Lia Drei e Francesco Guerrieri - Pagina 2
Piazza Affari sorride nonostante freno Unicredit, Saipem arrotonda a +45% il bottino ytd
Martedì intonato al rialzo per Piazza Affari che torna a salire grazie anche alla sponda dell?ottima asta Ctz, con tassi di assegnazione dimezzati rispetto a un mese fa. Il Ftse …
BNP Paribas mette l?accento sugli ESG nella nuova gamma di ETF quotati a Milano
BNP Paribas Asset Management (BNPP AM) lancia oggi su Borsa Italiana 7 nuovi ETF e riafferma la sua posizione in ambito ESG. Questa gamma si aggiunge ai precedenti 15 ETF …
Sabaf: titolo in calo circa del 2% dopo i conti 2018
Sabaf ha pubblicato i conti del 2018 che evidenziano ricavi di vendita pari a 150,6 milioni, superiori dello 0,3% rispetto ai 150,2 milioni del 2017 (-2,4% a parità di area …
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
123 Ultima

  1. #11

    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Informazioni su francesco guerrieri e lia drei

    Buonasera, signor POZZI55, mi chiamo Concetta Guerrieri e sono la proprietaria del patrimonio artistico nonché dell'Archivio storico dei maestri Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Conoscevo già questo interessante forum e la pregiatissima recensione, nonché la pubblicità fatta sugli artisti in questione , da parte del gallerista (come pochi, colto, raffinato e serio) di Vico Gallery in Verbania (purtroppo chiusa) il quale con grande interesse e preparazione storico culturale, promuoveva ed organizzava la mostra nel 2012 (se non ricordo male). Volevo, altresì ringraziare i partecipanti presenti in questa chat che conoscono gli artisti, la loro storia e ne apprezzano le loro opere ed il loro profondo significato.
    Mi preme, però, fare dei necessari chiarimenti, e di dare qualche informazione, magari ignorata, anche per difendere la mia immagine, la mia dignità, la mia etica ed il mio profondo amore e rispetto verso i miei compianti consanguinei. Bypassare informazioni sbagliate potrebbe essere diffamante. Quando sento odore di cattiveria celata e supponenza, devo esprimere quello che penso comunicandolo direttamente e presentandomi con nome e cognome. Rimango comunque aperta al contradditorio.
    Cominciamo a smontare l’assunto: PROMOZIONE, PREZZI FOLLI, INCAPACITA’ AD ORGANIZZARE.
    Punto 1) Intanto, ci terrei a sottolineare che post mortem di Francesco Guerrieri avvenuta il 24 agosto 2015, mi sono nella immediatezza attivata, pur non incontrando, tante difficoltà, perché Francesco e Lia, hanno già la strada aperta e non hanno bisogno di rivalutazione storiche, perché sono già ampiamente storicizzati, hanno solo bisogno di un mercato che confermi il loro valore storico ed il coefficiente maturato nel tempo e di galleristi preparati che siano in grado di promuoverli, riconoscendo il loro legittimo coefficiente storico come è già stato fatto in passato da qualche galleria, e che non si risolvano in una bolla speculativa finendo nel dimenticatoio. Questo per continuare a mantenerli nel tempo. Beninteso, sempre se esiste il vero mercato , ho seri dubbi al riguardo. La cultura è di elite e la devi promuovere con i tuoi soldi!! Ricordo agli interessati, che, questi due straordinari artisti negli anni 60/70 vendettero, senza nessuna imposizione, moltissime opere e la loro galleria era quella celebre di Fumagalli di Bergamo. Successe però che, sul finire degli anni 70, quando il Mercato cominciava ad orientarsi verso la speculazione, i “due veri artisti” disgustati da questo andazzo decisero di ritirarsi dalla scena artistica e vivere l’arte in maniera più riservata, incrementando la loro antologia di opere suddivise per periodi. Quello di uscire di scena è stato il loro errore o forse no, non lo so ancora!! Verso la fine degli anni 90 cominciarono di nuovo ad essere contattati da storici e critici per rientrare in scena. Solo agli inizi del 2000 Francesco e Lia cominciarono ad accogliere gli inviti e valutare, la possibilità di organizzare nuovi eventi e di rispondere a qualche galleria importante che li promuovesse nuovamente. Organizzammo uno staff e cosi avvenne. La Galleria che ebbe l’incarico ha avuto il merito di centrifugarli di nuovo nel mercato organizzando bellissime mostre con successo di critica e di visitatori.
    Nel novembre del 2016 fino al Gennaio 2017, il MUSEO MACRO DI ROMA di Via Nizza ha organizzato una bellissima mostra fortemente voluta anche dalla allora Sovrintendente ai Beni Culturali Federica Pirani. La mostra è stata curata dallo storico Gabriele Simongini , con la mia collaborazione e con la partecipazione di Luigi Paolo Finizio. La mostra personale dal titolo “La regola e l’emozione 1963 – 1973” ebbe un successo di critica e di visitatori. Le foto della mostra sono consultabili sulla pagina pubblica di Facebook Francesco Guerrieri e Lia Drei unitamente al video del TG3, buone recensioni sono seguite su testate giornalistiche, in primis La Repubblica, mentre un articolo dell’agosto 2015 del SOLE24orePLUS li annovera tra gli artisti in crescita sul mercato. Nelle more della mostra, precisamente dal 2015 al 2017, Francesco e Lia hanno partecipato a due importantissime collettive degli artisti anni 60: PERCEZIONE E ILLUSIONE E OCCHIO MOBILE. Le mostre sono state inaugurate in Zagabria ed hanno girato tutta l’America Latina ( MUSEO MACBA Buenos Aires, ISTITUTO CULTURALE SAN PUOLO IN BRASILE, MUSEO IN LIMA, ECC..) riscuotendo molti consensi e gli stessi artisti sono stati molto attenzionati . Non solo, sempre a Giugno del 2017 hanno partecipato ad un’altra collettiva al Macro. Altre mostre sono seguite in altre Regioni. Di recente, novembre del 2018, all’interno della mostra di ESCHER in Catanzaro è stata voluta un’opera di Francesco Guerrieri, riconoscendone una similitudine. Altre iniziative sono in cantiere. Non solo, l’archivio è oggetto di studio di giovani laureandi e di studiosi di quel periodo.
    ERGO, non è PROMOZIONE questa? Ma a pensarci bene gli artisti si presentano e si promuovono da soli ,sono solo una modesta pedina.
    Punto 2) PREZZI FOLLI.
    La Galleria 10 AM ha fornito delle informazioni non veritiere. Mi viene da pensare che quando la volpe non arriva all’uva dice di essere acerba. Oppure penserei allo specchio delle allodole!! Un’altra bella metafora.
    Innanzitutto le opere di interesse storico in mio possesso non sono poche, come si evince dai numerosi cataloghi e dai siti internet che ricostruiscono l’archivio degli artisti. Quanto ai prezzi definiti da loro folli, mi preme precisare che l’intenzione di suddetta galleria era quella di livellare i prezzi delle opere di Francesco e Lia alla stregua degli artisti già da loro rappresentati e di minore interesse storico, al fine di averne un tornaconto economico, immagino.
    Ecco il motivo per il quale non ho ceduto alle lusinghe di questa galleria . Sarà la storia e spero anche il mercato a dare il giusto riconoscimento a questi due grandi artisti. E voi alla STORIA che prezzo dareste? IO DO IL PREZZO GIUSTO. NON AMO SPECULARE.
    Ci tenevo a questo mio intervento nel forum non solo per spiegare le mie ragioni quanto a tutelare collezionisti ed interessati al lavoro di Francesco e Lia.

    PS. Vi consiglio di visionare PER MAGGIORI INFORMAZIONI i siti :: Francesco Guerrieri - Pittore :: Lia Drei
    Facebook : Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Istagram: #francescoguerrieri #liadrei

  2. #12

    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Informazioni su francesco guerrieri e lia drei

    Buonasera, signor POZZI55, mi chiamo Concetta Guerrieri e sono la proprietaria del patrimonio artistico nonché dell'Archivio storico dei maestri Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Conoscevo già questo interessante forum e la pregiatissima recensione, nonché la pubblicità fatta sugli artisti in questione , da parte del gallerista (come pochi, colto, raffinato e serio) di Vico Gallery in Verbania (purtroppo chiusa) il quale con grande interesse e preparazione storico culturale, promuoveva ed organizzava la mostra nel 2012 (se non ricordo male). Volevo, altresì ringraziare i partecipanti presenti in questa chat che conoscono gli artisti, la loro storia e ne apprezzano le loro opere ed il loro profondo significato.
    Mi preme, però, fare dei necessari chiarimenti, e di dare qualche informazione, magari ignorata, anche per difendere la mia immagine, la mia dignità, la mia etica ed il mio profondo amore e rispetto verso i miei compianti consanguinei. Bypassare informazioni sbagliate potrebbe essere diffamante. Quando sento odore di cattiveria celata e supponenza, devo esprimere quello che penso comunicandolo direttamente e presentandomi con nome e cognome. Rimango comunque aperta al contradditorio.
    Cominciamo a smontare l’assunto: PROMOZIONE, PREZZI FOLLI, INCAPACITA’ AD ORGANIZZARE.
    Punto 1) Intanto, ci terrei a sottolineare che post mortem di Francesco Guerrieri avvenuta il 24 agosto 2015, mi sono nella immediatezza attivata, pur non incontrando, tante difficoltà, perché Francesco e Lia, hanno già la strada aperta e non hanno bisogno di rivalutazione storiche, perché sono già ampiamente storicizzati, hanno solo bisogno di un mercato che confermi il loro valore storico ed il coefficiente maturato nel tempo e di galleristi preparati che siano in grado di promuoverli, riconoscendo il loro legittimo coefficiente storico come è già stato fatto in passato da qualche galleria, e che non si risolvano in una bolla speculativa finendo nel dimenticatoio. Questo per continuare a mantenerli nel tempo. Beninteso, sempre se esiste il vero mercato , ho seri dubbi al riguardo. La cultura è di elite e la devi promuovere con i tuoi soldi!! Ricordo agli interessati, che, questi due straordinari artisti negli anni 60/70 vendettero, senza nessuna imposizione, moltissime opere e la loro galleria era quella celebre di Fumagalli di Bergamo. Successe però che, sul finire degli anni 70, quando il Mercato cominciava ad orientarsi verso la speculazione, i “due veri artisti” disgustati da questo andazzo decisero di ritirarsi dalla scena artistica e vivere l’arte in maniera più riservata, incrementando la loro antologia di opere suddivise per periodi. Quello di uscire di scena è stato il loro errore o forse no, non lo so ancora!! Verso la fine degli anni 90 cominciarono di nuovo ad essere contattati da storici e critici per rientrare in scena. Solo agli inizi del 2000 Francesco e Lia cominciarono ad accogliere gli inviti e valutare, la possibilità di organizzare nuovi eventi e di rispondere a qualche galleria importante che li promuovesse nuovamente. Organizzammo uno staff e cosi avvenne. La Galleria che ebbe l’incarico ha avuto il merito di centrifugarli di nuovo nel mercato organizzando bellissime mostre con successo di critica e di visitatori.
    Nel novembre del 2016 fino al Gennaio 2017, il MUSEO MACRO DI ROMA di Via Nizza ha organizzato una bellissima mostra fortemente voluta anche dalla allora Sovrintendente ai Beni Culturali Federica Pirani. La mostra è stata curata dallo storico Gabriele Simongini , con la mia collaborazione e con la partecipazione di Luigi Paolo Finizio. La mostra personale dal titolo “La regola e l’emozione 1963 – 1973” ebbe un successo di critica e di visitatori. Le foto della mostra sono consultabili sulla pagina pubblica di Facebook Francesco Guerrieri e Lia Drei unitamente al video del TG3, buone recensioni sono seguite su testate giornalistiche, in primis La Repubblica, mentre un articolo dell’agosto 2015 del SOLE24orePLUS li annovera tra gli artisti in crescita sul mercato. Nelle more della mostra, precisamente dal 2015 al 2017, Francesco e Lia hanno partecipato a due importantissime collettive degli artisti anni 60: PERCEZIONE E ILLUSIONE E OCCHIO MOBILE. Le mostre sono state inaugurate in Zagabria ed hanno girato tutta l’America Latina ( MUSEO MACBA Buenos Aires, ISTITUTO CULTURALE SAN PUOLO IN BRASILE, MUSEO IN LIMA, ECC..) riscuotendo molti consensi e gli stessi artisti sono stati molto attenzionati . Non solo, sempre a Giugno del 2017 hanno partecipato ad un’altra collettiva al Macro. Altre mostre sono seguite in altre Regioni. Di recente, novembre del 2018, all’interno della mostra di ESCHER in Catanzaro è stata voluta un’opera di Francesco Guerrieri, riconoscendone una similitudine. Altre iniziative sono in cantiere. Non solo, l’archivio è oggetto di studio di giovani laureandi e di studiosi di quel periodo.
    ERGO, non è PROMOZIONE questa? Ma a pensarci bene gli artisti si presentano e si promuovono da soli ,sono solo una modesta pedina.
    Punto 2) PREZZI FOLLI.
    La Galleria 10 AM ha fornito delle informazioni non veritiere. Mi viene da pensare che quando la volpe non arriva all’uva dice di essere acerba. Oppure penserei allo specchio delle allodole!! Un’altra bella metafora.
    Innanzitutto le opere di interesse storico in mio possesso non sono poche, come si evince dai numerosi cataloghi e dai siti internet che ricostruiscono l’archivio degli artisti. Quanto ai prezzi definiti da loro folli, mi preme precisare che l’intenzione di suddetta galleria era quella di livellare i prezzi delle opere di Francesco e Lia alla stregua degli artisti già da loro rappresentati e di minore interesse storico, al fine di averne un tornaconto economico, immagino.
    Ecco il motivo per il quale non ho ceduto alle lusinghe di questa galleria . Sarà la storia e spero anche il mercato a dare il giusto riconoscimento a questi due grandi artisti. E voi alla STORIA che prezzo dareste? IO DO IL PREZZO GIUSTO. NON AMO SPECULARE.
    Ci tenevo a questo mio intervento nel forum non solo per spiegare le mie ragioni quanto a tutelare collezionisti ed interessati al lavoro di Francesco e Lia.

    PS. Vi consiglio di visionare PER MAGGIORI INFORMAZIONI i siti :: Francesco Guerrieri - Pittore :: Lia Drei
    Facebook : Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Istagram: #francescoguerrieri #liadrei

  3. #13

    Data Registrazione
    Apr 2016
    Messaggi
    3
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    4 Post(s)
    Potenza rep
    0

    Informazioni su francesco guerrieri e lia drei

    Buonasera, signor AVVOC, mi chiamo Concetta Guerrieri e sono la proprietaria del patrimonio artistico nonché dell'Archivio storico dei maestri Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Conoscevo già questo interessante forum e la pregiatissima recensione, nonché la pubblicità fatta sugli artisti in questione , da parte del gallerista (come pochi, colto, raffinato e serio) di Vico Gallery in Verbania (purtroppo chiusa) il quale con grande interesse e preparazione storico culturale, promuoveva ed organizzava la mostra nel 2012 (se non ricordo male). Volevo, altresì ringraziare i partecipanti presenti in questa chat che conoscono gli artisti, la loro storia e ne apprezzano le loro opere ed il loro profondo significato.
    Mi preme, però, fare dei necessari chiarimenti, e di dare qualche informazione, magari ignorata, anche per difendere la mia immagine, la mia dignità, la mia etica ed il mio profondo amore e rispetto verso i miei compianti consanguinei. Bypassare informazioni sbagliate potrebbe essere diffamante. Quando sento odore di cattiveria celata e supponenza, devo esprimere quello che penso comunicandolo direttamente e presentandomi con nome e cognome. Rimango comunque aperta al contradditorio.
    Cominciamo a smontare l’assunto: PROMOZIONE, PREZZI FOLLI, INCAPACITA’ AD ORGANIZZARE.
    Punto 1) Intanto, ci terrei a sottolineare che post mortem di Francesco Guerrieri avvenuta il 24 agosto 2015, mi sono nella immediatezza attivata, pur non incontrando, tante difficoltà, perché Francesco e Lia, hanno già la strada aperta e non hanno bisogno di rivalutazione storiche, perché sono già ampiamente storicizzati, hanno solo bisogno di un mercato che confermi il loro valore storico ed il coefficiente maturato nel tempo e di galleristi preparati che siano in grado di promuoverli, riconoscendo il loro legittimo coefficiente storico come è già stato fatto in passato da qualche galleria, e che non si risolvano in una bolla speculativa finendo nel dimenticatoio. Questo per continuare a mantenerli nel tempo. Beninteso, sempre se esiste il vero mercato , ho seri dubbi al riguardo. La cultura è di elite e la devi promuovere con i tuoi soldi!! Ricordo agli interessati, che, questi due straordinari artisti negli anni 60/70 vendettero, senza nessuna imposizione, moltissime opere e la loro galleria era quella celebre di Fumagalli di Bergamo. Successe però che, sul finire degli anni 70, quando il Mercato cominciava ad orientarsi verso la speculazione, i “due veri artisti” disgustati da questo andazzo decisero di ritirarsi dalla scena artistica e vivere l’arte in maniera più riservata, incrementando la loro antologia di opere suddivise per periodi. Quello di uscire di scena è stato il loro errore o forse no, non lo so ancora!! Verso la fine degli anni 90 cominciarono di nuovo ad essere contattati da storici e critici per rientrare in scena. Solo agli inizi del 2000 Francesco e Lia cominciarono ad accogliere gli inviti e valutare, la possibilità di organizzare nuovi eventi e di rispondere a qualche galleria importante che li promuovesse nuovamente. Organizzammo uno staff e cosi avvenne. La Galleria che ebbe l’incarico ha avuto il merito di centrifugarli di nuovo nel mercato organizzando bellissime mostre con successo di critica e di visitatori.
    Nel novembre del 2016 fino al Gennaio 2017, il MUSEO MACRO DI ROMA di Via Nizza ha organizzato una bellissima mostra fortemente voluta anche dalla allora Sovrintendente ai Beni Culturali Federica Pirani. La mostra è stata curata dallo storico Gabriele Simongini , con la mia collaborazione e con la partecipazione di Luigi Paolo Finizio. La mostra personale dal titolo “La regola e l’emozione 1963 – 1973” ebbe un successo di critica e di visitatori. Le foto della mostra sono consultabili sulla pagina pubblica di Facebook Francesco Guerrieri e Lia Drei unitamente al video del TG3, buone recensioni sono seguite su testate giornalistiche, in primis La Repubblica, mentre un articolo dell’agosto 2015 del SOLE24orePLUS li annovera tra gli artisti in crescita sul mercato. Nelle more della mostra, precisamente dal 2015 al 2017, Francesco e Lia hanno partecipato a due importantissime collettive degli artisti anni 60: PERCEZIONE E ILLUSIONE E OCCHIO MOBILE. Le mostre sono state inaugurate in Zagabria ed hanno girato tutta l’America Latina ( MUSEO MACBA Buenos Aires, ISTITUTO CULTURALE SAN PUOLO IN BRASILE, MUSEO IN LIMA, ECC..) riscuotendo molti consensi e gli stessi artisti sono stati molto attenzionati . Non solo, sempre a Giugno del 2017 hanno partecipato ad un’altra collettiva al Macro. Altre mostre sono seguite in altre Regioni. Di recente, novembre del 2018, all’interno della mostra di ESCHER in Catanzaro è stata voluta un’opera di Francesco Guerrieri, riconoscendone una similitudine. Altre iniziative sono in cantiere. Non solo, l’archivio è oggetto di studio di giovani laureandi e di studiosi di quel periodo.
    ERGO, non è PROMOZIONE questa? Ma a pensarci bene gli artisti si presentano e si promuovono da soli ,sono solo una modesta pedina.
    Punto 2) PREZZI FOLLI.
    La Galleria 10 AM ha fornito delle informazioni non veritiere. Mi viene da pensare che quando la volpe non arriva all’uva dice di essere acerba. Oppure penserei allo specchio delle allodole!! Un’altra bella metafora.
    Innanzitutto le opere di interesse storico in mio possesso non sono poche, come si evince dai numerosi cataloghi e dai siti internet che ricostruiscono l’archivio degli artisti. Quanto ai prezzi definiti da loro folli, mi preme precisare che l’intenzione di suddetta galleria era quella di livellare i prezzi delle opere di Francesco e Lia alla stregua degli artisti già da loro rappresentati e di minore interesse storico, al fine di averne un tornaconto economico, immagino.
    Ecco il motivo per il quale non ho ceduto alle lusinghe di questa galleria . Sarà la storia e spero anche il mercato a dare il giusto riconoscimento a questi due grandi artisti. E voi alla STORIA che prezzo dareste? IO DO IL PREZZO GIUSTO. NON AMO SPECULARE.
    Ci tenevo a questo mio intervento nel forum non solo per spiegare le mie ragioni quanto a tutelare collezionisti ed interessati al lavoro di Francesco e Lia.

    PS. Vi consiglio di visionare PER MAGGIORI INFORMAZIONI i siti :: Francesco Guerrieri - Pittore :: Lia Drei
    Facebook : Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Istagram: #francescoguerrieri #liadrei

  4. #14
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    3,079
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    1252 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Sciura Concetta, però la prossima volta si faccia aiutare da sua nipote a usare l'internet, per non postare la stessa cosa tre volte...

  5. #15
    L'avatar di Alessandro Celli
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    26,698
    Mentioned
    140 Post(s)
    Quoted
    5323 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da Concetta14 Visualizza Messaggio
    La Galleria 10 AM ha fornito delle informazioni non veritiere. Mi viene da pensare che quando la volpe non arriva all’uva dice di essere acerba. Oppure penserei allo specchio delle allodole!! Un’altra bella metafora.
    Innanzitutto le opere di interesse storico in mio possesso non sono poche, come si evince dai numerosi cataloghi e dai siti internet che ricostruiscono l’archivio degli artisti. Quanto ai prezzi definiti da loro folli, mi preme precisare che l’intenzione di suddetta galleria era quella di livellare i prezzi delle opere di Francesco e Lia alla stregua degli artisti già da loro rappresentati e di minore interesse storico, al fine di averne un tornaconto economico, immagino.
    Ecco il motivo per il quale non ho ceduto alle lusinghe di questa galleria .
    Sarà la storia e spero anche il mercato a dare il giusto riconoscimento a questi due grandi artisti. E voi alla STORIA che prezzo dareste? IO DO IL PREZZO GIUSTO. NON AMO SPECULARE.
    Ci tenevo a questo mio intervento nel forum non solo per spiegare le mie ragioni quanto a tutelare collezionisti ed interessati al lavoro di Francesco e Lia.
    Grazie Concetta per questo tuo intervento chiarificatorio
    buonaserata.

  6. #16

    Data Registrazione
    Dec 2011
    Messaggi
    535
    Mentioned
    5 Post(s)
    Quoted
    173 Post(s)
    Potenza rep
    4826783
    Citazione Originariamente Scritto da Concetta14 Visualizza Messaggio
    Buonasera, signor POZZI55, mi chiamo Concetta Guerrieri e sono la proprietaria del patrimonio artistico nonché dell'Archivio storico dei maestri Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Conoscevo già questo interessante forum e la pregiatissima recensione, nonché la pubblicità fatta sugli artisti in questione , da parte del gallerista (come pochi, colto, raffinato e serio) di Vico Gallery in Verbania (purtroppo chiusa) il quale con grande interesse e preparazione storico culturale, promuoveva ed organizzava la mostra nel 2012 (se non ricordo male). Volevo, altresì ringraziare i partecipanti presenti in questa chat che conoscono gli artisti, la loro storia e ne apprezzano le loro opere ed il loro profondo significato.
    Mi preme, però, fare dei necessari chiarimenti, e di dare qualche informazione, magari ignorata, anche per difendere la mia immagine, la mia dignità, la mia etica ed il mio profondo amore e rispetto verso i miei compianti consanguinei. Bypassare informazioni sbagliate potrebbe essere diffamante. Quando sento odore di cattiveria celata e supponenza, devo esprimere quello che penso comunicandolo direttamente e presentandomi con nome e cognome. Rimango comunque aperta al contradditorio.
    Cominciamo a smontare l’assunto: PROMOZIONE, PREZZI FOLLI, INCAPACITA’ AD ORGANIZZARE.
    Punto 1) Intanto, ci terrei a sottolineare che post mortem di Francesco Guerrieri avvenuta il 24 agosto 2015, mi sono nella immediatezza attivata, pur non incontrando, tante difficoltà, perché Francesco e Lia, hanno già la strada aperta e non hanno bisogno di rivalutazione storiche, perché sono già ampiamente storicizzati, hanno solo bisogno di un mercato che confermi il loro valore storico ed il coefficiente maturato nel tempo e di galleristi preparati che siano in grado di promuoverli, riconoscendo il loro legittimo coefficiente storico come è già stato fatto in passato da qualche galleria, e che non si risolvano in una bolla speculativa finendo nel dimenticatoio. Questo per continuare a mantenerli nel tempo. Beninteso, sempre se esiste il vero mercato , ho seri dubbi al riguardo. La cultura è di elite e la devi promuovere con i tuoi soldi!! Ricordo agli interessati, che, questi due straordinari artisti negli anni 60/70 vendettero, senza nessuna imposizione, moltissime opere e la loro galleria era quella celebre di Fumagalli di Bergamo. Successe però che, sul finire degli anni 70, quando il Mercato cominciava ad orientarsi verso la speculazione, i “due veri artisti” disgustati da questo andazzo decisero di ritirarsi dalla scena artistica e vivere l’arte in maniera più riservata, incrementando la loro antologia di opere suddivise per periodi. Quello di uscire di scena è stato il loro errore o forse no, non lo so ancora!! Verso la fine degli anni 90 cominciarono di nuovo ad essere contattati da storici e critici per rientrare in scena. Solo agli inizi del 2000 Francesco e Lia cominciarono ad accogliere gli inviti e valutare, la possibilità di organizzare nuovi eventi e di rispondere a qualche galleria importante che li promuovesse nuovamente. Organizzammo uno staff e cosi avvenne. La Galleria che ebbe l’incarico ha avuto il merito di centrifugarli di nuovo nel mercato organizzando bellissime mostre con successo di critica e di visitatori.
    Nel novembre del 2016 fino al Gennaio 2017, il MUSEO MACRO DI ROMA di Via Nizza ha organizzato una bellissima mostra fortemente voluta anche dalla allora Sovrintendente ai Beni Culturali Federica Pirani. La mostra è stata curata dallo storico Gabriele Simongini , con la mia collaborazione e con la partecipazione di Luigi Paolo Finizio. La mostra personale dal titolo “La regola e l’emozione 1963 – 1973” ebbe un successo di critica e di visitatori. Le foto della mostra sono consultabili sulla pagina pubblica di Facebook Francesco Guerrieri e Lia Drei unitamente al video del TG3, buone recensioni sono seguite su testate giornalistiche, in primis La Repubblica, mentre un articolo dell’agosto 2015 del SOLE24orePLUS li annovera tra gli artisti in crescita sul mercato. Nelle more della mostra, precisamente dal 2015 al 2017, Francesco e Lia hanno partecipato a due importantissime collettive degli artisti anni 60: PERCEZIONE E ILLUSIONE E OCCHIO MOBILE. Le mostre sono state inaugurate in Zagabria ed hanno girato tutta l’America Latina ( MUSEO MACBA Buenos Aires, ISTITUTO CULTURALE SAN PUOLO IN BRASILE, MUSEO IN LIMA, ECC..) riscuotendo molti consensi e gli stessi artisti sono stati molto attenzionati . Non solo, sempre a Giugno del 2017 hanno partecipato ad un’altra collettiva al Macro. Altre mostre sono seguite in altre Regioni. Di recente, novembre del 2018, all’interno della mostra di ESCHER in Catanzaro è stata voluta un’opera di Francesco Guerrieri, riconoscendone una similitudine. Altre iniziative sono in cantiere. Non solo, l’archivio è oggetto di studio di giovani laureandi e di studiosi di quel periodo.
    ERGO, non è PROMOZIONE questa? Ma a pensarci bene gli artisti si presentano e si promuovono da soli ,sono solo una modesta pedina.
    Punto 2) PREZZI FOLLI.
    La Galleria 10 AM ha fornito delle informazioni non veritiere. Mi viene da pensare che quando la volpe non arriva all’uva dice di essere acerba. Oppure penserei allo specchio delle allodole!! Un’altra bella metafora.
    Innanzitutto le opere di interesse storico in mio possesso non sono poche, come si evince dai numerosi cataloghi e dai siti internet che ricostruiscono l’archivio degli artisti. Quanto ai prezzi definiti da loro folli, mi preme precisare che l’intenzione di suddetta galleria era quella di livellare i prezzi delle opere di Francesco e Lia alla stregua degli artisti già da loro rappresentati e di minore interesse storico, al fine di averne un tornaconto economico, immagino.
    Ecco il motivo per il quale non ho ceduto alle lusinghe di questa galleria . Sarà la storia e spero anche il mercato a dare il giusto riconoscimento a questi due grandi artisti. E voi alla STORIA che prezzo dareste? IO DO IL PREZZO GIUSTO. NON AMO SPECULARE.
    Ci tenevo a questo mio intervento nel forum non solo per spiegare le mie ragioni quanto a tutelare collezionisti ed interessati al lavoro di Francesco e Lia.

    PS. Vi consiglio di visionare PER MAGGIORI INFORMAZIONI i siti :: Francesco Guerrieri - Pittore :: Lia Drei
    Facebook : Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Istagram: #francescoguerrieri #liadrei
    La ringrazio anch’io per il suo messaggio
    Le posso comunque dire che la galleria di cui si sta parlando nonostante abbia parlato a me di poche opere e di prezzi alti (possibile l’abbia fatto anche solo per “depistare” possibili interessi da parte di altri operatori del settore) ha sempre parlato bene dei due artisti riconoscendo l’importanza storico artistica

  7. #17
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    3,526
    Mentioned
    24 Post(s)
    Quoted
    1043 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da blackcity Visualizza Messaggio
    Sciura Concetta, però la prossima volta si faccia aiutare da sua nipote a usare l'internet, per non postare la stessa cosa tre volte...
    Ue non fare il cyberbullo con la Sig. Concetta! eh

  8. #18
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    3,526
    Mentioned
    24 Post(s)
    Quoted
    1043 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da Concetta14 Visualizza Messaggio
    Buonasera, signor AVVOC, mi chiamo Concetta Guerrieri e sono la proprietaria del patrimonio artistico nonché dell'Archivio storico dei maestri Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Conoscevo già questo interessante forum e la pregiatissima recensione, nonché la pubblicità fatta sugli artisti in questione , da parte del gallerista (come pochi, colto, raffinato e serio) di Vico Gallery in Verbania (purtroppo chiusa) il quale con grande interesse e preparazione storico culturale, promuoveva ed organizzava la mostra nel 2012 (se non ricordo male). Volevo, altresì ringraziare i partecipanti presenti in questa chat che conoscono gli artisti, la loro storia e ne apprezzano le loro opere ed il loro profondo significato.
    Mi preme, però, fare dei necessari chiarimenti, e di dare qualche informazione, magari ignorata, anche per difendere la mia immagine, la mia dignità, la mia etica ed il mio profondo amore e rispetto verso i miei compianti consanguinei. Bypassare informazioni sbagliate potrebbe essere diffamante. Quando sento odore di cattiveria celata e supponenza, devo esprimere quello che penso comunicandolo direttamente e presentandomi con nome e cognome. Rimango comunque aperta al contradditorio.
    Cominciamo a smontare l’assunto: PROMOZIONE, PREZZI FOLLI, INCAPACITA’ AD ORGANIZZARE.
    Punto 1) Intanto, ci terrei a sottolineare che post mortem di Francesco Guerrieri avvenuta il 24 agosto 2015, mi sono nella immediatezza attivata, pur non incontrando, tante difficoltà, perché Francesco e Lia, hanno già la strada aperta e non hanno bisogno di rivalutazione storiche, perché sono già ampiamente storicizzati, hanno solo bisogno di un mercato che confermi il loro valore storico ed il coefficiente maturato nel tempo e di galleristi preparati che siano in grado di promuoverli, riconoscendo il loro legittimo coefficiente storico come è già stato fatto in passato da qualche galleria, e che non si risolvano in una bolla speculativa finendo nel dimenticatoio. Questo per continuare a mantenerli nel tempo. Beninteso, sempre se esiste il vero mercato , ho seri dubbi al riguardo. La cultura è di elite e la devi promuovere con i tuoi soldi!! Ricordo agli interessati, che, questi due straordinari artisti negli anni 60/70 vendettero, senza nessuna imposizione, moltissime opere e la loro galleria era quella celebre di Fumagalli di Bergamo. Successe però che, sul finire degli anni 70, quando il Mercato cominciava ad orientarsi verso la speculazione, i “due veri artisti” disgustati da questo andazzo decisero di ritirarsi dalla scena artistica e vivere l’arte in maniera più riservata, incrementando la loro antologia di opere suddivise per periodi. Quello di uscire di scena è stato il loro errore o forse no, non lo so ancora!! Verso la fine degli anni 90 cominciarono di nuovo ad essere contattati da storici e critici per rientrare in scena. Solo agli inizi del 2000 Francesco e Lia cominciarono ad accogliere gli inviti e valutare, la possibilità di organizzare nuovi eventi e di rispondere a qualche galleria importante che li promuovesse nuovamente. Organizzammo uno staff e cosi avvenne. La Galleria che ebbe l’incarico ha avuto il merito di centrifugarli di nuovo nel mercato organizzando bellissime mostre con successo di critica e di visitatori.
    Nel novembre del 2016 fino al Gennaio 2017, il MUSEO MACRO DI ROMA di Via Nizza ha organizzato una bellissima mostra fortemente voluta anche dalla allora Sovrintendente ai Beni Culturali Federica Pirani. La mostra è stata curata dallo storico Gabriele Simongini , con la mia collaborazione e con la partecipazione di Luigi Paolo Finizio. La mostra personale dal titolo “La regola e l’emozione 1963 – 1973” ebbe un successo di critica e di visitatori. Le foto della mostra sono consultabili sulla pagina pubblica di Facebook Francesco Guerrieri e Lia Drei unitamente al video del TG3, buone recensioni sono seguite su testate giornalistiche, in primis La Repubblica, mentre un articolo dell’agosto 2015 del SOLE24orePLUS li annovera tra gli artisti in crescita sul mercato. Nelle more della mostra, precisamente dal 2015 al 2017, Francesco e Lia hanno partecipato a due importantissime collettive degli artisti anni 60: PERCEZIONE E ILLUSIONE E OCCHIO MOBILE. Le mostre sono state inaugurate in Zagabria ed hanno girato tutta l’America Latina ( MUSEO MACBA Buenos Aires, ISTITUTO CULTURALE SAN PUOLO IN BRASILE, MUSEO IN LIMA, ECC..) riscuotendo molti consensi e gli stessi artisti sono stati molto attenzionati . Non solo, sempre a Giugno del 2017 hanno partecipato ad un’altra collettiva al Macro. Altre mostre sono seguite in altre Regioni. Di recente, novembre del 2018, all’interno della mostra di ESCHER in Catanzaro è stata voluta un’opera di Francesco Guerrieri, riconoscendone una similitudine. Altre iniziative sono in cantiere. Non solo, l’archivio è oggetto di studio di giovani laureandi e di studiosi di quel periodo.
    ERGO, non è PROMOZIONE questa? Ma a pensarci bene gli artisti si presentano e si promuovono da soli ,sono solo una modesta pedina.
    Punto 2) PREZZI FOLLI.
    La Galleria 10 AM ha fornito delle informazioni non veritiere. Mi viene da pensare che quando la volpe non arriva all’uva dice di essere acerba. Oppure penserei allo specchio delle allodole!! Un’altra bella metafora.
    Innanzitutto le opere di interesse storico in mio possesso non sono poche, come si evince dai numerosi cataloghi e dai siti internet che ricostruiscono l’archivio degli artisti. Quanto ai prezzi definiti da loro folli, mi preme precisare che l’intenzione di suddetta galleria era quella di livellare i prezzi delle opere di Francesco e Lia alla stregua degli artisti già da loro rappresentati e di minore interesse storico, al fine di averne un tornaconto economico, immagino.
    Ecco il motivo per il quale non ho ceduto alle lusinghe di questa galleria . Sarà la storia e spero anche il mercato a dare il giusto riconoscimento a questi due grandi artisti. E voi alla STORIA che prezzo dareste? IO DO IL PREZZO GIUSTO. NON AMO SPECULARE.
    Ci tenevo a questo mio intervento nel forum non solo per spiegare le mie ragioni quanto a tutelare collezionisti ed interessati al lavoro di Francesco e Lia.

    PS. Vi consiglio di visionare PER MAGGIORI INFORMAZIONI i siti :: Francesco Guerrieri - Pittore :: Lia Drei
    Facebook : Francesco Guerrieri e Lia Drei.
    Istagram: #francescoguerrieri #liadrei
    grazie!!

  9. #19
    L'avatar di blackcity
    Data Registrazione
    Oct 2014
    Messaggi
    3,079
    Mentioned
    59 Post(s)
    Quoted
    1252 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da dvdnavas Visualizza Messaggio
    Ue non fare il cyberbullo con la Sig. Concetta! eh
    Bullizzo il tuo zaino stasera in China 你好

  10. #20
    L'avatar di dvdnavas
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Messaggi
    3,526
    Mentioned
    24 Post(s)
    Quoted
    1043 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Allora lo metto in guardaroba

Accedi