motivazioni ci possono essere alla base.
    Qualè la capitalizzazione di borsa oggi per BS e quall'era a 1,40.
    Solo il mercato o ci sono altri inghippi?
    Grazie.
    Fabbro che ne pensa?
    l'1,51 € dell'azione nel durante accompagnato dal 151 sempre nel durante della convertibile accompagnato ancora dal 160 € della FDR di quel giorno ( 20 febbraio 2007) fanno sensazione rispetto ai prezzi odierni . Su BNS sia azione sia cv questi sono massimi storici, sulla FDR invece il suo massimo storico fu fatto qualche giorno prima il 16 febbraio a 164,90 €.
    L'unico lato positivo che vedo è che ieri almeno la FDR ha fatto pure 45,25€ contro il 0,457 € minimo die della BNS il che significa che ricordandomi il rapporto della ops dell'estate 2007 che era 100 a 1 e ricordando che la azione francese è stata sempre valutata a premio rispetto alla italiana ,quello che mi rende relativamente ottimista è che se mai dovessero fare un delisting mai e poi mai potranno concambiare BNS in FDR come la volta scorsa e dovranno sborsare cash. Anche perchè dovranno convincere i recalcitranti della prima ops che furono in massima parte gli istituzionali esteri . Ora ,il mio ragionamento è questo :se questi dissero di no con le azioni che battevano quei prezzi ben difficilmente direbbero di sì con azione FDR a questi minimi termini . Certamente se non la delistano a questi valori ,non la delisteranno più.
    Io sono convertibilista BNS e sono certissimo che il mio credito verrà onorato .
    Per finire l'1,51 di allora era di sicuro troppo ,ma il 0,460 di oggi è di certo poco ,ma in borsa si sa ci sono sempre gli eccessi .

  7. #7
    L'avatar di maucal
    Data Registrazione
    Feb 2000
    Messaggi
    17,697
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    1320 Post(s)
    Potenza rep
    42949690
    intanto la cedola della convertibile l'abbiamo presa

  8. #8

    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    2,926
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    è questione di fiducia, i beni immobiliari in questo momento ne ricevono 0... è fuga da panic selling.

    il panic selling nel retail invece sta per arrivare, altro che sconticini del 15%... la distanza dai redditi è abissale, senza speculazione + credito facile, i prezzi sono improvvisamente senza alcun sostegno sospesi nel vuoto.

    info: http://freeforumzone.leonardo.it/cartella.aspx?idc=1785

  9. #9

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    139
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    4802377
    Citazione Originariamente Scritto da Kassandra Visualizza Messaggio
    è questione di fiducia, i beni immobiliari in questo momento ne ricevono 0... è fuga da panic selling.

    il panic selling nel retail invece sta per arrivare, altro che sconticini del 15%... la distanza dai redditi è abissale, senza speculazione + credito facile, i prezzi sono improvvisamente senza alcun sostegno sospesi nel vuoto.

    info: http://freeforumzone.leonardo.it/cartella.aspx?idc=1785
    Quante palle si scrivono.
    Sono appena ritornato da Sanremo. Conosco bene il mercato immobiliare di quella città, fa cui mancavo da sei mesi.
    Ho visitato tre agenzie ed i prezzi degli immobili in vendita sono per lo più uguali a quelli di un anno fa.
    Ho parlato con i vari titolari, i quali concordemente hanno detto che le transazioni, seppur minori a quelle del recente passato avveengono al max. con una riduzione max. del 10%.
    Così avviene anche in alcune province del Piemonte in cui abito.
    Il panic selling esiste solo in borsa.

  10. #10
    L'avatar di porchetto
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    13,555
    Mentioned
    12 Post(s)
    Quoted
    1356 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da fabbro Visualizza Messaggio
    l'1,51 € dell'azione nel durante accompagnato dal 151 sempre nel durante della convertibile accompagnato ancora dal 160 € della FDR di quel giorno ( 20 febbraio 2007) fanno sensazione rispetto ai prezzi odierni . Su BNS sia azione sia cv questi sono massimi storici, sulla FDR invece il suo massimo storico fu fatto qualche giorno prima il 16 febbraio a 164,90 €.
    L'unico lato positivo che vedo è che ieri almeno la FDR ha fatto pure 45,25€ contro il 0,457 € minimo die della BNS il che significa che ricordandomi il rapporto della ops dell'estate 2007 che era 100 a 1 e ricordando che la azione francese è stata sempre valutata a premio rispetto alla italiana ,quello che mi rende relativamente ottimista è che se mai dovessero fare un delisting mai e poi mai potranno concambiare BNS in FDR come la volta scorsa e dovranno sborsare cash. Anche perchè dovranno convincere i recalcitranti della prima ops che furono in massima parte gli istituzionali esteri . Ora ,il mio ragionamento è questo :se questi dissero di no con le azioni che battevano quei prezzi ben difficilmente direbbero di sì con azione FDR a questi minimi termini . Certamente se non la delistano a questi valori ,non la delisteranno più.
    Io sono convertibilista BNS e sono certissimo che il mio credito verrà onorato .
    Per finire l'1,51 di allora era di sicuro troppo ,ma il 0,460 di oggi è di certo poco ,ma in borsa si sa ci sono sempre gli eccessi .
    carissimo Fabbro non è che c'è il rischio che gli istituzionali esteri che allora rifiutarono il concambio 100 a 1 adesso abbiano molta più fame di soldi per le note questioni del credit crunch

    e che addirittura potrebbero essere già usciti dal capitale di BS?

    ti prego rassicuraci

Accedi