Poesia Visiva - Pagina 3
Piazza Affari sorride nonostante freno Unicredit, Saipem arrotonda a +45% il bottino ytd
Martedì intonato al rialzo per Piazza Affari che torna a salire grazie anche alla sponda dell?ottima asta Ctz, con tassi di assegnazione dimezzati rispetto a un mese fa. Il Ftse …
BNP Paribas mette l?accento sugli ESG nella nuova gamma di ETF quotati a Milano
BNP Paribas Asset Management (BNPP AM) lancia oggi su Borsa Italiana 7 nuovi ETF e riafferma la sua posizione in ambito ESG. Questa gamma si aggiunge ai precedenti 15 ETF …
Sabaf: titolo in calo circa del 2% dopo i conti 2018
Sabaf ha pubblicato i conti del 2018 che evidenziano ricavi di vendita pari a 150,6 milioni, superiori dello 0,3% rispetto ai 150,2 milioni del 2017 (-2,4% a parità di area …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #21

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    2,372
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    297 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    penso che il movimento della poesia visiva (comprendendo anche Isgrò ed altri simili) possa in un futuro prossimo rivalutarsi di più e valere di più (dal punto di vista commerciale) della tanto reclamizzata pittura analitica: non entro di proposito se sia più importante la poesia visiva o la pittura analitica, mi limito solo ad una previsione di tipo mercantile....

  2. #22

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4,273
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    648 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da arteok Visualizza Messaggio
    penso che il movimento della poesia visiva (comprendendo anche Isgrò ed altri simili) possa in un futuro prossimo rivalutarsi di più e valere di più (dal punto di vista commerciale) della tanto reclamizzata pittura analitica: non entro di proposito se sia più importante la poesia visiva o la pittura analitica, mi limito solo ad una previsione di tipo mercantile....
    Permettimi di dissentire in modo più totale con questa forma di preveggenza.Quando parliamo di mercato, non me ne voglia il buon borghi , non si tratta di prevedere o intuire o aver sognato che...in ogni momento un particolare artista, ma anche non artista, potrebbe decollare improvvisamente e raggiungere vette economiche ragguardevoli.Quali sono i fattori? Uno in particolare: il mercante più seguito del momento dai collezionisti che contano nel mondo dei miliardari.Funziona così, purtroppo.Il mercante famoso vende la collezionista miliardario un quadro di X. L'amico collezionista altrettanto miliardario che non vuole essere da meno, lo compra anche lui, magari anche ad un prezzo maggiore così lui ha l'opera più"importante".I riciclatori di denaro sporco, convinti anche delle quotazioni e degli acquisti negli ambienti che contano, comprano con parte dei proventi illeciti, opera d'arte che sono molto quotate.Nel tempo, se si consolidano questi prezzi, quell'artista è storicizzato (per l'investimento, s'intende).Con il passare del tempo potrà poi aver riservato un posto nel libro degli artisti che han fatto la storia dell'arte e così difficilmente i prezzi caleranno...ma può succedere se scema l'interesse dei mercanti e dei collezionisti.E la storia continua all'infinito.Questo è in sintesi il mercato.Cosa diversissima è l'arte e come la si deve interpretare.

  3. #23

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    2,372
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    297 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da batteristasinest Visualizza Messaggio
    Permettimi di dissentire in modo più totale con questa forma di preveggenza.Quando parliamo di mercato, non me ne voglia il buon borghi , non si tratta di prevedere o intuire o aver sognato che...in ogni momento un particolare artista, ma anche non artista, potrebbe decollare improvvisamente e raggiungere vette economiche ragguardevoli.Quali sono i fattori? Uno in particolare: il mercante più seguito del momento dai collezionisti che contano nel mondo dei miliardari.Funziona così, purtroppo.Il mercante famoso vende la collezionista miliardario un quadro di X. L'amico collezionista altrettanto miliardario che non vuole essere da meno, lo compra anche lui, magari anche ad un prezzo maggiore così lui ha l'opera più"importante".I riciclatori di denaro sporco, convinti anche delle quotazioni e degli acquisti negli ambienti che contano, comprano con parte dei proventi illeciti, opera d'arte che sono molto quotate.Nel tempo, se si consolidano questi prezzi, quell'artista è storicizzato (per l'investimento, s'intende).Con il passare del tempo potrà poi aver riservato un posto nel libro degli artisti che han fatto la storia dell'arte e così difficilmente i prezzi caleranno...ma può succedere se scema l'interesse dei mercanti e dei collezionisti.E la storia continua all'infinito.Questo è in sintesi il mercato.Cosa diversissima è l'arte e come la si deve interpretare.
    Dissenti fin che vuoi, ma dato che siamo su un forum di investimenti in arte quanto ho scritto è assolutamente pertinente poi è chiaro, ma l'ho dichiarato, che essendo una previsione personale (ancorchè derivata da un giudizio sul movimento stesso e dall'originalità di quanto proposto), non avendo la sfera di cristallo potrà realizzarsi o meno...tutto qui!!

  4. #24

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4,273
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    648 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da arteok Visualizza Messaggio
    Dissenti fin che vuoi, ma dato che siamo su un forum di investimenti in arte quanto ho scritto è assolutamente pertinente poi è chiaro, ma l'ho dichiarato, che essendo una previsione personale (ancorchè derivata da un giudizio sul movimento stesso e dall'originalità di quanto proposto), non avendo la sfera di cristallo potrà realizzarsi o meno...tutto qui!!
    Tranquillo, non è mia intenzione alterarti, però la tua previsione sarà giusta se il mercato si mmuoverà come ho detto sopra.Può accadere che il mercato, come oggi accade, è più popolare, ossia non solo verso i miliardari collezionisti.Infatti, con le televendite sono spuntati mercanti di arte in ogni, o quasi,tele. Si offrono quadri i artisti storicizzati ad hoc (la biennale è un bel trampolino di lancio, ma anche altri musei mondiali sono molto importanti, ma difficilmente veicolabili da televenditori.Magari a volte ottengono spazi, ed ecco che spunta il genio...non faccio nomi, ma sappiamo oggi chi sono).
    Dicevo con queste televendite si son creati quindi diversi mercati, quello milionario, affrontabile dai soliti miliardari collezionisti, quello degli amanti d'arte abbienti ma non miliardari, che comprano le sicurezze (solitamente i nuovi arrivati ma con alle spalle molte, mostre, alcune biennali e tante promesse e prezzi abbastanza abbordabili a seconda del reddito disponibile, e oggi molto rosicato) e quello della gente comune che compra un dipinto come fosse un gratta e vinci.
    Il mercato dell'arte secondo me deprime l'arte.Un tempo i signori sceglievano l'artista per come dipingeva e lo pagavano per averne l'esclusiva della sua arte.Oggi si compra un opera con la speranza che cresca di valore.Pochissimi comprano per amore dell'arte.Spero di sbagliare caro arteok, ma temo sia così.

  5. #25

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4,273
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    648 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Detto quanto sopra, sono anch'io un ammiratore della contestazione artistica di chiari ed ho una sua opera in collezione

  6. #26

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    2,372
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    297 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da batteristasinest Visualizza Messaggio
    Tranquillo, non è mia intenzione alterarti, però la tua previsione sarà giusta se il mercato si mmuoverà come ho detto sopra.Può accadere che il mercato, come oggi accade, è più popolare, ossia non solo verso i miliardari collezionisti.Infatti, con le televendite sono spuntati mercanti di arte in ogni, o quasi,tele. Si offrono quadri i artisti storicizzati ad hoc (la biennale è un bel trampolino di lancio, ma anche altri musei mondiali sono molto importanti, ma difficilmente veicolabili da televenditori.Magari a volte ottengono spazi, ed ecco che spunta il genio...non faccio nomi, ma sappiamo oggi chi sono).
    Dicevo con queste televendite si son creati quindi diversi mercati, quello milionario, affrontabile dai soliti miliardari collezionisti, quello degli amanti d'arte abbienti ma non miliardari, che comprano le sicurezze (solitamente i nuovi arrivati ma con alle spalle molte, mostre, alcune biennali e tante promesse e prezzi abbastanza abbordabili a seconda del reddito disponibile, e oggi molto rosicato) e quello della gente comune che compra un dipinto come fosse un gratta e vinci.
    Il mercato dell'arte secondo me deprime l'arte.Un tempo i signori sceglievano l'artista per come dipingeva e lo pagavano per averne l'esclusiva della sua arte.Oggi si compra un opera con la speranza che cresca di valore.Pochissimi comprano per amore dell'arte.Spero di sbagliare caro arteok, ma temo sia così.
    Non ho l'ambizione e nè la presunzione di dire che cosa sarà più importante a livello di storia dell'arte (e poi facendo riferimento a quale lasso temporale 50 anni, un secolo o di più...praticamente impossibile!), ma pragmaticamente mi sono limitato ad una previsione di rivalutazione del movimento a livello mercantile, poi sui meccanismi che potrebbero esserci dietro una rivalutazione di mercato, come si suol dire, "chi più ne ha più ne metta"...

  7. #27

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4,273
    Mentioned
    9 Post(s)
    Quoted
    648 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da arteok Visualizza Messaggio
    Non ho l'ambizione e nè la presunzione di dire che cosa sarà più importante a livello di storia dell'arte (e poi facendo riferimento a quale lasso temporale 50 anni, un secolo o di più...praticamente impossibile!), ma pragmaticamente mi sono limitato ad una previsione di rivalutazione del movimento a livello mercantile, poi sui meccanismi che potrebbero esserci dietro una rivalutazione di mercato, come si suol dire, "chi più ne ha più ne metta"...
    Non dico mica che hai torto, ma neppure che hai ragione...insomma credo che la cosa sia facilmente comprensibile sol che si conoscano bene i mercanti che contano e si sappia prestissimo quali siano i collezionisti che han comperato le opere vendute da loro per prevedere poi futuri rialzi.Più difficili sono le previsioni delle opere proposte dai televenditori a poche migliaia di euro posto che qui il collezionista comune (senza offesa, intendendo quello che non spende troppo) e le sue richieste sono talmente imprevedibili che nessuno può sapere cosa succederà...però forse hai ragione su un punto e provo ad azzardare anch'io il rialzo dei prezzi di artisti della poesia visiva dato che ultimamente si è aperto un certo interessamento verso di loro e le loro opere costano poco e essendosi fatti conoscere bene nel mondo sono molto appetibili anche da chi vede l'arte come un gratta e vinci.

  8. #28

    Data Registrazione
    Jun 2012
    Messaggi
    2,372
    Mentioned
    25 Post(s)
    Quoted
    297 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da batteristasinest Visualizza Messaggio
    Non dico mica che hai torto, ma neppure che hai ragione...insomma credo che la cosa sia facilmente comprensibile sol che si conoscano bene i mercanti che contano e si sappia prestissimo quali siano i collezionisti che han comperato le opere vendute da loro per prevedere poi futuri rialzi.Più difficili sono le previsioni delle opere proposte dai televenditori a poche migliaia di euro posto che qui il collezionista comune (senza offesa, intendendo quello che non spende troppo) e le sue richieste sono talmente imprevedibili che nessuno può sapere cosa succederà...però forse hai ragione su un punto e provo ad azzardare anch'io il rialzo dei prezzi di artisti della poesia visiva dato che ultimamente si è aperto un certo interessamento verso di loro e le loro opere costano poco e essendosi fatti conoscere bene nel mondo sono molto appetibili anche da chi vede l'arte come un gratta e vinci.
    Bene anche tu ritieni probabile una rivalutazione "mercantile" della poesia visiva...è l'unica cosa che ho provato a dire....

  9. #29

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    7,793
    Mentioned
    66 Post(s)
    Quoted
    2466 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Io invece non scommetterei nulla sulla Poesia Visiva. Personalmente ritengo che sia un movimento che non ha mai trovato una sua vera dimensione (arte? letteratura? critica?) e un suo pubblico che l'abbia capita, poco o per niente seguito da galleristi e mercanti importanti e pochissimo presente in collezioni e musei. Per di più mi pare di poter dire che ha prodotto anche tante cose davvero brutte. Certo, come tutto quello che costa poco è probabile che possa costare di più, ma non ci vedo un grande futuro.
    Opinione strettamente personale eh! Nessun estimatore si offenda.
    Ultima modifica di accipicchia; 03-02-14 alle 22:19

  10. #30
    L'avatar di investart
    Data Registrazione
    Jul 2006
    Messaggi
    14,928
    Mentioned
    33 Post(s)
    Quoted
    637 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    Citazione Originariamente Scritto da accipicchia Visualizza Messaggio
    Io invece non scommetterei nulla sulla Poesia Visiva. Personalmente ritengo che sia un movimento che non ha mai trovato una sua vera dimensione (arte? letteratura? critica?) e un suo pubblico che l'abbia capita, poco o per niente seguito da galleristi e mercanti importanti e pochissimo presente in collezioni e musei. Per di più mi pare di poter dire che ha prodotto anche tante cose davvero brutte. Certo, come tutto quello che costa poco è probabile che possa costare di più, ma non ci vedo un grande futuro.
    Opinione strettamente personale eh! Nessun estimatore si offenda.
    Non ho le capacità per poter giudicare io se la "Poesia Visiva" abbia o meno le potenzialità artistiche per affermarsi un domani a livello Nazionale-Internazionale.

    Su una cosa però permettetemi di dissentire, quello che certo la limita/limiterà è invece il poco numero di Opere ( indipendentemente dalla qualità ) che ci sono in circolo per poterne fare mercato.

    Prendi il mio idolo EMILIO VILLA, per quanto riguarda le opere di Emilio Villa reperire Opere sembra difficilissimo, anche perché i figli di Villa sono all'estero, USA e Australia, e perché lo stesso Villa aveva l'abitudine di disperdere i suoi lavori...

Accedi