L'efficienza dell'investimento in arte contemporanea - Pagina 4
Piazza Affari sorride nonostante freno Unicredit, Saipem arrotonda a +45% il bottino ytd
Martedì intonato al rialzo per Piazza Affari che torna a salire grazie anche alla sponda dell?ottima asta Ctz, con tassi di assegnazione dimezzati rispetto a un mese fa. Il Ftse …
BNP Paribas mette l?accento sugli ESG nella nuova gamma di ETF quotati a Milano
BNP Paribas Asset Management (BNPP AM) lancia oggi su Borsa Italiana 7 nuovi ETF e riafferma la sua posizione in ambito ESG. Questa gamma si aggiunge ai precedenti 15 ETF …
Sabaf: titolo in calo circa del 2% dopo i conti 2018
Sabaf ha pubblicato i conti del 2018 che evidenziano ricavi di vendita pari a 150,6 milioni, superiori dello 0,3% rispetto ai 150,2 milioni del 2017 (-2,4% a parità di area …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #31
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    3,584
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    1838 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da scuffy Visualizza Messaggio
    Vorrei fare una domanda ai più esperti di quotazioni e scambi nell'arte:
    Qual'è l'opera d'arte e l'artista più liquido nel mercato dell'arte?
    A me verrebbe da dire un classico arazzo di Boetti, sicuramente sia come prezzo (molto più semplice da calcolare) sia come disponibilità di acquirenti sul mercato uno dei migliori pezzi da scambiare.
    Per me la disponibilità di inquadrare un prezzo ed essere corrisposto in tempi brevi sul mercato danno l'idea della bontà dell'investimento.
    Quando invece troviamo opere difficili da valutare e soprattutto difficili da piazzare allora.....
    La risposta come ovvio la lascio agli esperti, ma perdonami la richiesta mi fa pensare all'ambo secco o alle scommesse sui cavalli ed è un'impostazione che non condivido non tanto in termini "morali" come indifferenza per quello che si compra, non credo avresti scelto il nick scuffy, ma proprio come criterio di scelta.

    La valutazione più ragionevole è in termini "dinamici" di trend e prospettiva nel medio periodo sulla base di indicatori significativi, in linea con l'Acci-pensiero, non di una fotografia stantanea, tenendo anche conto della costruzione di un "insieme che regge", cioè del valore aggiunto/incrementale che il pezzo successivo dà all'insieme preesistente in una logica coerenza complessiva.
    Il "tiro al piccione" focalizzato sul singolo pezzo vincente non credo porti molto lontano, ma può essere solo l'impressione di una pivellina.

  2. #32

    Data Registrazione
    Feb 2016
    Messaggi
    1,332
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    649 Post(s)
    Potenza rep
    41058324
    Citazione Originariamente Scritto da scuffy Visualizza Messaggio
    Vorrei fare una domanda ai più esperti di quotazioni e scambi nell'arte:
    Qual'è l'opera d'arte e l'artista più liquido nel mercato dell'arte?
    A me verrebbe da dire un classico arazzo di Boetti, sicuramente sia come prezzo (molto più semplice da calcolare) sia come disponibilità di acquirenti sul mercato uno dei migliori pezzi da scambiare.
    Per me la disponibilità di inquadrare un prezzo ed essere corrisposto in tempi brevi sul mercato danno l'idea della bontà dell'investimento.
    Quando invece troviamo opere difficili da valutare e soprattutto difficili da piazzare allora.....
    Tieni presente che il mercato non ti 'regala' niente e quindi nelle quotazioni 'paghi' anche il tasso di liquidità ....tuttavia ogni opera d arte ha il suo prezzo, basta partite da offerta libera..

  3. #33
    L'avatar di scuffy
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    4,647
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    1763 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Loryred Visualizza Messaggio
    La risposta come ovvio la lascio agli esperti, ma perdonami la richiesta mi fa pensare all'ambo secco o alle scommesse sui cavalli ed è un'impostazione che non condivido non tanto in termini "morali" come indifferenza per quello che si compra, non credo avresti scelto il nick scuffy, ma proprio come criterio di scelta.

    La valutazione più ragionevole è in termini "dinamici" di trend e prospettiva nel medio periodo sulla base di indicatori significativi, in linea con l'Acci-pensiero, non di una fotografia stantanea, tenendo anche conto della costruzione di un "insieme che regge", cioè del valore aggiunto/incrementale che il pezzo successivo dà all'insieme preesistente in una logica coerenza complessiva.
    Il "tiro al piccione" focalizzato sul singolo pezzo vincente non credo porti molto lontano, ma può essere solo l'impressione di una pivellina.
    Forse mi avete frainteso ma ho sempre dichiarato che Scuffi rientra nel puro piacere non nell'investimento, se poi si dovesse rivalutare ben venga ma non è personalmente un fattore fondamentale e quando l'ho acquistato non ho mai pensato a quello.
    In fondo ho acquistato 4 quadri e ho speso negli anni solo (si fa per dire) 5k.
    Ad oggi avrei (teoricamente) già guadagnato ad occhio il 100% ma siccome finché uno non realizza è tutto teorico.
    Ma come mi piace sottolineare non mi interessa perché non li ho acquistati per quello scopo.
    Detto questo una cosa è il piacere un'altra è il vero investimento cioè mettere sul piatto cifre ben diverse e acquistare un oggetto a tale scopo e in quel caso è chiaro che entra in gioco la storia le prospettive e tutto ciò che è "l'esemplare" Accipensiero con un occhio sempre e comunque alla liquidità sul mercato.

  4. #34
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    3,584
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    1838 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da scuffy Visualizza Messaggio
    Forse mi avete frainteso ma ho sempre dichiarato che Scuffi rientra nel puro piacere non nell'investimento, se poi si dovesse rivalutare ben venga ma non è personalmente un fattore fondamentale e quando l'ho acquistato non ho mai pensato a quello.
    In fondo ho acquistato 4 quadri e ho speso negli anni solo (si fa per dire) 5k.
    Ad oggi avrei (teoricamente) già guadagnato ad occhio il 100% ma siccome finché uno non realizza è tutto teorico.
    Ma come mi piace sottolineare non mi interessa perché non li ho acquistati per quello scopo.
    Detto questo una cosa è il piacere un'altra è il vero investimento cioè mettere sul piatto cifre ben diverse e acquistare un oggetto a tale scopo e in quel caso è chiaro che entra in gioco la storia le prospettive e tutto ciò che è "l'esemplare" Accipensiero con un occhio sempre e comunque alla liquidità sul mercato.
    Era proprio quello che intendevo chiarire, il fatto che sono consapevole che non sei uno "speculatore" e compri anche per puro piacere.

    Per il resto confermo quanto già scritto per quanto può valere, credo che si possa arrivare a prevedere le prospettive con buona probabilità per chi è preparato e ben introdotto nell'ambiente (= perchè può conoscere in anticipo anche i movimenti che si sviluppano intorno all'artista) ma più difficile è "centrare" l'opera giusta ed azzeccare il momento dell'acquisto ed ev. della vendita, soprattutto più si assottiglia il budget.

    Forse sarà un ragionamento ingenuo ma sono anche convinta che il valore di una collezione non sia semplicemente la sommatoria dei valori singoli; per questo non va sottovalutato ma viceversa ben focalizzato il "criterio di costruzione", daro che nella completezza o nel tematismo si può trovare quel plus, sono diversi gli esempi, anche partendo da oggetti di valore esiguo.

  5. #35

    Data Registrazione
    May 2004
    Messaggi
    1,260
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    125 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Citazione Originariamente Scritto da scuffy Visualizza Messaggio
    In linea di massima sono d'accordo col tuo ragionamento soprattutto riguardo allo studio e la conoscenza assolutamente necessarie per finalizzare un investimento in arte, dall'altra però c'è la difficoltà di individuare un prezzo reale nell'esatto momento che lo si acquista.
    Nelle aste ci sono valutazioni che vanno oltre il 300% del prezzo che poi vengono aggiudicate ( parlo di artisti di seconda o terza fascia) le televendite esempio ti dicono costa oggi 30k te lo metto 10k poi se lo metti su internet in vendita non te lo caca nessuno a 5k...
    Nel mondo finanziario se io compro un titolo nell'istante che lo acquisto quello vale e non si sbaglia poi il tempo sancirà se ho fatto o meno un buon investimento, mentre in arte purtroppo è molto più complicato per questo anche se mi piacerebbe non investo, compro solo per puro piacere spendendo somme piuttosto basse.
    compri 1000 azioni microsoft , bene, sono mille di un uno ............

    acquisti 10 opere di un(') artista , bene, sono 10 di un tutto.

  6. #36
    L'avatar di HollyFabius
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    1,467
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    175 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Penso che quella indicata da saffada sia la prima fondamentale differenza tra un mercato e uno pseudo mercato come quello dell'arte. In un mercato esiste un prodotto multiplo, di un multiplo così ampio da poter diventare un corpo unico, puoi ampliarne la cardinalità a piacimento immettendone ulteriori quantità (con controvalore di danaro).
    E' questa la ragione principale per la quale sono vincenti sul mercato autori molto prolifici, perché il loro 'prodotto' artistico può venire identificato come prodotto di commercio adatto.
    Non è l'unica caratteristica.

  7. #37
    L'avatar di scuffy
    Data Registrazione
    Jul 2013
    Messaggi
    4,647
    Mentioned
    22 Post(s)
    Quoted
    1763 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da HollyFabius Visualizza Messaggio
    Penso che quella indicata da saffada sia la prima fondamentale differenza tra un mercato e uno pseudo mercato come quello dell'arte. In un mercato esiste un prodotto multiplo, di un multiplo così ampio da poter diventare un corpo unico, puoi ampliarne la cardinalità a piacimento immettendone ulteriori quantità (con controvalore di danaro).
    E' questa la ragione principale per la quale sono vincenti sul mercato autori molto prolifici, perché il loro 'prodotto' artistico può venire identificato come prodotto di commercio adatto.
    Non è l'unica caratteristica.
    È la liquidità che conta altrimenti diventa un mercato strano fatto di opere messe in vendita e difficilmente piazzabili.
    Ricordo un mio collega che aveva una moto d'epoca bmv nel parlare di valore mi disse che se avesse voluto venderla in pochissimo tempo l'avrebbe piazzata al prezzo che l'aveva pagata o di più perché era un vero e proprio assegno circolare.
    Andò proprio così un giorno la mise in vendita e dopo pochi giorni realizzò di più di quanto l'aveva pagata
    Questo è l'esempio di investire in cose buone non comprare un quadro e non trovare nessuno che te lo ricompra...
    Comunque se farò un investimento vero in arte finanzierò direttamente accipicchia

  8. #38

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    2,372
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    297 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da scuffy Visualizza Messaggio
    Salve a tutti!
    Ho trovato questo interessante articolo (datato) sul sistema economico nell'arte, un analisi mirata sulle molteplici complessità che vi fanno parte.
    https://www.google.it/url?sa=t&sourc...GI-7bna5OQFdXw

    Queste le conclusioni:


    Conclusioni

    In questo articolo si è messo in evidenza come, da un punto di vista dell’investimento, il mercato dell’arte risulti fortemente inefficiente, sia da un punto di vista valutativo che operativo e informativo. Le ragioni di tutto ciò risiedono sia nelle caratteristiche intrinseche del bene arte, unico e difficilmente valutabile; sia nella struttura del mercato, poco concorrenziale e caratterizzato da conflitti di interesse e insider trading; sia dalla riservatezza dei prezzi attuati dalle gallerie da una parte e dall’omissione delle contrattazioni battute all’asta che non raggiungono il prezzo di riserva dall’altra. Tutti questi fattori risultano in ultima analisi penalizzare l’investimento in arte, rendendolo particolarmente illiquido e rischioso per i non addetti ai lavori. In quest’ottica ci si augura un intervento del legislatore nella direzione di sanare le cause di inefficienza con interventi mirati quali ad esempio la creazione di chinese walls nel sistema arte, la penalizzazione dell’insider trading, l’istituzione di un registro di tutte le compravendite che renda ufficiali i prezzi delle transazioni (accompagnato da un meccanismo fiscale che ne incentivi la dichiarazione), una normativa anti-trust per favorire la concorrenza degli intermediari, la formazione di nuove figure di investitori quali i fondi di investimento in arte contemporanea e la normazione della comproprietà artistica.

    Tutti questi interventi, se a prima vista possono sembrare penalizzanti per coloro che godono di privilegi acquisiti all’interno del sistema, in realtà possono portare ad aprire il mercato verso un numero sempre più considerevole di investitori, portando nuovi capitali e in ultima istanza dando impulso ad un crescente sviluppo dell’arte contemporanea e della cultura nella nostra società.

    Che ne pensate?
    arrivo buon ultimo visto il periodo feriale, ma l'argomento è di quelli che mi stuzzicano da sempre....

    penso che l'articolo abbia sostanzialmente ragione, ma si è dimenticato che fintanto che non venga creato un pubblico registro di tutte le opere prodotte (secondo me cmq irrealizzabile) stiamo parlando di aria fritta, perchè tutti i rimedi invocati dall'articolo (chinese walls, normativa insider trading ecc. ecc. ) possono esistese solo se le opere negoziate sul mercato risultino registrate in un pubblico registro come gli immobili, i titoli o i fondi, insomma tutta roba quotata e negoziata nelle varie borse.....

    ma poi pensate veramente che giovi a chi ha interessi e soldi investiti nell'arte che tutto ciò accada, secondo me no anzi i margini di guadagno per chi è addentro al mercato dell'arte possono essere sensibilmente maggiori in questa situazione di opacità e di asimmetria informativa, per cui....

  9. #39
    L'avatar di Loryred
    Data Registrazione
    Sep 2015
    Messaggi
    3,584
    Mentioned
    58 Post(s)
    Quoted
    1838 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Citazione Originariamente Scritto da HollyFabius Visualizza Messaggio
    Penso che quella indicata da saffada sia la prima fondamentale differenza tra un mercato e uno pseudo mercato come quello dell'arte. In un mercato esiste un prodotto multiplo, di un multiplo così ampio da poter diventare un corpo unico, puoi ampliarne la cardinalità a piacimento immettendone ulteriori quantità (con controvalore di danaro).
    E' questa la ragione principale per la quale sono vincenti sul mercato autori molto prolifici, perché il loro 'prodotto' artistico può venire identificato come prodotto di commercio adatto.
    Non è l'unica caratteristica.
    Siamo proprio convinti? Forse tengono sui volumi, ma sul singolo valore? Prendiamo ad es. un autore seriale come Kostabi... Viene così a predersi quel fattore di esclusività che costituisce uno degli elementi di attrattiva del prodotto artistico, "voglio quel lavoro e proprio quello", premiando quindi l'unicità.

    Anzi credo che uno degli elementi che non rende quello dell'arte un mercato come gli altri deriva proprio dal fatto che si tratta di pezzi unici (tranne i multipli ovviamente), confrontabili solo in base al periodo/ciclo a parte il tema dimensioni, che eviterei visto che non si parla di tappezzeria, rendendo molto più difficile dare un valore, parametrare e fare confronti.

  10. #40

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    7,793
    Mentioned
    66 Post(s)
    Quoted
    2466 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da scuffy Visualizza Messaggio
    È la liquidità che conta altrimenti diventa un mercato strano fatto di opere messe in vendita e difficilmente piazzabili.
    Ricordo un mio collega che aveva una moto d'epoca bmv nel parlare di valore mi disse che se avesse voluto venderla in pochissimo tempo l'avrebbe piazzata al prezzo che l'aveva pagata o di più perché era un vero e proprio assegno circolare.
    Andò proprio così un giorno la mise in vendita e dopo pochi giorni realizzò di più di quanto l'aveva pagata
    Questo è l'esempio di investire in cose buone non comprare un quadro e non trovare nessuno che te lo ricompra...
    Comunque se farò un investimento vero in arte finanzierò direttamente accipicchia

Accedi