Televendite V - Pagina 4
Societe Generale amplia la gamma di prodotti su sottostanti britannici
Nel frattempo che i negoziati sulla Brexit tra Unione Europea e Gran Bretagna proseguono a ritmo serrato, Societe Generale (SG) arricchisce la propria gamma di prodotti legati a sottostanti britannici …
Italia in crisi, la ricetta di Confcommercio. Sangalli: “Bisogna agire subito”
Il problema dell’Italia è la crescita, difficile dire il contrario. Emerge anche dalla XX edizione del Forum Confcommercio in corso a Cernobbio in queste ore. Presentando l’analisi dell’ufficio studi di Confcommercio …
Borsa Usa: l’importanza crescente della gestione passiva. Occhio a CTA e Risk Parity
Mercato azionario, volatilità e gestione passiva. E’ anche su questo che si concentra oggi Alessandro Balsotti, Strategist e Gestore del JCI FX Macro Fund, nella sua nota odierna. “Più volte …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #31

    Data Registrazione
    May 2012
    Messaggi
    513
    Blog Entries
    2
    Mentioned
    7 Post(s)
    Quoted
    151 Post(s)
    Potenza rep
    29833184
    Citazione Originariamente Scritto da Doctor83 Visualizza Messaggio
    Grazie Doc.

    Senza nessuna polemica…….solo guardando il fermo immagine…..non si intravede nessuna reazione………..dopo quasi quaranta anni tra la colla dello scotch e l’etichetta. La carta dell’etichetta in buona sostanza o è totalmente acid free………….quasi impossibile per l’epoca………..ricordiamoci però che siamo negli U.S.A. ………oppure i residui acidi della lavorazione….anche se minimi in quaranta anni avrebbero sicuramente degradato lo scotch……in pratica ingiallendolo.
    Ognuno tragga le conclusioni che ritiene…più opportune

  2. #32
    L'avatar di Cris70
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    3,745
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    227 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Quel lavoro è bellissimo x composizione e rare sfumature di colori (1), fu esposto da Leo Castelli nella citata mostra (2), un particolare dello stesso era sul flyer di invito (3), fu acquistato contestualmente (4), non si vedeva in giro da più di 20anni (5), meriterebbe una esposizione museale (6). Penso possa bastare e chiudere qui la pantomima. Peraltro complimenti agli Orler per riuscire a scovare lavori di questa qualità.

    Se poi l'etichetta è, o non è, coeva poco cambia alla sostanza dei fatti. Black ha notato un particolare a parer mio peraltro corretto ed ha ritenuto utile farlo notare. Che pippone a seguire.

    Oltre allo Zaza c'era un Alviani a detta di Vanoni museale e diversi Baruchello. Nessun commento su questi?

  3. #33
    L'avatar di franzberlin
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    995
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    36 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Considero anche io l’intervento di black utile ed esemplare: il collezionista deve essere sempre attento ai dettagli e andare sempre oltre le parole del venditore.
    Tutto il resto sono le solite inutili, fastidiose e noiose polemiche.

  4. #34
    L'avatar di Marione_
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    1,834
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    769 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Da alcuni segnali mi pare che Telemarket sia in crisi nera...

    Presentatori che vanno via...(l’ultimo Regali ) e restano quelli meno “attrezzati”; staff impoveriti (alcuni professionisti storici ad es li ho trovati sul sito in cordata con Vinetti); promozioni con sconti sempre più spinti; ecc..

    Difficile non provare tristezza, Ricordando i fasti di alcuni lustri fa...
    Ultima modifica di Marione_; 06-02-19 alle 23:14

  5. #35
    L'avatar di Cris70
    Data Registrazione
    Jun 2007
    Messaggi
    3,745
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    10 Post(s)
    Quoted
    227 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da Marione_ Visualizza Messaggio
    Da alcuni segnali mi pare che Telemarket sia in crisi nera...

    Presentatori che vanno via...(l’ultimo Regali ) e restano quelli meno “attrezzati”; staff impoveriti (alcuni professionisti storici ad es li ho trovati sul sito in cordata con Vinetti); promozioni con sconti sempre più spinti; ecc..

    Difficile non provare tristezza, Ricordando i fasti di alcuni lustri fa...
    Ma sai tutto si evolve e come tante cose anche le televendite dovranno rinnovarsi. I fasti di un tempo comunque non torneranno più. In ogni attività i margini si sono oramai ridotti e le strade sono solo due: altissima qualità del prodotto, o delle prestazioni, e quindi diventare leader di una nicchia di mercato oppure grandi numeri e quantità. Posizionarsi su entrambi è un suicidio.

  6. #36
    L'avatar di sans souci
    Data Registrazione
    Nov 2018
    Messaggi
    88
    Mentioned
    18 Post(s)
    Quoted
    57 Post(s)
    Potenza rep
    11614122
    Citazione Originariamente Scritto da Marione_ Visualizza Messaggio
    Da alcuni segnali mi pare che Telemarket sia in crisi nera...

    Presentatori che vanno via...(l’ultimo Regali ) e restano quelli meno “attrezzati”; staff impoveriti (alcuni professionisti storici ad es li ho trovati sul sito in cordata con Vinetti); promozioni con sconti sempre più spinti; ecc..

    Difficile non provare tristezza, Ricordando i fasti di alcuni lustri fa...
    Hai perfettamente ragione, viene il magone pensando a com'era Telemarket fino a cinque anni fa, quando ha deciso di chiudere. Oggi, tra vendite giudiziarie di sede e scorte di magazzino, non capisco nemmeno come faccia ancora a trasmettere.
    Peccato perché è stata l'azienda che di fatto ha creato la vendita televisiva di opere d'arte e da lei - pur non essendo io un assiduo spettatore di televendite - ho visto passare autentici capolavori.
    Ma come dice Cris70 - e gli antichi saggi greci - tutto cambia e scorre.
    Ciao

  7. #37

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    1,879
    Mentioned
    87 Post(s)
    Quoted
    839 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Cris70 Visualizza Messaggio
    Quel lavoro è bellissimo x composizione e rare sfumature di colori (1), fu esposto da Leo Castelli nella citata mostra (2), un particolare dello stesso era sul flyer di invito (3), fu acquistato contestualmente (4), non si vedeva in giro da più di 20anni (5), meriterebbe una esposizione museale (6). Penso possa bastare e chiudere qui la pantomima. Peraltro complimenti agli Orler per riuscire a scovare lavori di questa qualità.

    Se poi l'etichetta è, o non è, coeva poco cambia alla sostanza dei fatti. Black ha notato un particolare a parer mio peraltro corretto ed ha ritenuto utile farlo notare. Che pippone a seguire.

    Oltre allo Zaza c'era un Alviani a detta di Vanoni museale e diversi Baruchello. Nessun commento su questi?

    Scusa sai ma qui di pipponi ne fanno a iosa, quell'intervento ha causato delle evidenti errate interpretazioni da parte di un forumista piuttosto esperto, ti ricordo che ha inteso essere NON VERA la provenienza, chiaro? Quale sarebbe il problema se viene apposta una etichetta didascalica che riferisce di una mostra effettivamente fatta con tutti gli elementi da te indicati? Non sarebbe anzi utile come indicazione per futuri collezionisti? Perché far intendere che potrebbe essere un raggiro? Ti ricordo che 200 persone erano sul divano che ridevano, così è stato scritto, che ridevano per nulla si può dire?

  8. #38
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    3,583
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    1838 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Forse anche le televendite hanno perso il loro appeal, anni fa non c'era la rete a disposizione per potersi informare e fare confronti e anche in termini di offerta di alternative.
    Ogni tanto butto un occhio a Vimarte e anche lì nonostante la soddisfazione espressa dopo un anno di attività lo studio è sempre parecchio silenzioso, pur riconoscendo che non esista un rapporto diretto tra numero di telefonate in diretta e vendite.

  9. #39

    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    1,879
    Mentioned
    87 Post(s)
    Quoted
    839 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Ma come le Televendite giuste fanno arricchire, solo quelle giuste però che lo dicono in modo esplicito, ieri sera ad esempio in un minuto di ascolto ho saputo che il listino di Mambor sarà a breve 20 per le opere da 1990 in avanti e 60 per le opere anni 60', che ci saranno tra pochissimo 4 mostre internazionali istituzionali che non si potevano dire e che nell'arco di un po' di anni 5/6/7 sarà uno degli Artisti Italiani più pagati del mondo compreso Modigliani. Basta quindi acquistarlo per diventare sicuramente ricchi in poco tempo, non è così difficile.

  10. #40

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    7,792
    Mentioned
    66 Post(s)
    Quoted
    2464 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Loryred Visualizza Messaggio
    Forse anche le televendite hanno perso il loro appeal, anni fa non c'era la rete a disposizione per potersi informare e fare confronti e anche in termini di offerta di alternative.
    Ogni tanto butto un occhio a Vimarte e anche lì nonostante la soddisfazione espressa dopo un anno di attività lo studio è sempre parecchio silenzioso, pur riconoscendo che non esista un rapporto diretto tra numero di telefonate in diretta e vendite.
    Esatto: non esite proprio un rapporto tra "squilli" e vendite. Anzi, vengono fatti apposta sentire gli "squilli" (ottenuti con finte telefonate, perchè cosa ci vuole a far suonare il telefono?) quando la serata è particolarmente fiacca. Per una elementare legge di marketing bisogna sempre creare movimento, interesse, aspettative e creare l'effetto gregge. La leva é: "se non telefona nessuno perchè dovrei chiamare io? vuol dire che la tal cosa non è interessante!" e viceversa: "senti quanti stanno chiamando! allora vuol dire che la tal cosa è molto coinvolgente!". Del resto si sa bene che ogni diligente televenditore continua ogni due minuti a ripetere: "siete in tanti!", "il centralino sta impazzendo", "abbiate pazienza ma tutte le linee sono occupate", "li abbiamo sempre venduti tutti", ecc. ecc. Il meccanismo è sempre quello: far sentire che la tal cosa è apprezzatissima, che non piace solo a te che sei indeciso ma che anzi se non ti sbrighi chissà quanti sono già pronti a portartela via. Spero di essere stato chiaro.

Accedi