Eurozona, Dietrofront degli emittenti obbligazionari dopo il ciclone Deutsche Bank
    In concomitanza con la chiusura di 200 filiali Deutsche Bank (un quarto di quelle possedute in Germania) e con l'annuncio del piano di riduzione di costi da un miliardo di euro attraverso 9mila licenziamenti di Commerzbank, ovvero nel...
Yahoo scrive ai propri utenti: ecco come difendere il proprio account
Dopo lunghe giornate di smentite, mezze notizie e dichiarazioni tentennanti Yahoo ha confermato ufficialmente il furto da 500 milioni fatto di dati raccolti addirittura alla fine del 2014 dei propri account. E lo ha fatto contattando direttamente i p...
Petrolio: accordo a sorpresa dell'Opec per tagliare la produzione. Prezzo verso i 50 dollari?
Colpo di scena in Algeria. I Paesi membri dell'Opec (Organization of the Petroleum Exporting Countries) hanno raggiunto ieri sera un accordo per ridurre la produzione di petrolio al fine di sostenere i prezzi del greggio. Al termine di una lunga riun...
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
123 Ultima

  1. #1

    Data Registrazione
    Nov 2002
    Messaggi
    1,501
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    15 Post(s)
    Potenza rep
    42949686

    Vendita di auto ricevuta in eredità

    Qualcuno sa quali sono i passaggi da effettuare nel caso di vendita di un'auto ricevuta in eredità?

    Preciso che non sono trascorsi ancora 60 giorni dal decesso del proprietario e gli eredi non hanno effettuato alcun passaggio di proprietà a loro favore.

    Grazie

  2. Stanco della Pubblicità? Registrati

  3. #2
    L'avatar di FaGal
    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    21,552
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Ereditare un veicolo

    Se avete deciso di accettare un veicolo in eredità, dovete provvedere a trascrivere l'accettazione di eredità e ad aggiornare la carta di circolazione.

    Il termine per la presentazione, per non incorrere in sanzioni, è di 60 giorni dalla data dell'autentica della firma sulla dichiarazione di accettazione dell'eredità.

    In caso di più eredi, se solo uno di essi desidera intestarsi il veicolo, è necessario effettuare due successivi passaggi: prima si iscrive il mezzo a nome di tutti gli eredi e poi si trascrive a favore dell'unico erede che intende risultare intestatario del veicolo.

    E' peraltro possibile allegare un unico atto di accettazione di eredità da parte di tutti gli eredi con contestuale vendita pro quota a favore dell'erede che chiede l'intestazione del veicolo.

    Come fare
    segue sotto

  4. #3
    L'avatar di FaGal
    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    21,552
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Ereditare un veicolo

    La pratica va presentata presso uno degli Sportelli Telematici dell'Automobilista (STA).
    Ecco cosa fare.

    I documenti necessari
    Il Certificato di Proprietà (CdP) del veicolo;


    La fotocopia della carta di circolazione del veicolo;


    La fotocopia di un documento di identità/riconoscimento dell'erede;


    Il certificato di residenza dell'erede o dichiarazione sostitutiva di certificazione, qualora la residenza non sia riportata sul documento presentato;


    La dichiarazione di accettazione di eredità, nella forma di scrittura privata con firma dell'erede autenticata dal notaio in duplice originale in bollo;


    Copia autentica del testamento, se la successione risulta da questo;


    Il certificato di morte in carta semplice oppure la dichiarazione sostitutiva di certificazione se si tratta di discendente, ascendente o coniuge dell'erede;


    La nota di presentazione al PRA (il modello si trova in distribuzione gratuita presso gli Sportelli Telematici dell'Automobilista);


    Il modello di richiesta di aggiornamento della carta di circolazione (anche questo modulo è distribuito gratuitamente presso gli Sportelli Telematici dell'Automobilista).

    ATTENZIONE:

    Se la pratica non è presentata direttamente dall'interessato ma da un privato incaricato, occorre allegare al documento di identità/riconoscimento dell'erede anche la delega in carta semplice di quest'ultimo a favore della persona che presenta la pratica.

    Se l'erede è un cittadino extracomunitario residente in Italia, occorre presentare oltre al certificato di residenza od alla dichiarazione sostitutiva di certificazione anche copia del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno in corso di validità.

    Infine, se l'erede è un cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'A.I.R.E., occorre presentare il certificato di residenza, indicante l'iscrizione all'A.I.R.E. e la circoscrizione consolare di residenza con l'indirizzo all'estero, oppure la dichiarazione sostitutiva di certificazione.

    ---

    Ereditare un veicolo

    Nel caso particolare che:


    ci siano più di due eredi, oppure


    il veicolo sia privo del Certificato di Proprietà (anche se si dispone del Foglio Complementare), oppure


    si voglia presentare contestualmente un'altra pratica o trascrivere l'accettazione di eredità con salto di continuità delle trascrizioni (ai sensi dell'art. 2688 C.C.), oppure


    si voglia trascrivere l'accettazione di eredità con connessa variazione d'uso o delle caratteristiche tecniche del veicolo, oppure


    il veicolo necessiti di un titolo autorizzativo o di collaudo o di un certificato di approvazione (es.: taxi, autocarri trasporti merci conto proprio, ecc.)

    bisogna procedere con le seguenti modalità.

    La pratica per la trascrizione al PRA dell'accettazione di eredità deve essere presentata all'Ufficio Provinciale ACI della provincia in cui risiedeva la persona deceduta.

    I documenti necessari


    Il Foglio Complementare del veicolo o il Certificato di Proprietà, o la denuncia di smarrimento o di furto sporta agli organi di Pubblica Sicurezza (o la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà di aver reso denuncia, indicando data e luogo dove è stata presentata la denuncia);


    La fotocopia di un documento di identità/riconoscimento dell'erede;


    La dichiarazione di accettazione di eredità, nella forma di scrittura privata con firma dell'erede autenticata dal notaio in duplice originale in bollo;


    Copia autentica del testamento, se la successione risulta da questo;


    Il certificato di residenza dell'erede o dichiarazione sostitutiva di certificazione, qualora la residenza non sia riportata sul documento presentato;


    Il certificato di morte in carta semplice oppure la dichiarazione sostitutiva di certificazione se si tratta di discendente, ascendente o coniuge dell'erede;


    La nota di presentazione PRA (il modello si trova in distribuzione gratuita presso gli sportelli Telematici dell'Automobilista);

    ATTENZIONE:

    Se l'erede è un cittadino extracomunitario residente in Italia, occorre presentare oltre al certificato di residenza od alla dichiarazione sostitutiva di certificazione anche copia del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno in corso di validità.

    Infine, se l'erede è un cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'A.I.R.E., occorre presentare il certificato di residenza, indicante l'iscrizione all'A.I.R.E. e la circoscrizione consolare di residenza con l'indirizzo all'estero, oppure la dichiarazione sostitutiva di certificazione.

    Le pratiche alla Motorizzazione Civile (ora Dipartimento dei Trasporti Terrestri)
    Oltre alla trascrizione dell'accettazione di eredità al P.R.A., come previsto dall'art. 94 del Codice della Strada, l'erede è tenuto a richiedere (sempre entro i citati 60 giorni dalla data dell'atto) ad un Ufficio della Motorizzazione Civile l'aggiornamento della carta di circolazione del veicolo.

    http://www.aci.it/wps/portal/_s.155/...editareveicolo

  5. #4

    Data Registrazione
    Nov 2002
    Messaggi
    1,501
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    15 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Grazie Fabio della cortese risposta.

    Ma, avendo già trovato un acquirente, devo fare obbligatoriamente tutti i passsaggi che hai descritto prima di vendergli l'auto? Cioè non possiamo fare tutto dal notaio nell'atto in cui gli vendo il veicolo?

    Inoltre l'acquirente, per risparmiare, vorrebbe evitare di recarsi in una agenzia di pratiche auto. Dunque, in tal caso, so che dobbiamo recarci prima dal notaio per la compravendita e poi l'acquirende deve recarsi al PRA per le pratiche del caso.

    Ebbene, come posso fare per tutelermi? Cioè chi mi dice che poi l'acquirente adempia ai suoi obblighi col PRA?

    Insomma come posso fare per non rischiare di vedermi recapitare multe o altro nel caso di una mancata registrazione?

    Lo chiedo perchè chi compra ha 60 giorni di tempo per recarsi al PRA dopo che è divenuto proprietario del veicolo e, appunto, dopo avergli venduto l'auto non posso certo dirgli:"guarda che non mi fido, chi mi dice se vai o no al PRA?"

    E temo che se l'acquirente non adempie a tali obblighi e avendo già il veicolo intestato, come farà il venditore a tutelarsi?

    Grazie

  6. #5
    L'avatar di FaGal
    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    21,552
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Notaio dovrà comunque fare la successione del veicolo ,non è che la eviti

    per il resto
    http://www.aci.it/wps/portal/_s.155/...a#trascrizione

  7. #6
    L'avatar di sentex
    Data Registrazione
    Oct 2001
    Messaggi
    2,101
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    41156035
    Attenzione.

    Puoi effettuare la vendita invocando l'art.2688 del C.C., molti Notai lo utilizzano.

    Senza fare la trafila dell'accettazione, successione ecc., uno degli eredi o chi per esso si presenta dal Notaio e sottoscrive l'atto di vendita a favore del nuovo acquirente dichiarandosi proprietario ma non intestatario del veicolo.
    Ha il costo di un normale atto di vendita per quanto riguarda le spese notarili, paga pero', se non erro, una doppia tassa di trascrizione al PRA.
    In definitiva guadagni tempo e nel totale penso anche risparmi.

  8. #7
    L'avatar di FaGal
    Data Registrazione
    Jul 2002
    Messaggi
    21,552
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    0
    E' vero ma occorre il consenso di tutti gli eredi

  9. #8

    Data Registrazione
    Nov 2002
    Messaggi
    1,501
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    15 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Si, mi hanno detto all'agenzia che si può usufruire di quanto previsto all'articolo 2688 del codice civile pagando 150 euro per la doppia IPT (imposta provinciale di trascrizione) - ma i 150 euro sono tuttai a carico del venditore?

    Penso comunque che, per evitare eventuali problemi futuri (multe ecc) in caso di mancata iscrizione al PRA da parte dell'acquirente e per semplificare la pratica, penso appunto di servirmi dell'agenzia assumendomi i costi ad essa imputabili e che l'acquirente vorrebbe evitare.

    Così chiudo la faccenda e sto tranquillo.

    Grazie, siete davvero gentili.

    Saluti

  10. #9
    L'avatar di sentex
    Data Registrazione
    Oct 2001
    Messaggi
    2,101
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    41156035
    Generalmente le spese dell'atto notarile e la trascrizione al PRA nonchè le spese di agenzia pratiche auto sono a carico dell'acquirente, salvo comunque diversi accordi fra le parti.
    Magari potresti accollarti le sole spese dovute alla doppia imposta.
    Hai fatto bene appoggiarti ad una agenzia e magari con un minimo di interesse fatti comunicare quando la pratica sarà conclusa definitivamente a favore del tuo acquirente.

  11. #10

    Data Registrazione
    Nov 2002
    Messaggi
    1,501
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    15 Post(s)
    Potenza rep
    42949686
    Citazione Originariamente Scritto da sentex
    Generalmente le spese dell'atto notarile e la trascrizione al PRA nonchè le spese di agenzia pratiche auto sono a carico dell'acquirente, salvo comunque diversi accordi fra le parti.
    Magari potresti accollarti le sole spese dovute alla doppia imposta.
    Hai fatto bene appoggiarti ad una agenzia e magari con un minimo di interesse fatti comunicare quando la pratica sarà conclusa definitivamente a favore del tuo acquirente.
    Si, le pratiche auto sono a carico dell'acquirente ma, se dopo essere stati dal notaio ed avergli intestato l'auto, lui (l'acquirente) non si reca al PRA per gli adempimenti di legge, io non posso verificarlo subito (ciò, appunto, se l'acquirente, per risparmiare, desidera non servirsi di una agenzia).

    L'acquirente, infatti, ha 60 giorni di tempo dalla compravendita per provvedere in tal senso. Il venditore può, trascorsi appunto 60 giorni, verificare l'avvenuta registrazione al PRA e ciò accedendo ai dati anche online.

    Se il venditore constata la non avvenuta trascrizione (obbligatoria per legge per l'acquirente - art 94 del codice della strada) può ovviamente sollecitare l'acquirente ad adempiere. E il mancato adempiento implica anche sanzioni pecunarie a carico, appunto, del nuovo proprietario.

    Pertanto la mancata registrazione al PRA non implica responsabilità per il venditore ma, certamente, lo espone a rischi di eventuali disagi rappresentati dal dover dimostrare, nel caso gli pervengano multe o quant'altro, che egli non è più proprietario del veicolo, come invece ancora risulterebbe dal PRA se il nuovo prorpietario non ha effettuato la nuova registrazione.

    Ecco perchè, nel mio caso, preferisco accollarmi le spese di agenzia pur di evitare eventuali, e ben più noiosi, disagi.

    Saluti

Accedi