Piccolo esame di economia - Pagina 71
Bernanke predica cautela: inversione curva dei rendimenti non vuol dire recessione automatica
L’ex presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, mette in guardia da una lettura eccessivamente allarmistica dei segnali dati dalla della curva dei rendimenti, che si è notevolmente appiattiva nell’ultimo mese. …
Tre motivi per credere ancora nei Faang
I conti di Netflix hanno deluso le attese e i dubbi sui titoli Faang, dopo l’interminabile corsa in Borsa, aumentano. Nei prossimi giorni anche Alphabet (Google), Apple, Facebook e Amazon …
Sponda Powell per le Borse, record Nasdaq e conti Asml galvanizzano Stm
La testimonianza semestrale al Cangresso da parte di Jerome Powell ha convinto i mercati con l'ottimismo espresso dal presidente della Fed che si è tramutato in una sponda per le …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
Prima 2161697071

  1. #701

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    16,513
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    2397 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    dev'essere difficile non riuscire a sostenere con i dati le proprie fantasiose teorie

    le "opinioni" vengono spazzate via dai fatti


    la conclusione quindi è che la Germania ha abbassato il suo indebitamento pubblico dal 2011 al 2017

    da un picco di 2,9 trilioni è sceso a 2,3 trilioni e tutto questo lo ha fatto crescendo


    tutto ciò dimostra quindi che la teoria secondo la quale bisogna spendere per crescere è l'ennesima balla

  2. #702

    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    4,230
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    1603 Post(s)
    Potenza rep
    27894952
    Citazione Originariamente Scritto da zerohedge Visualizza Messaggio
    dev'essere difficile non riuscire a sostenere con i dati le proprie fantasiose teorie

    le "opinioni" vengono spazzate via dai fatti


    la conclusione quindi è che la Germania ha abbassato il suo indebitamento pubblico dal 2011 al 2017

    da un picco di 2,9 trilioni è sceso a 2,3 trilioni e tutto questo lo ha fatto crescendo


    tutto ciò dimostra quindi che la teoria secondo la quale bisogna spendere per crescere è l'ennesima balla
    tu dici
    tutto ciò dimostra quindi che la teoria secondo la quale bisogna spendere per crescere è l'ennesima balla

    beh non credo che sia il caso di affaticare il cervello nel cercare repliche esplicative a ciò o peggio ancora andare a cercare improponibili grafici o statistiche con i soliti copia e incolla da siti più o meno credibili.Basta una semplice constatazione.

    Mi spiegate quale imprenditore sceglierebbe di investire in un mercato ben sapendo che lì nessuno intende spendere un euro di più di quello che ha già speso ?

    Beh lo potrebbe fare solo se fosse sicuro di portar via prodotti alla concorrenza ma ciò non produrrebbe nè un occupato di più e nè un occupato di meno,in quanto il miglioramento dei prezzi
    verrebbe subitaneamente corroso dai maggiorati costi sociali seguiti dai naturali appesantimenti fiscali dovuti alla ristrutturazione aziendale creata.

    Va da sè che tutti gli incentivi all'occupazione che passano a lato di un miglioramento dell'offerta e basta,per es con diminuzioni di tasse o premi a chi investe sono del tutto inefficaci se non sono anticipati da un consistente aumento indotto della spesa e cioè da rilanci della domanda.
    E la domanda si può rilanciare sia mettendo genericamente più soldi in tasca ai consumatori con riduzioni di tasse dirette e indirette a famiglie ed imprese oppure con la spesa pubblica.Quest'ultima azione ha un vantaggio sulla prima perchè consente di poter indirizzare la crescita secondo prefissati obiettivi di interesse pubblico e di difesa dell'ambiente,senza alterare la logica di mercato, il chè eviterebbe nel medio lungo di incorrere in inflazione eccessiva o debito aggiuntivo.

    nb
    Att.ne se poi non si fa buona spesa pubblica,questo non inficia il principio di fondo per cui serve più spesa pubblica in funzione anticiclica che riduzione di tasse,e non deve creare l'assurda consapevolezza che da noi la teoria di keynes vale di meno che altrove.Ma evidenzia solo che il problema sta nella necessità di trovare tutti i rimedi migliori a far fare buona spesa pubblica e non a eliminarla o ridurla.
    Ultima modifica di luciano sibio; 23-06-18 alle 16:38

  3. #703
    L'avatar di Sency
    Data Registrazione
    Aug 2004
    Messaggi
    1,822
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    357 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    In ultima analisi la spesa pubblica è lo strumento con cui politici e amministrazione pubblica comprano il voto degli elettori, avvalendosi del monopolio legale e coercitivo dello stato.

  4. #704
    L'avatar di San Siro
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    6,649
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Sency Visualizza Messaggio
    In ultima analisi la spesa pubblica è lo strumento con cui politici e amministrazione pubblica comprano il voto degli elettori, avvalendosi del monopolio legale e coercitivo dello stato.
    Infatti cos'ha combinato il tuo amico Obama?

    In otto anni ha aumentato il debito pubblico americano di 35,5 punti percentuali rispetto al Pil.

    Tu dirai, bella forza, è un democratico.

    Beh, il tuo amico (questa volta amico fraterno e sodale) George Dabliu Bush aveva aumentato il debito del 30,8% (e senza avere crisi finanziarie tra le palle.)

    Come lo spieghi?

  5. #705

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    16,513
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    2397 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Sency Visualizza Messaggio
    In ultima analisi la spesa pubblica è lo strumento con cui politici e amministrazione pubblica comprano il voto degli elettori, avvalendosi del monopolio legale e coercitivo dello stato.
    pura e semplice verità

  6. #706

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    16,513
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    2397 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da San Siro Visualizza Messaggio
    Infatti cos'ha combinato il tuo amico Obama?

    In otto anni ha aumentato il debito pubblico americano di 35,5 punti percentuali rispetto al Pil.

    Tu dirai, bella forza, è un democratico.

    Beh, il tuo amico (questa volta amico fraterno e sodale) George Dabliu Bush aveva aumentato il debito del 30,8% (e senza avere crisi finanziarie tra le palle.)

    Come lo spieghi?
    guerra in Iraq, Afghanistan...

  7. #707
    L'avatar di San Siro
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    6,649
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    354 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da zerohedge Visualizza Messaggio
    guerra in Iraq, Afghanistan...
    Metà, forse.

    E il 35% di Obama?

  8. #708

    Data Registrazione
    Oct 2012
    Messaggi
    16,513
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    2397 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da San Siro Visualizza Messaggio
    Metà, forse.

    E il 35% di Obama?
    metà??

    Obama ha ereditato una situazione difficilissima da Bush, disastrosa

Accedi