opere su carta - Pagina 3
Fine QE: Draghi chiude la porta, ma non getta la chiave. Ormai inciso nel DNA della Bce
Ormai lo si può dire: Mario Draghi rimarrà alla storia come il banchiere italiano che, osando sfidare la Germania e gli altri falchi europei, è riuscito a cambiare il DNA …
I 5 fattori che influenzeranno gli investimenti nel 2019 e le tre strategie per affrontarli
Cinque i fattori che influenzeranno gli investimenti nel 2019 secondo Andrew Milligan, Head of Global Strategy di Aberdeen Standard Investments che delinea anche tre strategie per affrontarli al meglio in …
Brexit: Theresa May sopravvive a golpe Brexiter. Ma Ue frena su backstop
Theresa May è riuscita a sopravvivere alla mozione di sfiducia presentata dall’ala dei Brexiter più ultrà del suo partito, rimandendo leader del partito dei Tory: una vittoria amara, però, visto …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
Prima 12345 Ultima

  1. #21

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    7,522
    Mentioned
    53 Post(s)
    Quoted
    2276 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da vermeer71 Visualizza Messaggio
    Questo è ovvio, ci mancherebbe altro!
    Ma il discorso stava evolvendo verso altre argomentazioni (cura e tipo del supporto, uso di mix media in tempi attuali, menefreghismo degli artisti circa la qualità futura delle opere, cosa resterà della nostra cara arte (parola grossa?) di questi anni, ecc. ecc. eccetera).
    Io non mi preoccuperei più di tanto di cosa resterà. Resterà quello che vale la pena che resti, che verrà conservato e protetto con tutti i modi efficaci che l'epoca moderna consente. Sono giunte a noi e testimonianze e opere molto esposte al logorio del tempo, dalle tavolette egizie, alle opere pittoriche su tavole di legno, dagli affreschi antichi, agli incunaboli del 1500. Ogni epoca ha lasciato dei segni anche fragili che i posteri con avvedutezza e tecnica via via crescenti hanno saputo recuperare e mantenere. Così avverrà certamente anche per il futuro e le cose davvero importanti del nostro tempo si conserveranno per millenni grazie agli accorgimenti tecnici che saranno sempre più raffinati. E' altrettanto vero però che un numero enormemente grande di opere d'arte o presunte tali, verrà spazzato via dal tempo, e questo indipendentemente dalla robustezza dei supporti, ma questo credo che i ritmi frenetici della contemporaneità lo abbiano già messo in conto.

  2. #22
    L'avatar di ginogost
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    15,253
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1346 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Batterista, lo so che è un errore banale di scrittura, te lo segnalo per correggere. Ciao.
    Verso la fine del 1700 avvenne l'evoluzione

  3. #23

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4,128
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    575 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da ginogost Visualizza Messaggio
    Batterista, lo so che è un errore banale di scrittura, te lo segnalo per correggere. Ciao.
    Perchè mai dovrei correggere?
    La introduzione del processo di sfibratura del legno ridotto in pasta cellulosica avvenne nel 1840 e successivamente migliorarono le macchine impastatrici e quindi anche la cellulosa e dunque ribadisco quanto già scritto a meno che tu non abbia notizie riguardanti la nascita della pasta di cellulosa nel 1700 allorchè mi avrai convinto del contrario ma credo, anzi son convinto, che nel periodo da te indicato usassero ancora gli stracci.Ciao

  4. #24
    L'avatar di ginogost
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    15,253
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1346 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da batteristasinest Visualizza Messaggio
    Perchè mai dovrei correggere?
    La introduzione del processo di sfibratura del legno ridotto in pasta cellulosica avvenne nel 1840 e successivamente migliorarono le macchine impastatrici e quindi anche la cellulosa e dunque ribadisco quanto già scritto a meno che tu non abbia notizie riguardanti la nascita della pasta di cellulosa nel 1700 allorchè mi avrai convinto del contrario ma credo, anzi son convinto, che nel periodo da te indicato usassero ancora gli stracci.Ciao
    Ciao, batt, nessuna polemica assolutamente. Io mi riferivo alla mia esperienza pratica, in cui vedo che già dai primi anni dell'800 vedo stampe non più su carta vergellata (cioè filtrata con un reticolo di fibre vegetali) ma a pasta informe. Non solo: sono più fragili, hanno facilmente fioriture ecc.
    E allora?
    Primo: nel 99 fu rivoluzionata la vecchia tecnica con la macchina continua. Questo teoricamente cambia poco. Però intanto anche gli stracci, con la sopravvenuta industria del cotone, non erano più quelli di una volta (lino, canapa, juta) a fibra lunga. Anche questo peggiorò la qualità. Infine, negli anni venti si passa dall'uso dei cenci all'uso diretto delle fibre vegetali. La pasta a legno è del 1843: trattandosi ancora della prima metà del secolo, non ritenevo ti riferissi a questa come evoluzione (iniziata nel 1799). Evidentemente ti riferivi solo a quanto venuto dopo. effettivamente in modo sempre più accelerato. Ma fino alla fine del 700 i metodi rimasero sostanzialmente idendici.
    Questione di scegliere un punto di partenza nella curva esponenziale (eventualmente correggimi, Aharon ).

  5. #25

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4,128
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    575 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Dunque credo che l'uso delle parole possa dare adito a problemi interpretativi ma in alcuni casi no
    Anche tu ammetti, è un dato di fatto, che la pasta di legno è del 1843, giusto? Dunque con il termine evoluzione si intende che da una certa situazione (o scoperta) si passa ad un successivo processo di trasformazione, giusto? Quindi, senza far la punta ai chiodi è facile intendere che l'evoluzione di cui intendevo si ha dopo il 1843 e dunque ribadisco che quanto ho scritto è corretto. ma non è questo ciò che conta...

  6. #26

    Data Registrazione
    Oct 2013
    Messaggi
    7,522
    Mentioned
    53 Post(s)
    Quoted
    2276 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Grazie a entrambi, perchè oggi ho imparato diverse cose.
    Grazie davvero.

  7. #27

    Data Registrazione
    Sep 2010
    Messaggi
    4,128
    Mentioned
    8 Post(s)
    Quoted
    575 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Un ultima cosa per quanto riguarda la conservazione delle opere su carta.Sembrerebbe non indicato il vetro per via della facile condensa e, se non adeguatamente anti raggi uv, facile piattaforma per le incursioni dei maledetti raggi. Quindi sarebbe meglio utilizzare supporti lignei con passepartout molto larghi e anzichè mettere vetro, mettere una lastra sottile di polistirene trasparente(possibilmente non a contatto con la carta) che resiste ai raggi uv e non fa condensa.

  8. #28
    L'avatar di ginogost
    Data Registrazione
    Mar 2009
    Messaggi
    15,253
    Mentioned
    19 Post(s)
    Quoted
    1346 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da aharon Visualizza Messaggio
    cmq.
    che importanza ha se un'opera col tempo si deteriora??
    la vedi trasformare lentamente-guardi le metamorfosi che subisce-trepidi per una macchia-ti impaurisci per un taglietto----ma,l'opera invecchierà con te (perché anche tu invecchi e non è che diventi più bello).
    a me
    non piacerebbe un'anfora romana con le sembianze di un'anfora fatta a Tomba di Nerone ieri.
    non piacerebbe un libro del '600 con le pagine belle e immacolate come se fosse una ristampa d'oggi.
    resisterà al tempo ? => diventerà archeologia
    si deteriorerà irreversibilmente? pazienza.
    per questo adoro I Sali di Calzolari : DEVONO CAMBIARE.
    Non è che non ti capisca ...
    ma prova a immaginare il tuo olio di Morandi mentre si sta rapidamente scrostando
    immagina la muffa invadere il tuo disegno di Durer
    o tuo nipote con le dita ben inchiostrate che accarezza il tuo olio di Vedova, o la tua carta di Fontana.

  9. #29
    L'avatar di DiegoS
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Messaggi
    2,133
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    115 Post(s)
    Potenza rep
    39926248

  10. #30

    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    1,487
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Roba fine...

Accedi