Cose preziose - Pagina 65
Sabaf: titolo in calo circa del 2% dopo i conti 2018
Sabaf ha pubblicato i conti del 2018 che evidenziano ricavi di vendita pari a 150,6 milioni, superiori dello 0,3% rispetto ai 150,2 milioni del 2017 (-2,4% a parità di area …
Governo si appresta a tagliare stime Pil ma ottimismo rimane. Scommessa è su decreto crescita
Niente manovra correttiva, ma un decreto crescita per rispettare gli impegni presi con l’Europa: inevitabile, però, visto il deteriamento dei fondamentali economici a livello globale, un downgrade delle stime sul …
CTZ allocati tassi dimezzati, spread giù. Aste Bot e Btp chiamate a confermare euforia su carta italiana
Indicazioni convincenti dall’asta CTZ , la prima del classico trittico di aste di fine mese. Tassi di assegnazione in netto calo: i titoli biennali (scadenza novembre 2020) per 2 miliardi …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #641
    L'avatar di abramino
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Messaggi
    3,080
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    82 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Conosciuta, breve ma sempre bella.

    Jacques Prévert: PARIGI DI NOTTE

    Tre fiammiferi accesi uno per uno nella notte
    Il primo per vederti tutto il viso
    Il secondo per vederti gli occhi
    L’ultimo per vedere la tua bocca
    E tutto il buio per ricordarmi queste cose
    Mentre ti stringo tra le braccia...




  2. #642

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,202
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    177 Post(s)
    Potenza rep
    0
    O.T.

    Gli unici bimbi ai quali sia possibile togliere il cellulare, senza scatenare una tragedia, sono quelli che devono ancora nascere.
    La colpa è nostra. Siamo noi gli untori che hanno propagato il virus, condannando i giovanissimi all'imitazione e i vecchi all'upgrade forzato,
    pena l'emarginazione. Forse è innocuo e controllabile, ma toglie peso e significato ad ogni altro regalo. E' un baby sitter, meglio di un libro,
    di carezze a cuccioli. Urgono regole: mai al ristorante, al cinema, negli ospedali. Mai come sostituto della lettera...
    di una scaz-zottata in cortile e, soprattutto, dell'amore. Mai più di uno a testa e mai a meno di tre anni... e chi lo rompe?... Sta senza.




    Lo scroccone seriale: un vero e proprio caso a Firenze. L'uomo si presenta nei locali e consuma, preferibilmente tortelli di patate,
    fiumi di birra e, soprattutto, la mitica bistecca alla fiorentina... Il tutto senza pagare. Innumerevoli ormai gli episodi che lo hanno visto protagonista.
    Molte le denunce a suo carico. Ronald, questo il suo nome, di nazionalità tedesca, comincia con il suo tour nei locali, collezionando denunce e così via.
    Per lui c'è anche un divieto di dimora in Toscana. Tutti ormai parlano delle sue "imprese" certo ben poco edificanti. Si tratta solo di una bravata?...
    Oppure persone del genere, da qualcuno scambiate per "simpatiche canaglie", devono essere puniti severamente secondo la legge?







  3. #643
    L'avatar di abramino
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Messaggi
    3,080
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    82 Post(s)
    Potenza rep
    42949688




    Penso che ogni giorno sia come una pesca miracolosa e che è bello pescare sospesi su di una soffice nuvola rosa
    Io come un gentiluomo, e tu come una sposa.
    Mentre fuori dalla finestra si alza in volo soltanto la polvere. C'è aria di tempesta!
    Sarà che noi due siamo di un altro lontanissimo pianeta. Ma il mondo da qui sembra soltanto una botola segreta.
    Tutti vogliono tutto per poi accorgersi che è niente. Noi non faremo come l'altra gente, questi sono e resteranno per sempre...
    I migliori anni della nostra vita I migliori anni della nostra vita.

    Stringimi forte che nessuna notte è infinita I migliori anni della nostra vita Stringimi forte che nessuna notte è infinita I migliori anni della nostra vita.
    Penso che è stupendo restare al buio abbracciati e muti, come pugili dopo un incontro. Come gli ultimi sopravvissuti.
    Forse un giorno scopriremo che non ci siamo mai perduti... E che tutta quella tristezza in realtà, non è mai esistita!
    I migliori anni della nostra vita I migliori anni della nostra vita Stringimi forte che nessuna notte è infinita I migliori anni della nostra vita!
    Stringimi forte che nessuna notte è infinita I migliori anni della nostra vita...


    Cose preziose-a1.jpg

    Cose preziose-a2.jpg

    Cose preziose-a3.jpg

    Cose preziose-a4.jpg

    Cose preziose-a5.jpg


  4. #644

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,202
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    177 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Per me che abito vicino a Firenze, ci sono tanti modi "migliori" per rinfrescare la testa (e le idee) nel caldo dell'estate ma,
    un sogno che mi balena nella mente, sarebbe quello di andare a Bruxelles, al Museo dedicato a René Magritte e sostare estasiata
    davanti a uno dei suoi quadri. Magari proprio di fronte a questo, che non ricordo come si chiama




    In una loggia aperta su un azzurro di cielo e di mare, una donna nu.da, con la testa china, sembra assorta in se stessa.
    Forse sta meditando o forse sognando. Magritte intinge il pennello nell'azzurro dello sfondo per trasformare parte del corpo
    della donna nella stessa materia del cielo. "Trasformare la donna in cielo: questo è l'atto di magia"
    Per lui, non c'è niente di meglio che raffigurare e trasformare gli aspetti più conosciuti del quotidiano per provocare uno spiazzamento,
    quello che chiama "fratture della realtà". Nei dipinti di Magritte, gli oggetti della vita di tutti i giorni visti fuori del loro contesto,
    e le persone rappresentate nei suoi ritratti, assumano significati inaspettati e, spesso, si rivelano enigmatiche e ambigue.

    Come al solito, con Magritte ogni interpretazione è valida, ogni associazione di idee è consentita. Abbiamo la libertà di vedere nei suoi dipinti
    tutto quello che vogliamo. Senza alcuna costrizione. Basta semplicemente lasciarsi andare e accettare la sensazione di totale straniamento
    che vuole provocare, da quell'ironico "scardinatore delle convenzioni" che è. Il suo scopo è, quello di farci osservare la realtà con uno sguardo diverso.
    E con occhi (perché no?) pieni della leggerezza delle nuvole che ha postato Abramino.
    Mi hanno fatto venire in mente i versi di un poeta, abituato a guardare il mondo (e il cielo) con la stessa profondità mista a candore di Magritte,
    Gianni Rodari:


    Qualcuno che la sa lunga
    mi spieghi questo mistero:
    il cielo è di tutti gli occhi,
    di ogni occhio è il cielo intero.
    È mio, quando lo guardo.
    È del vecchio, del bambino,
    del re, dell’ortolano,
    del poeta, dello spazzino.
    Non c’è povero tanto povero
    che non ne sia il padrone.
    Il coniglio spaurito
    ne ha quanto il leone.
    Il cielo è di tutti gli occhi,
    ed ogni occhio, se vuole,
    si prende la luna intera,
    le stelle comete, il sole.
    Ogni occhio si prende ogni cosa
    e non manca mai niente:
    chi guarda il cielo per ultimo
    non lo trova meno splendente.
    Spiegatemi voi dunque,
    in prosa o in versetti,
    perché il cielo è uno solo
    e la terra è tutta a pezzetti.

  5. #645

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,202
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    177 Post(s)
    Potenza rep
    0
    “Innamoratevi”: il bellissimo monologo di Roberto Benigni

    Questo monologo è tratto dal film "La tigre e la neve". Benigni recita il ruolo di un professore di lettere
    che parla alla sua classe della poesia.




    “Su, su, svelti, veloci, piano, con calma, non vi affrettate.
    Non scrivete subito poesie d’amore che sono le più difficili, aspettate almeno un’ottantina di anni.
    Scrivete su un altro argomento, che ne so… sul mare, vento, un termosifone, un tram in ritardo.
    Non esiste una cosa più poetica di un’altra. La poesia non è fuori, è dentro.
    Cos’è la poesia? Non chiedermelo più, guardati allo specchio, la poesia sei tu.
    Vestitele bene le poesie.
    Cercate bene le parole, dovete sceglierle.
    A volte ci vogliono otto mesi per trovare una parola.

    Scegliete, perchè la bellezza è cominciata quando qualcuno ha cominciato a scegliere, da Adamo ed Eva.
    Lo sapete quanto c’ha messo Eva prima di scegliere la foglia di fico giusta? Ha sfogliato tutti i fichi del paradiso terrestre.

    Innamoratevi.
    Se non vi innamorate è tutto morto.
    Vi dovete innamorare e diventa tutto vivo, si muove tutto.
    Dilapidate la gioia, sperperate l’allegria.
    Siate tristi e taciturni con l’esuberanza.
    Fate soffiare in faccia alla gente la felicità.

    Per trasmettere la felicità, bisogna essere felici e per trasmettere il dolore bisogna essere felici.

    Siate felici.
    Dovete patire, stare male, soffrire.
    Non abbiate paura a soffrire. Tutto il mondo soffre.
    E se non vi riesce, non avete i mezzi, non vi preoccupate, tanto per fare poesia una sola cosa è necessaria: tutto.
    E non cercate la novità. La novità è la cosa più vecchia che ci sia.
    E se il verso non vi viene da questa posizione, da questa, da così, buttatevi in terra, mettetevi così.
    E’ da distesi che si vede il cielo. Guarda che bellezza, perchè non mi ci sono messo prima?!
    Cosa guardate? I poeti non guardano, vedono.

    Fatevi obbedire dalle parole.
    Se la parola è “muro” e “muro” non vi dà retta, non usatela più per otto anni, così impara!
    Questa è la bellezza come quei versi là che voglio che rimangano scritti lì per sempre..
    Forza, cancellate tutto!”

  6. #646
    L'avatar di Monsieur Tubicina.
    Data Registrazione
    Dec 2014
    Messaggi
    1,382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    78 Post(s)
    Potenza rep
    42949677


    Ah.
    E’ questo
    E’ questa la cosa da cui
    ero tanto infastidito stamattina:

    il mio desiderio è tornato,
    ti voglio di nuovo.

    Stavo così bene,
    lo dominavo completamente
    Ragazzi e ragazze erano belli
    e io ero un uomo vecchio,
    che ama tutti

    E adesso, di nuovo, voglio te,
    voglio la tua totale attenzione,
    la tua biancheria che scivola giù in fretta
    e resta appesa a un piede,
    e nella mia testa niente

    se non essere dentro
    l’unico luogo
    che non ha
    un dentro e non ha un fuori.

    Leonard Cohen

  7. #647

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,202
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    177 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Piccolo spazio... pubblicità!




    William Butler Yeats: “Egli desidera il tessuto del cielo”


    Se avessi il drappo ricamato del cielo,
    intessuto dell’oro e dell’argento e della luce,
    i drappi dai colori chiari e scuri
    del giorno e della notte
    dai mezzi colori dell’alba e del tramonto,
    stenderei quei drappi sotto i tuoi piedi:
    invece, essendo povero, ho soltanto sogni;
    e i miei sogni ho steso sotto i tuoi piedi;
    cammina leggera perché
    cammini sopra i miei sogni.




    Un salutone a GESSICA! Che...

    ...presenta un amico, un artista dal cuore grande e sensibile e,

    ringrazia Fabio per il bellissimo regalo.



  8. #648

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,202
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    177 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Piccolo spazio... pubblicità!



    L'orsa abbattuta in Trentino... premetto che non è sopportabile, almeno per me, che si abbatta qualsiasi cosa
    che non riusciamo a gestire o a comprendere. Questo come discorso generale. Poi un animale che si ritrova in un
    territorio che non si è scelto, che come ogni madre (almeno nel mondo degli animali ) difende i propri cuccioli, voglio dire...
    Siamo noi gli intrusi. I soliti rompico------ incapaci di vivere bene sia con se stessi che con gli altri e che i problemi
    li risolvono con il fucile, è si'... Perché noi siamo gli uomini, mica delle bestie.
    Cara evoluzione, c'è qualcosa che non quadra...




    GESSICA:

    "Con quasi 8 mesi di ritardo.. ma alla fine ce l'abbiamo fatta!!!! 😍
    Amici é con grande piacere che vi comunico che il 23 agosto uscira' il mio nuovo singolo "GRACIAS A LA VIDA". Nato piu' di un anno fa, avrebbe dovuto essere stato pubblicato lo scorso gennaio ma come tutti sapete purtroppo abbiamo avuto "un piccolo imprevisto"..😂 ma come si dice.. non esiste niente che possa distruggere i nostri sogni quando in essi crediamo veramente❤
    Detto questo vorrei ringraziare con tutto il mio affetto le persone che hanno sempre creduto in me e che sono state fondamentali nella realizzazione di questo progetto. Senza di voi io non sarei niente❤ Tutto questo é possibile Grazie a voi, la mia seconda famiglia. Vi voglio bene"
    😘








    Cercami
    Come quando e dove vuoi
    Cercami
    È più facile che mai
    Cercami
    Non soltanto nel bisogno
    Tu cercami
    Con la volontà e l'impegno reinventami

    Se mi vuoi
    Allora cercami di più
    Tornerò
    Solo se ritorni tu
    Sono stato invadente
    Eccessivo lo so
    Il pagliaccio di sempre
    Anche quello era amore però
    Questa vita ci ha puniti già
    Troppe quelle verità
    Che ci son rimaste dentro
    Oggi che fatica che si fa
    Come è finta l'allegria
    Quanto amaro disincanto
    Io sono qui
    Insultami, feriscimi
    Sono così
    Tu prendimi o cancellami
    Adesso si
    Tu mi dirai che uomo mai ti aspetti

    Io mi berrò
    L'insicurezza che mi dai
    L'anima mia
    Farò tacere pure lei
    Se mai vivrò
    Di questa clandestinità per sempre

    Fidati
    Che hanno un peso gli anni miei
    Fidati
    E sorprese non avrai
    Sono quello che vedi
    Io pretese non ho
    Se davvero mi credi
    Di cercarmi non smettere no
    Questa vita ci ha puniti già
    L'insoddisfazione è qua
    Ci ha raggiunti facilmente
    Così poco abili anche noi
    A non dubitare mai
    Di una libertà indecente
    Io sono qui
    Ti servirò ti basterò
    Non resterò
    Una riserva, questo no
    Dopo di che
    Quale altra alternativa può salvarci
    Io resto qui
    Mettendo a rischio i giorni miei
    Scomodo si
    Perché non so tacere mai
    Adesso sai
    Senza un movente non vivrei comunque
    Cercami cercami non smettere...

  9. #649
    L'avatar di abramino
    Data Registrazione
    Mar 2004
    Messaggi
    3,080
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    82 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Per prima cosa, metto anch'io come Ilarina, (ma chi stai cercando???) un po' di pubblicità........

    Chissà cos'è la felicità al quadrato???



    Fabrizio De Andrè: CANZONE DELL'AMORE PERDUTO



    Ricordi sbocciavan le viole
    con le nostre parole
    "Non ci lasceremo mai, mai e poi mai",
    vorrei dirti ora le stesse cose
    ma come fan presto, amore, ad appassire le rose
    così per noi
    l'amore che strappa i capelli è perduto ormai,
    non resta che qualche svogliata carezza
    e un po' di tenerezza.
    E quando ti troverai in mano
    quei fiori appassiti al sole
    di un aprile ormai lontano,
    li rimpiangerai
    ma sarà la prima che incontri per strada
    che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
    per un amore nuovo.
    E sarà la prima che incontri per strada
    che tu coprirai d'oro per un bacio mai dato,
    per un amore nuovo...




    Poi si balla "all'ultima moda"........



    E facciamo ballare anche Monsieur Tubicina che si ricorderà sicuramente dell'esercito del surf........

    Diventato, miseramente, l'esercito del selfie!


    Ultima modifica di abramino; 19-08-17 alle 18:11

  10. #650

    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    1,202
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    177 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Per Abramino... e per tutti:

    "OGNI DONNA E' UNA REGINA E SI MERITA UNA REGGIA!!..."




    E poi, consolati... te, e tutti gli uomini!



    “Paura. Di te. Amarti”: una poesia, carina, di Pedro Salinas


    È il momento in cui il poeta spagnolo Pedro Salinas (1891-1951) fa il punto sulla situazione del suo amore per Katherine R. Whitmore:
    è l’analisi di quell’innamoramento che apre scenari differenti, che mette in discussione il suo matrimonio con Margarita.
    “Se mi chiamassi, sì, / se mi chiamassi! / Io lascerei tutto, / tutto io getterei” aveva scritto poco tempo prima. Qui, in un sussulto di realtà,
    considera il rischio di quell’amore, le sue conseguenze, il fatto della distanza tra la Spagna e il paese di lei, gli Stati Uniti...
    Paventa la presenza di “altre luci”. Ma, poiché “al cuor non si comanda”, la storia proseguirà, anche se quel fiore d’amore,
    dopo avere regalato una settantina di poesie, appassirà: Katherine sposerà un altro nel 1939 e Pedro resterà con Margarita.



    Paura. Di te. Amarti è il rischio piú alto.
    Molteplici, la tua vita e tu.
    Ti ho, quella di oggi; ormai ti conosco, penetro
    in labirinti, facili grazie a te, alla tua mano.
    E i miei ora, sì. Però tu sei
    il tuo stesso più oltre, come la luce e il mondo:
    giorni, notti, estati, inverni che si succedono.
    Fatalmente, ti trasformi, e sei sempre tu,
    nel tuo stesso mutamento, con la fedeltà costante del mutare.
    Dimmi, potrò io vivere in quegli altri climi,
    o futuri, o luci che stai elaborando,
    come il frutto il suo succo, per un domani tuo?
    O sarò appena qualcosa nata per un giorno
    tuo (il mio giorno eterno), per una primavera
    (in me fiorita sempre), e non potrò più vivere
    quando giungeranno successive in te,
    inevitabilmente, le forze e i venti nuovi, le altre luci,
    che attendono già il momento di essere, in te, la tua vita?




    Senza parole... chi vuol capire, capisca...


Accedi