Emilio Prini - Pagina 4
Illy nel mirino di Nestlè e JAB: ma nel futuro dell’azienda italiana non c’è solo il caffè
Il caffè italiano piace molto agli stranieri lo sanno bene la JAB Holding e la Nestlè, due colossi che hanno messo sul piatto due offerte per l?italiana Illy. Fondata nel …
Rally dei Btp, tasso sotto 2,5%. Tria punta a supporto della Cina dopo fine QE
Btp italiani gettonatissimi oggi con il tasso del decennale sceso sotto il 2,5% per la prima volta da maggio. Gli investitori alla ricerca di rendimenti allettanti stanno riscoprendo i titoli …
Sei mesi di MiFID II, si conferma l?effetto traino sugli ETF
Sponda Mifid II per gli ETF. L?entrata in vigore a inizio anno della Mifid II ha portato degli obblighi di disclosure circa i costi, sia in valore assoluto che in …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
Prima 23456 Ultima

  1. #31
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,588
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    278 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da blackcity Visualizza Messaggio
    Lo staremo anche dimenticando ma le quotazioni (quando lo si trova) non sono da artista dimenticato
    Insomma dai....costa a volte anche 1/10 di tutti gli altri poveristi.

    Emilio Prini è artista di nicchia e di elevato spessore storico.

  2. #32
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    2,349
    Mentioned
    42 Post(s)
    Quoted
    795 Post(s)
    Potenza rep
    42949676
    Mi riferivo a questo passaggio che è forse l'unica volta che si è visto nel recente con un prezzo abbinato, e dire che di fiere e aste ne giro...

    Emilio Prini

  3. #33
    L'avatar di artebrixia
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    24,019
    Mentioned
    129 Post(s)
    Quoted
    4166 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da -artpop- Visualizza Messaggio
    Insomma dai....costa a volte anche 1/10 di tutti gli altri poveristi.

    Emilio Prini è artista di nicchia e di elevato spessore storico.

    Beh,
    se ti capita qualcosa fammi sapere

  4. #34
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,588
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    278 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da artebrixia Visualizza Messaggio
    Beh,
    se ti capita qualcosa fammi sapere

    Certo caro.

  5. #35
    L'avatar di artebrixia
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    24,019
    Mentioned
    129 Post(s)
    Quoted
    4166 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Di Emanuela Nobile Mino
    Fonte Flash art
    _______________________

    La creazione nasce dal Caos, come ricostituzione di un equilibrio certo, ordinato, leggibile. La non creazione riguarda invece la condizione in cui la materia si mantiene fedele al suo stato originale caotico, e la conoscenza a quello di processo mutevole, sempre in fieri, e che agevola e ammette la libera interpretazione della forma, quindi anche, al contempo, la sua controparte, l’assenza. Nella sua ultima opera, Finnegans Wake, James Joyce inventa un neologismo: caosmosi.

    Si tratta di una fusione tra il caos e la sua materializzazione, ovvero la traduzione in fatto consistente di un fatto impercettibile. È quanto ritorna poi in uno dei libri più significativi di Félix Guattari, dal titolo appunto Chaosmosis, in un digredire discorsivo che, paradossalmente, predica la non discorsività della conoscenza. La composizione disomogenea ma fluida: una serie di passaggi scorrevoli, di richiami all’attualità o a situazioni cliniche, prepara il momento del sorvolo concettuale. E a quel punto scatta la macchina neologistica guattariana: la tensione verso il concetto si inarca nelle parole deformandole, scomponendole, ricomponendole. Il Caos quindi permane come possibilità di evitare ogni qualificazione assiologica univoca. Ogni momento di cristallizzazione — un concetto, un percetto, un affetto, un enunciato — negozia con il Caos la propria consistenza.

    Caosmosi quindi è il principio che conduce al punto di contatto tra l’infinita apertura di possibilità, mentali, psichiche, estetiche e sociali, e la chiusura completa, totalitaria, la prospettiva in cui i percorsi esperienziali sono in qualche modo preformati dalla macchina enunciativa del potere. Questo principio ritorna spesso nel lavoro di Emilio Prini.
    Tra azione e inazione, tra il fare e l’astensione dal fare. È un principio che appartiene a ogni sistema caotico che, secondo l’epistemologia, ha alcune qualità minime: la sensibilità alle condizioni iniziali, ovvero capacità di trasformazione sulla base del contesto in cui si verifica; l’imprevedibilità. Sulla linea del confronto che sembra instaurarsi tra Caosmosi e la produzione estetica fatta dal Caos, si pone l’opera di Emilio Prini, senz’altro uno degli artisti che in modo più puntuale hanno, attraverso il proprio lavoro, interpretato quel processo di immedesimazione tra opera e artefice, teorizzato nella storica mostra di Harald Szeemann “When Attitudes Become Form” (tenutasi a Berna nel 1969 e a cui Prini partecipa non presentando alcuna opera).

    Ovvero l’idea di esporsi (ex-porsi, da ex ponere) come attività che appartiene tanto all’opera che all’artista, anzi contemporaneamente sia all’una che all’altro, partendo dall’idea che l’opera rappresenta in tutto e per tutto l’estensione del comportamento dell’artista, e che “il mondo dell’operatività artistica” possa ridursi “al modo dell’essere e dell’agire” (Celant, 1968). Trasformando il rapporto artista-opera in una relazione parificata, sostenuta da una parentela osmotica di origine, a tratti quasi biologica, Prini assume radicalmente l’attitudine come parte integrante dell’opera stessa: il comportamento è l’esperienza di vita che prende forma, è l’opera.

    Sdrammatizzando, da un lato, il ruolo dell’artista e il suo presunto protagonismo nei confronti dell’opera d’arte e, dall’altro, rifiutando il fissarsi dell’opera in una deliberata forma, cosicché questa possa rinascere in ogni istante, nuova e libera, Prini si qualifica come empirista, nel senso storico del termine. Accostandosi, in particolare, al pensiero epicureo nei termini in cui questo giunge a individuare nell’esperienza l’identificazione della sensazione: tutte le idee sono frutto di sensazione, anzi, sono esse stesse sensazioni, cioè configurazioni materiali di atomi che si distaccano dai corpi fisici ed entrano nel nostro corpo attraverso i canali costituiti dagli organi dei sensi. Questa versione dell’empirismo, più tardi denominata sensismo, è stata spesso ripresa, anche se in forme meno rigidamente materialistiche, in epoche diverse, da Hume, Condillac, Mach e dai filosofi del Circolo di Vienna nella prima fase della loro attività filosofica, i quali posero come dato di partenza della conoscenza la sensazione, pur divergendo riguardo al modo in cui le sensazioni vengono successivamente riorganizzate in maniera più elaborata per dare luogo alle idee e alle teorie, di cui la conoscenza effettivamente consiste. L’indagine esperienziale è la prassi che determina il ribaltamento delle convenzioni, e che permette di stabilirne delle altre, di natura individuale, nate appunto dalla sensazione personale, che è quella in grado di aprire a una percezione diversificata della realtà inaugurando una nuova segnaletica, un linguaggio fatto di messaggi in codice, di presupposti inconfutabili e di affondi sarcastici, che portano alla ridefinizione dell’esistente, di una stanza, per esempio, come Perimetro d’aria (1967) e di un uomo, come essere misurabile in base alla lunghezza del proprio passo. Incuriosito dalla realtà più basica, standard, quella legata a stretto filo al quotidiano e alla fenomenologia di quegli eventi che si consumano nella sua dimensione interstiziale, e dall’irrealtà, quella affabulante propria della finzione teatrale, Prini partecipa a segnare, fin da principio e in modo decisivo, il percorso che l’Arte Povera opera sul territorio nazionale e internazionale, incarnandone la radice più profonda e misteriosa, quella che dialoga con il Teatro Povero di Jerzy Grotowski, da cui la corrente artistica preleva la sua denominazione e di cui mutua e interpreta i dettami fondamentali: ridurre ai minimi termini, impoverire i segni, ridurli ai loro archetipi.

    Modalità che in Prini trovano un’estremizzazione attraverso la maturazione di un drastico processo di sottrazione e di negazione del dato reale e che conduce, in alcuni casi, al presenzialismo “rapido”, in altri alla totale sparizione, all’assenza fisica dell’oggetto e dell’artista stesso dalla scena dell’arte. La condizione di metamorfosi dell’opera, la sua trasmigrazione dall’universo retinico a quello dell’invisibile, pone le basi per una potenzialità processuale illimitata che scompagina l’univocità di percezione del fruitore.

    Prini, artista e persona [nel senso etimologico di maschera come sottolinea anche Celant, dal latino per-sona(m), strumento attraverso il quale risuona la voce dell’attore] scherma la propria presenza rimanendo dietro le quinte, negandosi e sottraendosi alla contemplazione, al pari della sua opera, e sceglie di partecipare a distanza al teatro dell’arte. “Confermo la mia partecipazione” recitava il telegramma inviato dall’artista al Kunstmuseum di Vienna come forma di partecipazione alla mostra “Processi di pensiero visualizzati” (1970) cui era stato invitato. Scelta che persegue e rafforza nell’arco della carriera. Dopo un primo intenso presenzialismo in mostre e rassegne internazionali negli anni caldi dell’Arte Povera, tra il 1967 e il 1971 (“Arte povera – Im Spazio”, 1967 alla Galleria La Bertesca di Genova, stessa sede della sua prima personale “Pesi, spinte, azioni” nel 1968; “Contempl’azione”, Torino 1967; “Teatro delle mostre”, Galleria La Tartaruga Roma, 1968; “Contemporanea”, a cura di Achille Bonito Oliva, “Parcheggio di Villa Borghese”, Roma 1971; “Prospekt 68”, Kunsthalle di Dusseldorf, 1968; “Op Losse Schroeven”, Stedelijk Museum, Amsterdam 1969; le già citate “When Attitudes Become Form”, Kunsthalle, Berna 1969 e “Processi di pensiero visualizzati”, Kunstmuseum, Lucerna 1970; “Conceptual Art Arte Povera Land Art”, Galleria Civica d’Arte Moderna, Torino 1970; “Information”, MoMA, New York 1970) la partecipazione di Prini alle mostre va via via diradandosi. Nel 1985 è presente alla mostra inaugurale del Castello di Rivoli “Ouverture”; esattamente dieci anni dopo è a Chiavari per “La natura e la visione” e nel 1996 a Strasburgo per l’antologica “Fermi in dogana” presso la Ancienne Douane. L’anno successivo è a Documenta X a Kassel, nel 2011 alla Tate Gallery di Londra per la mostra “Arte Povera”; poi nel 2003, per l’edizione di “Arte all’Arte” curata da Elio Grazioli e Hou Hanru, realizza a Montalcino l’opera 2003 variazione da Fermacarte 1968, rivisitazione, o meglio redivivificazione attraverso il riverbero della sua eco destrutturata, dell’opera del 1968. Una moltiplicazione di una moltiplicazione, il ridondare di una e più idee e il loro sovrapporsi, per sfuggire alla determinazione definitiva, di oggetto e di opera.

    Un processo che si ripete su un altro fronte, quello di un fenomeno oggettivamente impalpabile, inafferrabile: il suono.
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Emilio Prini-prini1-720x1045.jpg  

  6. #36
    L'avatar di artebrixia
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    24,019
    Mentioned
    129 Post(s)
    Quoted
    4166 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Addio grande Artista

    Addio a Emilio Prini - ArtsLife |
    ArtsLife
    Immagini Allegate Immagini Allegate Emilio Prini-prini_1969.jpg 

  7. #37

    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    283
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    20 Post(s)
    Potenza rep
    9736120
    Un grandissimo Emilio prini ....addio

  8. #38
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,588
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    278 Post(s)
    Potenza rep
    42949677

    Un caro saluto grande genio

  9. #39
    L'avatar di artebrixia
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    24,019
    Mentioned
    129 Post(s)
    Quoted
    4166 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    se ne è andato in silenzio
    come un poeta ermetico.

    E morto a 73 anni l'artista Emilio Prini | Artribune

    il mercato ha poco da dire
    perché di mercato suo ve ne è poco.

    Anche questa ritengo sia la sua essenza.

  10. #40
    L'avatar di artebrixia
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    24,019
    Mentioned
    129 Post(s)
    Quoted
    4166 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Scusate se insisto sulla Sua scomparsa
    ma è l'artista che ho cercato di studiare e di approfondire di più
    forse solo dopo a Lucio Fontana

    ma è quello di cui ho trovato di meno
    e per quel poco che ho reperito
    mi ha soltanto arricchito se non fatto smarrire.

    Come in un suo lavoro concepito grazie alla poesia Paul Valéry “Se mi trovassi davanti a questa effige/ignoto a me stesso, ignaro dei miei lineamenti/ In tante orrende pieghe d’angoscia e di energia/ Leggerei i miei tormenti e mi riconoscerei”

    Rimase così:
    ignoto a me stesso.

    Grazie per la Vostra pazienza
    Immagini Allegate Immagini Allegate Emilio Prini-ac-ignotoamestesso59.jpg 

Accedi