Alberto Giacometti - Pagina 2
Prevista partenza fiacca per Piazza Affari e Borse europee
Piazza Affari e Borse europee verso una partenza fiacca, dopo la debole chiusura di Wall Street e di Tokyo. Tra i temi sul tavolo c’è il rafforzamento del dollaro dopo …
Netflix macina nuovi abbonati, titolo ruggisce. Goldman Sachs alza mirino a 480$
Torna a sorprendere in positivo Netflix che nel terzo trimestre del 2018 ha visto aumentare l?utile per azione dai 29 centesimi dello scorso anno a 89 centesimi di dollaro ora, …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
1234 Ultima

  1. #11
    L'avatar di vermeer71
    Data Registrazione
    Jul 2008
    Messaggi
    2,267
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    5 Post(s)
    Potenza rep
    29093793
    Citazione Originariamente Scritto da RedArrow Visualizza Messaggio
    Di Giacometti Picasso diceva che la sua scultura e' la realtà dopo avere tolto il superfluo.
    Grandissimo scultore e grandissimo disegnatore!

    P.S.) Picasso, come sempre, geniale!

  2. #12
    L'avatar di Heimat
    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    1,770
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    239 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    In tutte le espressioni artistiche occorre lavorare per sottrazione. Dalla poesia alla musica alla pittura ed alla scultura fino alla recitazione. Occorre togliere tutto il superfluo. Per esempio mi ricordo uno scritto riguardante il grande Luigi De Filippo che negli ultimi anni della sua carriera aveva lavorato molto sul suo stile interpretativo asciugando fino all'essenziale la sua recitazione.

  3. #13
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    2,862
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    757 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Scultore della non comunicazione e del movimento, movimento dello spirito rappresentato dal corpo ridotto ai minimi termini essenziali per esistere e che non trova stabilità se non nel continuo muoversi, pittore del volto e dello sguardo comeunica porta per entrare e farsi conoscere e riconoscere, Giacometti come può non essere monotono e ripetitivo, quando le sue opere appaiono a prima viste sempre uguali?

    Per altri pittori si può parlare di ripetizione, di chiusura e ripresa infinita di un soggetto quasi unico nella forma e nella sostanza - non dimentichiamo Albers e Rothko per citare solo i più originali e famosi - ma per Giacometti questo non è possibile. Egli ha realizzato nella figura quanto Orazio aveva detto del tempo …… “alius et idem”. Si può negare che ogni alba sia diversa dalla precedente e si può negare che ogni giorno porti il suo affanno? Tutto identico, all’occhio non attento, e tutto diverso all’occhio che vede con il cuore e con la mente. Proprio come il fratello Diego, come Paris sans fin, il suo libro di 150 litografie incise nei più diversi luoghi della sua città e che ritraggono un momento irripetibile vissuto da una persona o da un oggetto che è sempre uguale nel tempo. Nuovo e sempre uguale: sembra quasi un messaggio divino.

    Si parla spesso della relazione esistente fra colore ed immagine, fra ragione e forma: siamo tutti figli dell’attualissimo Rinascimento e del maestro Cézanne. Lo dicono le opere di Giorgione come le più aeree forme di Kandinsky e di Matisse; dove sono i colori di Giacometti nella sua ermetica chiusura che non sembra trovare voce se non con la ripetizione dell’immagine sempre nuova?
    Non è unico Giacometti alla fine dei conti: pensiamo a Klee e ai suoi paesaggi urbani con case stilizzate oltre ogni immaginazione e pensiamo a Melotti, scultore di immagini quasi inesistenti, che con la loro opera hanno saputo (Klee) aprire la strada alla immensità del nulla e trasmettere emozioni infinite con il soffio di un materiale quasi invisibile (Melotti). Quel giorno (11 gennaio 1966) a Chur si è spenta in apparenza la voce di un grandissimo artista della figura e si è aperta la strada per tutti noi di onorarlo per sempre.

  4. #14
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,588
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    278 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da dvdnavas Visualizza Messaggio
    Scultore della non comunicazione e del movimento, movimento dello spirito rappresentato dal corpo ridotto ai minimi termini essenziali per esistere e che non trova stabilità se non nel continuo muoversi, pittore del volto e dello sguardo comeunica porta per entrare e farsi conoscere e riconoscere, Giacometti come può non essere monotono e ripetitivo, quando le sue opere appaiono a prima viste sempre uguali?

    Per altri pittori si può parlare di ripetizione, di chiusura e ripresa infinita di un soggetto quasi unico nella forma e nella sostanza - non dimentichiamo Albers e Rothko per citare solo i più originali e famosi - ma per Giacometti questo non è possibile. Egli ha realizzato nella figura quanto Orazio aveva detto del tempo …… “alius et idem”. Si può negare che ogni alba sia diversa dalla precedente e si può negare che ogni giorno porti il suo affanno? Tutto identico, all’occhio non attento, e tutto diverso all’occhio che vede con il cuore e con la mente. Proprio come il fratello Diego, come Paris sans fin, il suo libro di 150 litografie incise nei più diversi luoghi della sua città e che ritraggono un momento irripetibile vissuto da una persona o da un oggetto che è sempre uguale nel tempo. Nuovo e sempre uguale: sembra quasi un messaggio divino.

    Si parla spesso della relazione esistente fra colore ed immagine, fra ragione e forma: siamo tutti figli dell’attualissimo Rinascimento e del maestro Cézanne. Lo dicono le opere di Giorgione come le più aeree forme di Kandinsky e di Matisse; dove sono i colori di Giacometti nella sua ermetica chiusura che non sembra trovare voce se non con la ripetizione dell’immagine sempre nuova?
    Non è unico Giacometti alla fine dei conti: pensiamo a Klee e ai suoi paesaggi urbani con case stilizzate oltre ogni immaginazione e pensiamo a Melotti, scultore di immagini quasi inesistenti, che con la loro opera hanno saputo (Klee) aprire la strada alla immensità del nulla e trasmettere emozioni infinite con il soffio di un materiale quasi invisibile (Melotti). Quel giorno (11 gennaio 1966) a Chur si è spenta in apparenza la voce di un grandissimo artista della figura e si è aperta la strada per tutti noi di onorarlo per sempre.
    BOLLINO VERDE IMMEDIATO E COMPLIMENTISSIMI!

    Le figure smagrite, essenziali e quasi corrose di Giacometti sono, forse, una delle espressioni più alte della rappresentazione dello stato d'animo dell'uomo novecentesco.
    Un uomo metabolizzato, corroso dal ''Superomismo'' di Nietzche, filosofia che ha in assoluto governato incontrastata soprattutto la prima parte del 900, una filosofia che con le dittature ha annientato i valori umanistici….vedendo le opere di Giacometti mi torna in mente ''Se questo è un uomo'' di Primo Levi.
    Ma in Giacometti l'uomo svilito è in un ''movimento statico'': questo è il messaggio che vuole lanciare l'artista: anche se sono crollati tutti gli ideali, annientati dalle Supremazie, l'uomo deve resistere, deve ''marciare'' verso nuovi orizzonti…verso nuove mete.

    Scusate la digressione!

  5. #15

  6. #16
    L'avatar di Klee
    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    2,321
    Mentioned
    13 Post(s)
    Quoted
    322 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da -artpop- Visualizza Messaggio
    BOLLINO VERDE IMMEDIATO E COMPLIMENTISSIMI!

    Le figure smagrite, essenziali e quasi corrose di Giacometti sono, forse, una delle espressioni più alte della rappresentazione dello stato d'animo dell'uomo novecentesco.
    Un uomo metabolizzato, corroso dal ''Superomismo'' di Nietzche, filosofia che ha in assoluto governato incontrastata soprattutto la prima parte del 900, una filosofia che con le dittature ha annientato i valori umanistici….vedendo le opere di Giacometti mi torna in mente ''Se questo è un uomo'' di Primo Levi.
    Ma in Giacometti l'uomo svilito è in un ''movimento statico'': questo è il messaggio che vuole lanciare l'artista: anche se sono crollati tutti gli ideali, annientati dalle Supremazie, l'uomo deve resistere, deve ''marciare'' verso nuovi orizzonti…verso nuove mete.

    Scusate la digressione!
    Giuse ' ma da dove li prendi questi stralci così interessanti e profondi .. scherzo chiaramente .. .. Complimenti , sintesi sull' artista ( opera ) molto bella
    Ultima modifica di Klee; 08-10-14 alle 10:43

  7. #17
    L'avatar di -artpop-
    Data Registrazione
    Apr 2014
    Messaggi
    8,588
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    278 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Klee Visualizza Messaggio
    Giuse ' ma da dove li prendi questi stralci così interessanti e profondi .. scherzo chiaramente .. .. Complimenti , sintesi sull' artista ( opera ) molto bella
    oltre a leggere libri, ho percepito quello che ho scritto davanti ad un'opera storica di Giacometti.

  8. #18
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    2,862
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    757 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Qualcuno è stato alla mostra al GAM?

  9. #19
    L'avatar di _Andre_
    Data Registrazione
    Feb 2014
    Messaggi
    1,080
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    35 Post(s)
    Potenza rep
    24477220
    Sotheby's NY Novembre
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate Alberto Giacometti-image.jpg  

  10. #20
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    25,173
    Mentioned
    137 Post(s)
    Quoted
    4671 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    e ancora

    ma lo fai apposta

    dammi retta, CocaCola
    non altro
    Immagini Allegate Immagini Allegate Alberto Giacometti-1982096d1413399205t-alberto-giacometti-image.jpg 

Accedi