Settore Oil: prossima settimana trimestrali delle major, analisti vedono seconda metà 2016 al ribasso
Prosegue il graduale ribasso delle quotazioni del greggio, nonostante il dato positivo relativo alle scorte Usa di mercoledì, che ha concesso una breve pausa al movimento di correzione. Dal punto di vista tecnico le quotazioni del Brent si ...
Bankitalia: arrivate tre offerte per le good bank, prezzo nota dolente
Sono tre le offerte economiche impegnative recapitate a Bankitalia per l'acquisto delle good bank, ovvero le quattro banche nate dalla risoluzione di Carife, Banca Marche, Banca Etruria e Carichieti. Le offerte informali erano 26, mentre ora ne rim...
Bce verso più flessibilità su bond acquistabili, BlackRock punta su appiattimento parte lunga curva rendimenti Btp
Bisognerà attendere il prossimo meeting Bce dell'8 settembre, che sarà inoltre accompagnato dalle nuove proiezioni macroeconomiche, per vedere se effettivamente Mario Draghi ha in serbo ulteriori azioni di allentamento monetario. Tra le opzioni in ...
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
Prima 1234 Ultima

  1. #21

    Data Registrazione
    Jan 2000
    Messaggi
    36,528
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Successo della battaglia della Lega contro il monopolio dell'informazione
    Canone, istruzioni per il disuso
    Esperti hanno spiegato su Radio Padania come liberarsene

    di Rita Cugola
    Una lunghissima diretta di quasi sei ore ha caratterizzato ieri il pomeriggio di Radio Padania Libera. Una diretta - è il caso di dirlo - all'insegna della vera informazione e contro ogni forma di monopolio statale su quello che dovrebbe essere un pieno diritto dei cittadini: essere debitamente e imparzialmente informati su tutto ciò che accade.Sappiamo tutti, però, che in viale Mazzini il potere ha inequivocabilmente preso il sopravvento sul valore informativo, garanzia unica e insostituibile di uno Stato democratico, regolato da leggi altrettanto democratiche e scevro da qualsiasi velleità di regime. Del resto, quando la televisione diventa essa stessa un «controllore» della società, tutti i valori preesistenti vengono sconvolti: non è più la stampa che controlla i poteri, ma viceversa. Gli ascoltatori di Radio Padania Libera che hanno seguito la maxi-diretta proposta ieri, dal significativo titolo «Stop alla Rai: disdire il canone non è reato» (in replica domani a partire dalle 23:00) hanno capito molto bene questo concetto. E hanno deciso di dire basta alla schiavitù del canone di abbonamento Tv.Il malcontento generale suggerito dal fatto di dover contribuire finanziariamente ad arricchire un Ente che non sembra crearsi particolari problemi nell'elargire stipendi da capogiro (alcuni si aggirano intorno ai cinquanta milioni mensili, alla faccia nostra) è in costante aumento. E - cosa alquanto significativa - viene finalmente esternato. Ora, infatti, sempre più persone disdicono l'abbonamento Rai che - vale la pena di sottolinearlo - non è affatto una tassa.L'obbligo di pagamento del canone risale a una vetusta legge (la n° 246) del 1938, cioè all'epoca in cui la Rai si chiamava ancora Eiar e il suo raggio di diffusione si limitava alle sole frequanze radiofoniche (non supportate dalla pubblicità, come invece accade oggi). Molti abbonati, a giudicare dalle numerosissime telefonate giunte ai centralini di Radio Padania Libera, sono riusciti a liberarsi definitivamente dall'onere del canone (che ammonta a circa 170.000 lire annue); altri vorrebbero disdire il loro abbonamento ma temono di incorrere in spiacevoli conseguenze.L'emittente leghista ha voluto offrire un servizio di vera informazione e di pubblica utilità, mettendo a disposizione degli ascoltatori l'esperienza di persone del tutto qualificate in materia.. L'avv. Giovanni Bertacche, Elia Bianchin, Renato Pilastro (rispettivamente legale, presidente e cassiere del Clirt, Comitato Libera Informazione Rai-Tv con sede a Marostica - Vicenza) e Giovanni Manzani, della sezione «Darsena» della Lega Nord di Milano, hanno dato risposte concrete a chiunque desiderava ricevere informazioni e delucidazioni circa le procedure per dire "Basta" alla Rai in tutta tranquillità.La procedura da seguire è sostanzialmente questa: bisogna compilare un vaglia postale da diecimila lire (intestato a Urar-Tv- casella postale 22 - 10100 Torino) indicando nella causale «diritti e spese di chiusura a fronte ruolo XY». Vi verrà restituita una ricevuta bianca recante alcuni dati, che vanno poi riportati in calce al modulo "D" del libretto di abbonamento, insieme all'indicazione dell'agenzia in cui è stato effettuato il versamento. Disdire l'abbonamento barrando la voce 2 (anche in caso di decesso del titolare del libretto stesso), relativa alla richiesta di suggellamento dell'apparecchio televisivo. Apporre la propria firma ricordando di compilare anche il retro del modulo, riportando gli stessi dati del libretto Urar.Fotocopiare la ricevuta del vaglia e il modulo "D" in ogni sua parte e spedire gli originali con ricevuta di ritorno. Il termine ultimo per disdire il canone Rai e il 31/12/98, ma è consigliabile attivare lepratiche entro il 15/12/98.Ricordiamo che è possibile rivolgersi direttamente alle sezioni della Lega Nord (pubblicheremo in seguito un elenco), oppure alla sede del Clirt a Marostica.



    PROPRIO ORA SU TVA VICENZA ... VISIBILE ANCHE IN INTERNET ...

  2. #22

    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    538
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    12429318
    riepilogando..............
    la tassa è su qualsiasi schermo che si possiede in casa
    suonano x un sopralluogo e tu non gli apri: non possono fare nulla, non possono mica farsi autorizzare un mandato di perquisizione x 'ste cose!
    se tu dichiari che non hai la tv..................

    e se vedono l' antenna sul tetto?
    potrebbe essere un' antenna vecchia che prima quando avevi la tv utilizzavi, ma ora che la tv non la hai +.............

    ragazzi sveglia, siamo sempre i soliti polentoni del nord che pagano le tasse come somari
    al sud 'sta tassa non la hanno MAI pagata

    io personalmente la ho sempre pagata ma i pensieri + libertini cominciano a farsi spazio nella mia mente

  3. #23

    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    538
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    12429318
    forse l' unico problema potrebbe essere il fatto che pago l' abbonamento a internet
    facile da verificare se si va a controllare presso telecom o infostrada

  4. #24
    L'avatar di Angelswan
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    40,256
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da triale
    basta seguire le istruzioni che trovi anche su altro consumo.....
    proprio sull'ultimo numero di altroconsumo parlano delle complicazioni da suggellamento

  5. #25
    L'avatar di 50elvis
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Messaggi
    2,729
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    per televisione la guardia di finanza ha detto che non è un canone che và alla rai ma è una vera tassa.

  6. #26

    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    1,065
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    34635583
    lo pago,e francamente questa domanda sarebbe una delle classiche domande da non fare,perchè si presume che tutti lo paghino.
    chi non lo paga (intendo chi ha v,non chi non ha la tv,è ovvio che non paga per una cosa che non ha).chi non lo paga sappia che è una ***** che contribuisce all'aumento del canone,perchè si rifanno su chi lo paga per compensare gli introiti mancanti che ne derivano dall'evasione.
    il canone dovrebbero detrarlo direttamente dalla busta paga o dal conto corrente/libretto postale,cosi lo pagherebbero tutti.

  7. #27

    Data Registrazione
    Mar 2005
    Messaggi
    4,272
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da ivanci
    lo pago,e francamente questa domanda sarebbe una delle classiche domande da non fare,perchè si presume che tutti lo paghino.
    chi non lo paga (intendo chi ha v,non chi non ha la tv,è ovvio che non paga per una cosa che non ha).chi non lo paga sappia che è una ***** che contribuisce all'aumento del canone,perchè si rifanno su chi lo paga per compensare gli introiti mancanti che ne derivano dall'evasione.
    il canone dovrebbero detrarlo direttamente dalla busta paga o dal conto corrente/libretto postale,cosi lo pagherebbero tutti.
    mi pareva ci fosse la proposta di inglobarlo nella bolletta enel

  8. #28

    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    28,154
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Citazione Originariamente Scritto da dart
    mi pareva ci fosse la proposta di inglobarlo nella bolletta enel
    Esatto!

  9. #29

    Data Registrazione
    Feb 2005
    Messaggi
    7,412
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    I miei si.. io abito con loro.. quindi no

  10. #30

    Data Registrazione
    Oct 2001
    Messaggi
    941
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    9487906
    Citazione Originariamente Scritto da Angelswan
    Riesci a postare l'articolo, magari anche in privato?

Accedi