Il caso Pandolfini - interesse culturale
Investment Idea di Vontobel: Brent in cerca di equilibrio
L?Ufficio Studi di Vontobel ha aggiornato la rubrica Investment Idea con un nuovo approfondimento sul Brent. Secondo gli esperti della società svizzera l?oro nero sta soffrendo la situazione di surplus …
Deficit strutturale: lo scoglio su cui si stanno arenando trattative manovra Ue-Italia
La procedura di infrazione potrebbe essere lanciata in teoria già domani, mercoledì 19 dicembre. Ma arrivano le rassicurazioni di Moscovici.
Tonfo di Wall Street pesa sull’umore. Si teme rialzo della Fed
Una seduta da dimenticare quella di ieri per Wall Street.  In attesa del rialzo dei tassi da parte della Fed, che dovrebbe essere comunicato domani al termine della riunione del …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
123 Ultima

  1. #1
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    25,858
    Mentioned
    137 Post(s)
    Quoted
    4982 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    Il caso Pandolfini - interesse culturale

    Ritengo opportuno aprire un 3D ad hoc sulla questione di quanto è accaduto alla Pandolfini,
    in quanto mi pare doveroso cercare di capire meglio con Voi i cavilli giuridici che hanno bloccato la vendita dei lotti.

    punto 1:

    A 30 minuti dall'asta la Casa d'aste fa sapere vie email che:

    INFORMAZIONE IMPORTANTE
    Si informano i gentili clienti, che le opere appartenenti ad un'importante azienda italiana ai numeri di lotto:
    8 - 16 - 17 - 25 - 26 - 27 - 30 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 40 - 41 - 44 - 45 - 46 - 47 - 49 - 50 - 51 - 52 - 53 - 54 - 59 - 60 - 61 - 62 - 63 - 64 - 65 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 80 - 84 - 85 - 86 - 87 - 92 - 93 - 94 - 95 - 99 - 123 - 124 - 125 - 130 - 132 - 133 - 134

    Hanno subito un procedimento di dichiarazione di interesse culturale ai sensi dell'art. 14 del dlgs. 42/2004, come unica collezione, non potranno quindi essere vendute singolarmente, e pertanto saranno ritirati dall'asta."

    Punto 2:
    I lotti sono visibili qui:
    Arte Moderna e Contemporanea by Pandolfini Casa d'Aste - Issuu

    Punto 3:
    andiamo a leggere l’articolo 14 del dlgs 42/2004:

    Articolo 14 Procedimento di dichiarazione

    1. Il soprintendente avvia il procedimento per la dichiarazione dell'interesse culturale, anche su motivata richiesta della regione e di ogni altro ente territoriale interessato, dandone comunicazione al proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo della cosa che ne forma oggetto.
    2. La comunicazione contiene gli elementi di identificazione e di valutazione della cosa risultanti dalle prime indagini, l'indicazione degli effetti previsti dal comma 4, nonche' l'indicazione del termine, comunque non inferiore a trenta giorni, per la presentazione di eventuali osservazioni.
    3. Se il procedimento riguarda complessi immobiliari, la comunicazione e' inviata anche al comune o alla città metropolitana.
    4. La comunicazione comporta l'applicazione, in via cautelare, delle disposizioni previste dal Capo II, dalla sezione I del Capo III e dalla sezione I del Capo IV del presente Titolo.
    5. Gli effetti indicati al comma 4 cessano alla scadenza del termine del procedimento di dichiarazione, che il Ministero stabilisce a norma dell'articolo 2, comma 2, della legge 7 agosto 1990, n. 241.
    6. La dichiarazione dell'interesse culturale e' adottata dal Ministero.

    Il resto del decreto legislativo.
    https://www.beniculturali.it/mibac/m...Codice2004.pdf

    Punto 4:
    Si è trattato della dichiarazione di Interesse Culturale di 57 lotti, che sono stati vincolati come una unica eccezionale collezione dalla Direzione Generale del Ministero dei Beni Culturali in quanto il nucleo di opere che Pandolfini ha presentato in catalogo nella sua sessione di Arte Moderna e Contemporanea a Milano “rappresenta la tangibile testimonianza di una delle più interessanti operazioni di mecenatismo industriale illuminato nell’Italia che si affacciava agli anni del boom economico” ed ancora “perché le opere elencate si configurano come una collezione d’arte dalle specifiche e ben peculiari caratteristiche rivestendo un eccezionale interesse per le circostanze che ne hanno determinato la formazione e per la molteplicità degli ambiti interdisciplinari implicati”.


    Mumble mumble .... ma qui hanno reputato di interesse culturale una intera collezione?

    Ma che razza di bene di rifugio può essere una collezione di opere d'arte se un bel giorno il Ministero ci impedisce di metterle in vendita singolarmente?

    Attendo Vostri commenti, grazie.

  2. #2
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    25,858
    Mentioned
    137 Post(s)
    Quoted
    4982 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    aggiungo
    ________________________________________ _______________________________________

    4. Conseguenze principali della dichiarazione. Ricorso amministrativo avverso la dichiarazione.

    Tra le conseguenze della “dichiarazione” rientra la prelazione a favore dello Stato in caso di compravendita. Il proprietario, possessore o detentore del bene è tenuto a garantirne la conservazione (artt. 1 e 30). I beni non possono essere esportati se non in via temporanea (art. 65, Uscita temporanea dal territorio della Repubblica).

    Devono essere preventivamente autorizzati dalla Soprintendenza (artt. 21 e 48): il prestito per mostre e lo spostamento, anche temporaneo, dei beni; lo smembramento di una raccolta, lo scarto di materiale bibliografico; l’esecuzione di restauri e lavori di qualunque genere. L’eventuale trasferimento della proprietà o della detenzione di un bene deve essere denunciato alla Soprintendenza (art. 59).

    Il Soprintendente, in seguito a preavviso non inferiore a cinque giorni, può procedere ad ispezioni per accertare lo stato di conservazione e di custodia del bene (art. 19).

    Entro 30 gg. dalla notificazione della dichiarazione (e da quando l’interessato ne abbia avuto piena conoscenza) è ammesso il ricorso amministrativo al Ministero (che decide entro 90 gg.) avverso (il provvedimento conclusivo della verifica o) la dichiarazione stessa, per motivi di legittimità o di merito (art. 16 Cod. beni cult.). Ciò comporta – si noti – la sospensione automatica degli effetti del provvedimento impugnato (fatte salve le misure di protezione operanti sin dalla comunicazione dell’avvio del procedimento, tra cui quelle relative alla protezione e circolazione dei beni culturali). Ai fini della decisione del ricorso, l’art. 16 stabilisce che venga acquisito un parere (da ritenersi obbligatorio, ma non vincolante) da parte del competente organo consultivo (Comitati tecnico – scientifici): la sua mancata acquisizione comporta l’illegittimità della decisione del ricorso (decisione che può, peraltro, disattendere lo stesso, con adeguata motivazione). Nel silenzio, sul punto, dell’art. 16 del Codice, si deve ritenere che nell’ipotesi in cui nel termine di 90 giorni non intervenga la decisione, trovi applicazione l’art. 6 del D.P.R. 1199/1971, in tema di silenzio rigetto, per cui il ricorso si intende respinto a tutti gli effetti, e contro il provvedimento impugnato è esperibile il ricorso all’Autorità giurisdizionale competente, o quello straordinario al Presidente della Repubblica.

    Poiché la decisione sul ricorso consiste in provvedimento amministrativo (anche se di carattere decisorio), essa può essere annullata dalla P.A. in sede di autotutela (cfr. Cons. Stato, Sez. IV, n. 3920/2003, in Foro amm. CDS, 2003, 1878

    ________________________________________ _________

    fonte : La dichiarazione di interesse culturale - avv. Gabrio Abeatici

  3. #3
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    25,858
    Mentioned
    137 Post(s)
    Quoted
    4982 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    per approfondire ancora:

    L'Appello a Mattarella - "I beni culturali non sono commerciali: presidente non firmi il Dl Concorrenza" - Il Fatto Quotidiano


    __________________________ per Biagio ______________________________

    ma se la tua collezione di arazzetti viene dichiarata di interesse culturale che razza di investimento è?

    "I beni culturali privati
    e) le collezioni o serie di oggetti, a chiunque appartenenti, che, per tradizione, fama e particolari caratteristiche
    ambientali, ovvero per rilevanza artistica, storica, archeologica, numismatica o etnoantropologica, rivestono
    come complesso un eccezionale interesse.

  4. #4
    L'avatar di Biagio.tv
    Data Registrazione
    Mar 2014
    Messaggi
    5,599
    Mentioned
    30 Post(s)
    Quoted
    2432 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    arazzetti ?

    E chi ha mai parlato di arazzetti ?

  5. #5
    L'avatar di mambor1
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    6,073
    Mentioned
    34 Post(s)
    Quoted
    991 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Semplice c'era mambor in asta quello è il motivo

  6. #6
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    2,747
    Mentioned
    53 Post(s)
    Quoted
    1025 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Questo thread è già finito in caciara ancor prima degli interventi di Navas e cicala...
    Ambulanzeeeeeeeee

  7. #7

    Data Registrazione
    Nov 2013
    Messaggi
    174
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    26 Post(s)
    Potenza rep
    6895949
    http:// https://mobile.ilsole24ore.com/art/arteconomy/2017-10-27/mps-soprintendenza-emana-vincolo-su-tutte-le-opere-darte/AEGK2rwC?refresh_ce=1


    Caso analogo in cui è stato deciso, grazie a Dio, di vincolare una collezione al suo territorio.
    Ultima modifica di ruidavid; 05-12-18 alle 21:22

  8. #8
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    25,858
    Mentioned
    137 Post(s)
    Quoted
    4982 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Vabbè dai.

    Meglio avere un modesta ed umile collezione

    Non sia mai che mi dicano che ho una collezione di interesse culturale rilevante
    eppoi me la debba pure tenere finché campo, anzi si incaXXXerebbero pure eventuali eredi.

    ah ah ah

  9. #9
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    25,858
    Mentioned
    137 Post(s)
    Quoted
    4982 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Biagio.tv Visualizza Messaggio
    arazzetti ?

    E chi ha mai parlato di arazzetti ?

    va bene, amico mio.
    Domani sento il Ministero di modo che ti sigillino l'intera collezione
    con l'obbligo di conservazione e manutenzione.

    Ci sta, suvvia, per il bene della Patria

  10. #10

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4,137
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    580 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Caro Artebrix avevo aperto un topic proprio una settimana fa e su quello potevi allargare la disamina per non disperdere le informazioni ma fa niente dato che si toccava anche l'argomento Beni Culturali.
    Posso riassumerti tutto in due parole anche se poi l'aspetto procedurale è lunjgo e complesso.
    Intanto il termine è stato portato a 70 anni (cosa non di poco conto).
    Cosa dice il Codice dei beni Culturali? Non ti sto a richiamare le singole leggi perchè sarebbe troppo pesante la cosa per chi è a digiuno di diritto quindi te ne scrivo come se scrivessi due righe al bar.
    Tutte le cose mobili (e immobili) che hanno più di 70 anni di età (e quindi ovviamente le opere d'arte- N.B. di autore non più vivente-, i francobolli, le monete ecc) sono assoggettate ad una procedura di verifica circa la sussistenza dell'interesse culturale. L'avvio di questi accertamenti non avviene a caso ma intanto occorre un giudizio preventivo di bene "particolarmente importante" e normalmente questa procedura viene avviata d'ufficio e sulla base di certi indirizzi di carattere generale stabiliti dal Ministero (non te li elenco ma li trovi cominciando dall'art. 12 comma 2) e fintanto che non viene EMESSA LA DICHIARAZIONE prevista dall'art 13 (anche questo articolo lo trovi nel Codice dei Beni Culturali, e quindi non lo scrivo per velocizzare la spiegazione) i beni oggetto della procedura (quindi le opere d'arte che hanno più di 70 anni di autore non vivente) non possono essere alienate e a fortiori trasferite all'estero.
    Dopo la dichiarazione vista sopra non è che i beni non possono più essere venduti(mancherebbe altro) MA DEVONO ESSERE TRACCIABILI E COMUNQUE SOTTOPOSTI A CERTI LIMITI.
    La verifica di cui sopra la fanno enti pubblici o anche private ma senza scopi di lucro.L'atto dichiarativo va poi notificato al legittimo proprietario che da quel momento deve rispettare certi limiti soprattutto di tracciabilità del bene dichiarato di interesse culturale.Lo sTATO HA SEMPRE UN DIRITTO DI PRELAZIONE IN CASO DI VENDITA MA CHE NON ESERCITA MAI, MA OCCORRE COMUNQUE AVVISARLO IN CASO DI VENDITA.nON SI SA MAI POI COME PUò PRENDERE LA COSA e comunque occorre sempre munirsi di autorizzazione alla cessione con regolare denuncia alla sovrintendenza.
    E' comunque sempre possibile fare ricorso, TAR, contro la procedura amministrativa che dichiara il bene di interesse culturale per motivi di legittimità (es errore nella procedura) o di merito (es l'autore è ancora vivente).
    Comunque pert la circolazione di opere d'arte ci sarebbe ancora tanto da scrivere ma mi fermo qui.

Accedi