L’Italia diventerà un parco a tema
Tria vuole lo spread 100 pb più in basso, una sponda può arrivare da Bce
Gennaio è iniziato con rinnovato ottimismo sui BTP. La carta italiana, già tornata di moda il mese scorso grazie allo spegnersi delle tensioni con l’Ue sulla Manovra 2019, ha trovato …
Incognita trattative Usa-Cina in vista dell’1 marzo
Gli operatori tornano a guardare alla questione commerciale Usa-Cina. Ieri un articolo del Financial Times ha riportato che gli Stati Uniti avrebbero cancellato un incontro previsto in questi giorni con …
Popolare Bari, il nuovo temuto caso Carige. Sarà una fusione a salvarla?
Occhio all'inchiesta dell'Espresso sul caso Popolare di Bari e sugli intrecci tra politica e banche.
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
12 Ultima

  1. #1
    L'avatar di cityboy
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    757
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    31284396

    L’Italia diventerà un parco a tema

    Il paese ha bisogno dell’aiuto della Cina. Ma in questo modo rischia di perdere il controllo delle sue risorse. Il commento di un economista esperto di questioni asiatiche



    I paesi dell’Europa meridionale, sommersi dai debiti, sono alle prese non con una crisi ma con una trattativa commerciale. Grecia e Italia, un tempo dominatrici del Mediterraneo, invecchieranno sempre di più e saranno salvate da orde di turisti asiatici. Il modello spartano, in pratica.
    Sparta è stata la prima potenza mondiale a cadere vittima di un suicidio demografico, ma anche la prima ex potenza a sopravvivere sotto forma di un parco a tema. Un tempo a Sparta vivevano più di diecimila persone, ma dopo la sconfitta subita da Tebe nel 371 a.c. nella battaglia di Leuttra, la popolazione si era ridotta a mille abitanti. La città-stato continuò a sopravvivere, ma sotto forma di parco a tema: gli ultimi spartani rimasti continuarono a ungersi i capelli, a indossare le loro vesti, a suonare i loro flauti e a disporsi in falangi per la gioia dei visitatori romani.
    Se i turisti provenienti dall’Italia tennero in vita Sparta per cinquecento anni dopo che il suo modello politico diventò superato, i visitatori cinesi possono tranquillamente tenere a galla l’Italia per un altro secolo o due. Quarantatrè milioni di turisti hanno visitato la penisola nel 2009, spendendo in media circa 750 euro. Se le circostanze saranno favorevoli, i visitatori asiatici potrebbero raddoppiare nel giro di pochi anni, dando all’Italia un grande aiuto a ridurre il suo debito con l’estero. Ma c’è una controindicazione: la Cina finirà con il possedere gran parte del paese. I cinesi non hanno nessuna intenzione di limitarsi a fare la parte dei turisti e a scattare qualche foto: vogliono comprare e portarsi a casa la bellezza e i prodotti italiani.
    In questo modo l’Italia riuscirebbe a sfruttare le sue enormi potenzialità nel settore delle esportazioni. A differenza della Germania, i cui macchinari lavorano a pieno regime in molte fabbriche cinesi, l’Italia non è riuscita a stimolare le esportazioni verso la Cina. Il più importante produttore italiano, la Fiat, resiste a malapena in mercati secondari come quello russo o turco e tra i ceti a più basso reddito (e sempre più impoveriti) degli Stati Uniti.

    Capacità di sopravvivenza
    In Italia la tradizione vuole che ogni imprenditore mantenga quattro registri contabili: uno per l’ufficio imposte, uno per la banca, uno per la moglie e uno per sé. Le imprese sono molto spesso a conduzione familiare e per questo motivo nel mercato azionario italiano sono pochi i titoli che vale la pena comprare. Le aziende migliori sono nelle mani di un pugno di azionisti, nonostante molte di esse siano tecnologicamente all’avanguardia. In Italia ci sono centinaia di ottime aziende, ma sono messe in ombra dalla corruzione, dalla burocrazia e dall’irresponsabilità della classe politica. Quasi mai le aziende italiane piccole e virtuose sono nelle condizioni di esprimere tutto il loro potenziale.
    Per l’industria italiana l’insolvenza del paese sarebbe una grande notizia. Se gli stranieri cominciassero a comprare i beni dello stato, le imprese locali conquisterebbero il palcoscenico del mercato internazionale, e potrebbero dimostrare tutto il loro valore attirando capitali stranieri. La verità è che il sistema politico italiano non può essere riformato: può solo essere aggirato, e questo è precisamente ciò che hanno fatto gli italiani per sopravvivere nel corso dei secoli. Il nuovo libro di Michael Ledeen, Virgil’s golden egg and other neapolitan miracles, spiega le capacità di sopravvivere e il genio degli italiani. Gli investitori asiatici dovrebbero leggerlo con attenzione. Il più grande nemico dei talenti italiani è il governo di Roma. Quello di cui il paese ha bisogno è un’invasione simile a quella dei Goti nel quinto secolo dopo Cristo, solo che i “barbari” dovrebbero impugnare i libretti degli assegni invece che asce e spadoni.
    Nella veste di turisti ma anche di uomini d’affari, i cinesi troverebbero in Italia una tecnologia e un gusto perfettamente compatibili con il loro universo e in grado di migliorare la loro vita e le loro aziende. La passione dei cinesi per l’Italia risale a tanti anni fa, quando l’ossobuco alla milanese è diventato il piatto tipico di Shanghai. Oggi nella città più popolosa della Cina le pietanze italiane di prima qualità sono più facili da trovare dei piatti della tradizione locale. Tuttavia, per trasformare l’amore in denaro, l’Italia ha bisogno di aprire le porte ai consumatori cinesi. Per farlo dovrebbe innanzitutto sbarazzarsi di tutti gli accordi politici che soffocano la società come un rampicante.
    I cinesi arriverebbero giusto in tempo. Come gli spartani nell’antichità, gli italiani sono un popolo in via d’estinzione. Secondo le stime delle Nazioni Unite, entro il 2040 i tre quinti degli italiani saranno pensionati. Anche ipotizzando una ripresa graduale del tasso di fecondità, il numero di donne in età riproduttiva sarà calato del 40 per cento entro la metà del secolo. Questo significa che la popolazione italiana non si riprenderà mai. Gli imprenditori italiani hanno bisogno di vendere il loro talento all’Asia, perchè tra qualche anno le migliori aziende a conduzione familiare non avranno più familiari per tenere in vita l’attività. E faranno la fine dei maestri soffiatori di Murano, dove rimangono ormai pochi artigiani che intrattengono i turisti creando animali di vetro.
    Come gli spartani, i cittadini italiani finiranno per vivere in un parco a tema. Venderanno pizza, soffieranno vetro e imbottiglieranno vini pregiati per la gioia di frotte di asiatici. IL governo sarà in bancarotta, e i possessori di titoli di stato italiani riceveranno 70 centesimi per ogni euro investito.
    E i parassiti che vivono sulle spalle dello stato italiano faranno la fine delle pulci su un cane morto.

    David P. Goldman

  2. #2

    Data Registrazione
    Aug 2011
    Messaggi
    119
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    4194757
    Ho i miei dubbi che si possa campare di turismo ed investimenti cinesi in sessanta milioni.
    Se lo sviluppo demografico fosse stato più contenuto forse si sarebbe potuti vivere di turismo, agricoltura di qualità, un po' di industrie familiari e commercio. Senza dover devastare tutto il territorio.
    Intendiamoci essere una potenza industriale è meglio ma visto che ce la siamo giocata...
    In ogni caso è precisamente il "genio" italiano che ha creato questi politici.

  3. #3
    L'avatar di marco1980
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    3,440
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    726 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Piett Visualizza Messaggio
    Ho i miei dubbi che si possa campare di turismo ed investimenti cinesi in sessanta milioni.
    Se lo sviluppo demografico fosse stato più contenuto forse si sarebbe potuti vivere di turismo, agricoltura di qualità, un po' di industrie familiari e commercio. Senza dover devastare tutto il territorio.
    Intendiamoci essere una potenza industriale è meglio ma visto che ce la siamo giocata...
    In ogni caso è precisamente il "genio" italiano che ha creato questi politici.

    5000 anni fa popoli indoeuropei provenienti dalla Russia Orientale spazzarono via i popoli di cultura neolitica. Dopo il 1500 d.c. gli stessi europei distrussero le civiltà autoctone del Nuovo Mondo.

    Succederà di nuovo, ma ci vorranno un paio di secoli per determinare la fine della nostra civiltà...

  4. #4

    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    1,140
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    333 Post(s)
    Potenza rep
    0
    questo goldman si è fatto qualche cicchetto prima di scrivere questo articolo

  5. #5

    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    409
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    L’Italia diventerà un pacco a tema...

  6. #6

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    1,153
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    35 Post(s)
    Potenza rep
    40038297
    Citazione Originariamente Scritto da marco1980 Visualizza Messaggio
    5000 anni fa popoli indoeuropei provenienti dalla Russia Orientale spazzarono via i popoli di cultura neolitica. Dopo il 1500 d.c. gli stessi europei distrussero le civiltà autoctone del Nuovo Mondo.

    Succederà di nuovo, ma ci vorranno un paio di secoli per determinare la fine della nostra civiltà...
    Se è per questo è già successo con la caduta dell'impero romano, quando l'Italia fu invasa da molte popolazioni barbariche.
    Queste invasioni fecero retrocedere la nostra cultura, la nostra civiltà e le nostre conoscenze di parecchi secoli.
    Solo dopo l'anno 1000 la nostra civiltà tornò lentamente al punto di partenza!

  7. #7

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    873
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3 Post(s)
    Potenza rep
    34242807
    Un paese che non è in grado di sfruttare le fantastiche risorse storico/culturali che si ritrova è un paese che MERITA di essere venduto ad altri.
    Altri che sono riusciti a valorizzare le COPIE di nostri paesaggi e della nostra storia (vedi venezia in america, italia in miniatura, vari monumenti etc. etc.)
    E' incredibile che ci sono turisti che visitano le copie e noi non siamo in grado di sfruttare al meglio gli originali.
    Poi c'è il libero mercato. Se uno può acquistare una piazza, una fontana, il colosseo, non vedo perchè non debba farlo se vuole.
    Non sono i cinesi che sono brutti e cattivi. Basterebbe dire "Queste sono cose che non si vendono". Ma purtroppo ci siamo messi nella condizione di venderci pure le mutande. E, ripeto, ce lo siamo ampiamente meritati!

  8. #8
    L'avatar di marco1980
    Data Registrazione
    Mar 2008
    Messaggi
    3,440
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    726 Post(s)
    Potenza rep
    42949683

  9. #9
    L'avatar di cipensounpo
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Messaggi
    7,542
    Mentioned
    3 Post(s)
    Quoted
    2504 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da cityboy Visualizza Messaggio
    Il paese ha bisogno dell’aiuto della Cina. Ma in questo modo rischia di perdere il controllo delle sue risorse. Il commento di un economista esperto di questioni asiatiche



    I paesi dell’Europa meridionale, sommersi dai debiti, sono alle prese non con una crisi ma con una trattativa commerciale. Grecia e Italia, un tempo dominatrici del Mediterraneo, invecchieranno sempre di più e saranno salvate da orde di turisti asiatici. Il modello spartano, in pratica.
    Sparta è stata la prima potenza mondiale a cadere vittima di un suicidio demografico, ma anche la prima ex potenza a sopravvivere sotto forma di un parco a tema. Un tempo a Sparta vivevano più di diecimila persone, ma dopo la sconfitta subita da Tebe nel 371 a.c. nella battaglia di Leuttra, la popolazione si era ridotta a mille abitanti. La città-stato continuò a sopravvivere, ma sotto forma di parco a tema: gli ultimi spartani rimasti continuarono a ungersi i capelli, a indossare le loro vesti, a suonare i loro flauti e a disporsi in falangi per la gioia dei visitatori romani.
    Se i turisti provenienti dall’Italia tennero in vita Sparta per cinquecento anni dopo che il suo modello politico diventò superato, i visitatori cinesi possono tranquillamente tenere a galla l’Italia per un altro secolo o due. Quarantatrè milioni di turisti hanno visitato la penisola nel 2009, spendendo in media circa 750 euro. Se le circostanze saranno favorevoli, i visitatori asiatici potrebbero raddoppiare nel giro di pochi anni, dando all’Italia un grande aiuto a ridurre il suo debito con l’estero. Ma c’è una controindicazione: la Cina finirà con il possedere gran parte del paese. I cinesi non hanno nessuna intenzione di limitarsi a fare la parte dei turisti e a scattare qualche foto: vogliono comprare e portarsi a casa la bellezza e i prodotti italiani.
    In questo modo l’Italia riuscirebbe a sfruttare le sue enormi potenzialità nel settore delle esportazioni. A differenza della Germania, i cui macchinari lavorano a pieno regime in molte fabbriche cinesi, l’Italia non è riuscita a stimolare le esportazioni verso la Cina. Il più importante produttore italiano, la Fiat, resiste a malapena in mercati secondari come quello russo o turco e tra i ceti a più basso reddito (e sempre più impoveriti) degli Stati Uniti.

    Capacità di sopravvivenza
    In Italia la tradizione vuole che ogni imprenditore mantenga quattro registri contabili: uno per l’ufficio imposte, uno per la banca, uno per la moglie e uno per sé. Le imprese sono molto spesso a conduzione familiare e per questo motivo nel mercato azionario italiano sono pochi i titoli che vale la pena comprare. Le aziende migliori sono nelle mani di un pugno di azionisti, nonostante molte di esse siano tecnologicamente all’avanguardia. In Italia ci sono centinaia di ottime aziende, ma sono messe in ombra dalla corruzione, dalla burocrazia e dall’irresponsabilità della classe politica. Quasi mai le aziende italiane piccole e virtuose sono nelle condizioni di esprimere tutto il loro potenziale.
    Per l’industria italiana l’insolvenza del paese sarebbe una grande notizia. Se gli stranieri cominciassero a comprare i beni dello stato, le imprese locali conquisterebbero il palcoscenico del mercato internazionale, e potrebbero dimostrare tutto il loro valore attirando capitali stranieri. La verità è che il sistema politico italiano non può essere riformato: può solo essere aggirato, e questo è precisamente ciò che hanno fatto gli italiani per sopravvivere nel corso dei secoli. Il nuovo libro di Michael Ledeen, Virgil’s golden egg and other neapolitan miracles, spiega le capacità di sopravvivere e il genio degli italiani. Gli investitori asiatici dovrebbero leggerlo con attenzione. Il più grande nemico dei talenti italiani è il governo di Roma. Quello di cui il paese ha bisogno è un’invasione simile a quella dei Goti nel quinto secolo dopo Cristo, solo che i “barbari” dovrebbero impugnare i libretti degli assegni invece che asce e spadoni.
    Nella veste di turisti ma anche di uomini d’affari, i cinesi troverebbero in Italia una tecnologia e un gusto perfettamente compatibili con il loro universo e in grado di migliorare la loro vita e le loro aziende. La passione dei cinesi per l’Italia risale a tanti anni fa, quando l’ossobuco alla milanese è diventato il piatto tipico di Shanghai. Oggi nella città più popolosa della Cina le pietanze italiane di prima qualità sono più facili da trovare dei piatti della tradizione locale. Tuttavia, per trasformare l’amore in denaro, l’Italia ha bisogno di aprire le porte ai consumatori cinesi. Per farlo dovrebbe innanzitutto sbarazzarsi di tutti gli accordi politici che soffocano la società come un rampicante.
    I cinesi arriverebbero giusto in tempo. Come gli spartani nell’antichità, gli italiani sono un popolo in via d’estinzione. Secondo le stime delle Nazioni Unite, entro il 2040 i tre quinti degli italiani saranno pensionati. Anche ipotizzando una ripresa graduale del tasso di fecondità, il numero di donne in età riproduttiva sarà calato del 40 per cento entro la metà del secolo. Questo significa che la popolazione italiana non si riprenderà mai. Gli imprenditori italiani hanno bisogno di vendere il loro talento all’Asia, perchè tra qualche anno le migliori aziende a conduzione familiare non avranno più familiari per tenere in vita l’attività. E faranno la fine dei maestri soffiatori di Murano, dove rimangono ormai pochi artigiani che intrattengono i turisti creando animali di vetro.
    Come gli spartani, i cittadini italiani finiranno per vivere in un parco a tema. Venderanno pizza, soffieranno vetro e imbottiglieranno vini pregiati per la gioia di frotte di asiatici. IL governo sarà in bancarotta, e i possessori di titoli di stato italiani riceveranno 70 centesimi per ogni euro investito.
    E i parassiti che vivono sulle spalle dello stato italiano faranno la fine delle pulci su un cane morto.

    David P. Goldman
    uffa, quanti nostradamus, che p@lle........
    e poi, con questi nomi anglosassoni che evocano il punto di origine reale di quello che sta avvendendo, che p@lle..........

  10. #10

    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    786
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    prospettiva parzialmente realistica...ma io non ci vedo per forza un male...se solo avessimo un sistema turistico all'altezza...

Accedi