IntesaSanpaolo: solo NEWS n° 2
La rinascita di Saipem, +50% in 4 mesi e per analisti rally continuerà
Massimi da febbraio 2017 per Saipem. Anche oggi il titolo Saipem primeggia sul Ftse Mib sotto la spinta dei giudizi positivi da parte degli analisti. Al giro di boa di …
Erdogan: ‘boicotteremo prodotti Usa, iPhone inclusi. Chi ha lanciato questa guerra la pagherà’
Così il presidente turco: "Rimanendo uniti, combatteremo in modo decisivo contro il dollaro, i prezzi del forex, l'inflazione e i tassi di interesse. Proteggeremo l'indipendenza della nostra economia insieme".
L’uscita di Tesla da Wall Street più vicina: Musk ingaggia i consulenti e tratta con fondo saudita
Elon Musk va avanti sul suo progetto di ritirare Tesla da Wall Street. Il fondatore e amministratore delegato della casa automobilistica californiana avrebbe già ingaggiato i consulenti finanziari e legali …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
12311 Ultima

  1. #1
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    22,920
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

    IntesaSanpaolo: solo NEWS n° 2

    Apro il nuovo thread dedicato alle news di Intesa per l'esaurimento del precedente terminato qui:

    IntesaSanpaolo: solo NEWS

    La durata è stata di circa 4 anni e mezzo e ha visto la visita di ben 278.753 visitatori. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito ad integrare con i loro interventi la mole di notizie che riguardano il nostro titolo.

    Detto questo, ripropongo l'ultima news postata che riguarda il CDA odierno dove sono stati confermati i dati preliminari e (soprattutto) l'ammontare del dividendo che verrà distribuito quest'anno a fronte dell'esercizio 2017. Mi auguro che possa essere la base di partenza per ulteriori soddisfazioni per gli investitori di questa banca.

    Buona continuazione.

  2. #2
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    22,920
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Intesa Sanpaolo: da Cda ok a bilancio

    MILANO (MF-DJ)--Il Cda di Intesa Sanpaolo ha approvato il progetto di bilancio d'esercizio e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2017, che registrano un risultato netto pari a 4.882 milioni di euro per la capogruppo (1.760 milioni di euro nel 2016, 1.680 milioni riesposto per le operazioni societarie intervenute nel 2017) e a 7.316 milioni di euro a livello consolidato (3.111 milioni di euro nel 2016).

    L'approvazione del progetto di bilancio d'esercizio, informa una nota, include quella della proposta di destinazione dell'utile dell'esercizio e distribuzione di riserve, che recepisce la proposta gia' formulata dal Cda in occasione dell'approvazione dei risultati al 31 dicembre 2017 e resa nota al mercato il 6 febbraio scorso.

    Pertanto, verranno sottoposti all'approvazione dell'assemblea ordinaria, prevista per il prossimo 27 aprile, il bilancio d'esercizio al 31 dicembre 2017 e la distribuzione cash di 20,3 centesimi di euro per azioneordinaria e 21,4 centesimi per azione di risparmio, al lordo delle ritenute di legge. Piu' precisamente, la proposta del Consiglio prevede la distribuzione cash di 3.419.089.656,81 euro, risultante da un importo unitario di 20,3 centesimi di euro per ciascuna delle 15.859.786.585azioni ordinarie e di 21,4 centesimi di euro per ciascuna delle 932.490.561 azioni di risparmio; non verra' peraltro effettuata alcuna distribuzione alle azioni proprie di cui la banca si trovasse eventualmente in possesso alla record date. La distribuzione cash, se approvata dall'assemblea, avra' luogo a partire dal giorno 23 maggio 2018 (con stacco cedole il 21 maggio e record date il 22 maggio).
    com/cce
    (fine)MF-DJ NEWS 23/02/2018 15:08

    Il comunicato stampa:

    http://www.group.intesasanpaolo.com/...-00000004FC5B2

  3. #3

    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    1,438
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    199 Post(s)
    Potenza rep
    14852843
    E io continuerò a leggere le tue news, e di questo ti ringrazio buonaserata .

  4. #4
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    22,920
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Intesa Sanpaolo: Barrese, pronti a spingere Ramo Danni (CorSera)

    MILANO (MF-DJ)--L'intergrazione di B.P.Vicenza e di Veneto Banca nel perimetro di Intesa Sanpaolo "ha rappresentato un test di efficienza, una sfida importante: non e' stato facile realizzare l'intera migrazione - 2,2 milioni di clienti e 1,5 milioni di conti correnti - nell'arco del weekend dell'Immacolata. Si e' trattato della piu' grande migrazione informativa avvenuta nel nostro gruppo".

    E' quanto ha dichiarato l'a.d. di Banca dei Territori (Intesa Sanpaolo), Stefano Barrese, nel coso di un'intervista rilasciata a Corriere Economia. "Abbiamo accompagnato questo passaggio con un'imponente formazione del personale e un supporto specialistico in ciascuna filiale delle ex banche venete". L'operazione viene definita "un'acquisizione di grande complessita' e non priva di rischi".

    Una migrazione che non e' stata tuttavia del tutto indolore. "Abbiamo chiuso 118 filiali delle circa 900 acquisite, mentre piu' di 120 andranno chiuse entro il primo semestre di quest'anno". Inoltre, in aprile "migreranno Apulia e Banca Nuova e complessivamente entro giugno 2019 chiuderemo circa 600 filiali, come richiesto dalla Bce". Nel complesso, Ca' de Sass chiudera' 1.100 filiali "programmate a fine Piano" per posizionarsi "a 2.900 totali, comprese le ex venete".

    Contestualmente vengono tuttavia rafforzate le cosiddette filiali online. "Ci lavorano veri e propri gestori, che operano al telefono per supportare i clienti in tutti i loro bisogni dalle 08h00 alle 22h00, tutti i giorni della settimana. E' la multicanalita' integrata, alla base dello sviluppo dei nostri servizi". Queste nuove filiali, per adesso, sono state avviate a Padova, Milano, Torino, Bologna, Firenze, Lecce, Trapani, Roma e Cagliari. Presto arriveranno anche a Vicenza e a Montebelluna.

    Sul fronte della strategia, Barrese ha detto che "come banca dei Territori vogliamo dare grande impulso alla crescita nel campo della bancassicurazione. I nostri clienti devono trovare in noi non solo i gestori del loro patrimonio ma anche i consulenti in grado di proteggerlo. Di qui la proposta di considerare la banca come partner assicurativo, anche nel ramo Danni". Su questo fronte, l'istituto guidato da Carlo Messina conta di "passare dagli attuali 400 milioni a 2,5 milioni di euro di premi" raccolti.

    In merito a un profilo commissionale poco conveniente dei conti correnti di Ca' de Sass, indicazione emersa da una recente indagine condotta proprio da L'Economia, il top manager ha spiegato che "i nostri conti sono assolutamente competitivi per qualita' dell'offerta e costi. Aggiungo che in alcune aree come mutui abbiamo l'offerta piu' concorrenziale a livello nazionale.
    com/ofb
    (fine) MF-DJ NEWS 26/02/2018 08:37

  5. #5
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    22,920
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Intesa Sanpaolo: pronta per le polizze online (Sole)

    ROMA (MF-DJ)--L'ulteriore sviluppo della divisione Insurance di Intesa Sanpaolo e' uno dei passaggi cruciali del nuovo piano strategico varato da Ca' de Sass il 6 febbraio scorso. E per generare nuova crescita, l'attenzione -consolidata la posizione nel comparto Vita che proseguira' la strategia multiramo e united linked con protezione- e' tutta concentrata sui Danni. Tanto che l'obiettivo e' particolarmente ambizioso. "Puntiamo a 2,5 mld di euro di premi complessivi al 2021. Intendiamo diventare la quarta compagnia del paese nei danni e in particolare la prima nel non motor retail", ha detto a Il Sole 24 ore il responsabile della divisione, Nicola Maria Fioravanti.

    All'ascesa dovrebbero contribuire diversi fattori. Innanzitutto una maggiore penetrazione sul canale bancario. "Intesa Sanpaolo ha 12 mln di clienti, di cui 2 mln assicurati con noi. Si tratta di poco meno del 17%. Evidentemente -ha aggiunto- qui ci sono importanti spazi di crescita".

    Non solo, la divisione Insurance e' pronta a guardare anche fuori dal perimetro di gruppo: "Dobbiamo pensare di lavorare anche in un'ottica piu' innovativa, per esempio sviluppando una piattaforma digitale, un canale diretto", ha proseguito.
    vs
    (fine) MF-DJ NEWS 27/02/2018 09:03

  6. #6
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    22,920
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Intesa Sanpaolo: Micillo, per Cib ricavi +8% al 2021 (CorSera)

    MILANO (MF-DJ)--"A fine piano, al 2021, la corporate & investment Banking di Intesa Sanpaolo punta a una crescita di circa l'8% dei ricavi da attivita' internazionali e dell'8,7% delle commissioni nette all'anno e a essere tra le prime dieci corporate debt house in Europa, rafforzando ricavi gli hub di Londra, New York, Dubai e Hong Kong".

    Lo ha detto, in un'intervista al Corriere della Sera, Mauro Micillo, 47 anni, responsabile della divisione corporate & investment Banking (Cib) di Intesa Sanpaolo e Ceo di Banca Imi.

    Ma Banca Imi sara' fusa in Intesa Sanpaolo: "Faremo di tutto per valorizzare il marchio che, con la sua cultura, emergera' come centro di competenza". Italo? "Messina ha chiarito la posizione della banca, che per 12 anni ha supportato una storia di successo. Abbiamo passato momenti complicati, e io ero tra quelli che hanno lavorato alla rimodulazione del debito. Poi e' arrivata l'offerta di Gip che i soci hanno ritenuto congrua".
    red/fch
    (fine) MF-DJ NEWS 27/02/2018 11:03

  7. #7
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    22,920
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    INTESA: MESSINA, PER NOI CRESCITA INTERNA, NO M&A NE' IN ITALIA NE' IN UE

    Ad Handelsblatt: in 2023 ancora a vertici banca ma senza Npl (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

    - Milano, 28 feb - 'Gli organi di vigilanza hanno lamentato il fatto che in Europa ci sono ancora troppe banche per cui credo che ci saranno fusioni transnazionali. Ma se si vuole incentivare il consolidamento servono sinergie e queste non sono facili da ottenere tra banche internazionali che operano in diversi Paesi. Anche se ci fosse un importante consolidamento europeo Intesa Sanpaolo non ne farebbe parte. Vogliamo concentrarci sulla crescita interna'. Lo ha dichiarato l'a.d. di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, in un'intervista al quotidiano tedesco Handelsblatt. Messina si e' poi detto convinto che ci sara' un consolidamento nel sistema bancario italiano: 'Si', sono assolutamente convinto che nei prossimi due anni ci saranno fusioni di banche medie e piccole', ha chiarito. Anche su questo fronte, comunque, 'non e' il caso di Intesa Sanpaolo, perche' la nostra quota di mercato e' gia' sufficiente'. Messina ha poi escluso di cercare opportunita' di acquisizione nel settore delle assicurazioni, dopo la mancata aggregazione con le Generali: 'Quello che prevediamo e' di lavorare con i nostri clienti e stiamo investendo su centinaia di persone per sviluppare i prodotti e la rete di distribuzione. Inoltre stiamo formando 30.000 dei nostri consulenti', ha spiegato. L'a.d. ha poi illustrato alcuni capisaldi del nuovo piano d'impresa, tra cui la riduzione degli Npl per diventare anche su questo fronte leader in Europa. Infine, rispondendo ai giornalisti che gli facevano notare che sono passati 5 anni dal suo approdo ai vertici di Intesa e gli chiedevano dove si trovera' tra altri 5 anni, vale a dire nel 2023, Messina ha replicato: 'Sempre al vertice ma con zero prestiti deteriorati'.
    Red-Ppa-
    (RADIOCOR) 28-02-18 13:20:28

  8. #8
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    22,920
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    06/03/2018 10:05

    Mediobanca, le banche italiane beneficiano dello scontro Ue sugli Npl

    La Banca centrale europea tira dritto con l'addendum alle linee guida sui crediti deteriorati delle banche e l'istituzione non commenta il duro monito lanciato ieri dal presidente del Parlamento europeo, Tajani, che ha minacciato di adire alla Corte di giustizia. Per Mediobanca questo scontro finirà per beneficiare le banche italiane portando a una versione più morbida delle misure. Il giudizio sul settore resta positivo

    di Roberta Castellarin

    Oggi i titoli bancari italiani sono in recupero a Piazza Affari dopo le correzioni registrate ieri, quando il settore ha perso il 2,6%. A partire da Bper che sale a quota 4,59 euro (+1,91%), Banco Bpm a 2,9 (+1,31%), Ubi a 3,7 (+0,84%), Credem a 7,2 (+0,69%), Unicredit a 16,5 (+0,52%) e Intesa Sanpaolo a 2,96 (+0,17%). Intanto Banca centrale europea tira dritto con l'addendum alle linee guida sui crediti deteriorati delle banche e l'istituzione non commenta il duro monito lanciato ieri dal presidente del Parlamento europeo Tajani, che ha minacciato di adire alla Corte di giustizia. Secondo Mediobanca questo scontro finirà per beneficiare le banche italiane portando a una versione più morbida delle misure. Il giudizio per il settore resta positivo. Ecco perché.

    La Banca centrale europea ha tirato dritto con l'addendum alle linee guida sui crediti deteriorati delle banche: verrà come previsto pubblicato a metà marzo. E l'istituzione non ha commentato il duro monito lanciato ieri dal presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, che ha minacciato di adire alla Corte di giustizia europea se la versione modificata di questo documento dovesse finire per configurare un tentativo "in via surrettizia di avviare una attività pseudo legislativa".

    Il servizio giuridico del Parlamento europeo ha già contestato la prima versione dell'addendum, sostenendo che la Vigilanza Bce si sarebbe spinta oltre il suo mandato sconfinando su terreni che spettano ai legislatori. Valutazioni simili sono giunte anche dal servizio giuridico del Consiglio europeo. Successivamente la Vigilanza Bce, guidata dalla francese Danièle Nouy, ha deciso di rinviare a metà marzo appunto la pubblicazione della versione definitiva dell'addendum, che terrà conto dei rilievi formulati dalle varie parti consultate, anche di quelli dell'Europarlamento e del Consiglio Ue. E ha difeso la sua iniziativa spiegando che ricade nell'ambito delle sue competenze (Pillar2).

    Secondo Mediobanca questo scontro tra le autorità europee rende l'introduzione di misure molto severe meno probabile. Gli esperti si aspettano che la richiesta di riduzione dei rischi si accompagni a misure di condivisione dei rischi stessi, con le banche del sud Europa tra le maggiori beneficiarie. "Siamo costruttivi sulle banche italiane con un giudizio outperform su Uncredit, Ubi, Bper e Credito Emiliano e vediamo Ubi e Bper capaci di difendere il rapporto del 10% di Npl, pur mantenendo un adeguato Cet1", si legge nello studio.

  9. #9
    L'avatar di Superspazzola
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    22,920
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    1073 Post(s)
    Potenza rep
    42949684

    Posizioni nette corte

    INTESA SANPAOLO, BRIDGEWATER AMPLIA LE POSIZIONI CORTE

    (Teleborsa) - Il fondo di investimenti americano Bridgewater Associates, lo scorso 5 marzo 2018, ha incrementato la posizione ribassista su Intesa Sanpaolo dall'1,2% all'1,28%.

    Lo si apprende dalle comunicazioni della Consob relative alle posizioni nette corte.

    Intanto, a Piazza Affari, il Gruppo bancario si muove al rialzo, attestandosi a 3,037 euro, con un aumento dell'1,50%.

    (TELEBORSA) 07-03-2018 05:03 pm

  10. #10
    L'avatar di lupolipa
    Data Registrazione
    Mar 2005
    Messaggi
    1,922
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    307 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da Superspazzola Visualizza Messaggio
    INTESA SANPAOLO, BRIDGEWATER AMPLIA LE POSIZIONI CORTE

    (Teleborsa) - Il fondo di investimenti americano Bridgewater Associates, lo scorso 5 marzo 2018, ha incrementato la posizione ribassista su Intesa Sanpaolo dall'1,2% all'1,28%.

    Lo si apprende dalle comunicazioni della Consob relative alle posizioni nette corte.

    Intanto, a Piazza Affari, il Gruppo bancario si muove al rialzo, attestandosi a 3,037 euro, con un aumento dell'1,50%.

    (TELEBORSA) 07-03-2018 05:03 pm
    Non è esattamente così... il massimo delle posizioni corte le aveva l'8 febbraio con l'1,32% , scese a 1,28% il 14.2 , scese ulteriormente a 1,19% il 20 febbraio , aumentate a 1,20 il primo marzo , aumentate ancora a 1,3% il il 2 marzo... poi il 5 marzo le ha lievemente ridotte a 1,28%.
    vedi PNC

Accedi