trasferimento denaro da estero
Germania snobba protesta Ryanair, vuole campione nazionale dei cieli. Lufthansa punta a 90 aerei di Air Berlin
Lufthansa va avanti per la sua strada, snobbando le aspre critiche arrivate sul dossier Air Berlin da parte di Ryanair, e non solo. Obiettivo: rilevare fino a 90 aerei Air …
Banco Bpm: focus sul partner nelle assicurazioni, chi potrebbe essere e i possibili risvolti sul capitale
Passi avanti nella ricerca del partner assicurativo per Banco Bpm. Cinque gli interessanti che stanno valutando di rilevare le quote di Unipol e Aviva nella jv della bancassurance. Le offerte …
Caos politico su Trump spinge verso Bund e oro, c’è chi paventa rischio di un lunedì nero
Acquisti sui beni rifugio con gli investitori che temono un blackout dell'agenda Trump dopo gli ultimi problemi politici
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #1

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    287
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    5887502

    trasferimento denaro da estero

    Buongiorno,
    vorrei sottoporre una domanda agli esperti del forum
    io e mia moglie (cittadina russa residente in Italia) dovremmo comprare un immobile
    ora, la famiglai di mia moglie (il padre) le donerebbe circa 200.000 euro, che dovrebbe portar in italia per l'acquisto.
    La domanda che ci poniamo è: quali sono i giusti (e legali) passaggi per trasferire questo denaro, senza dovere pagare tasse etc?

    grazie per la collaborazione

  2. #2

    Data Registrazione
    Feb 2003
    Messaggi
    5,345
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Secondo me non dovrebbe esserci nessun problema. Tuo suocero farà un normale bonifico di 200.000 euro, caso mai con una causale del tipo "Donazione da Tizio alla figlia Caia per acquisto di immobile". Se imposte dovessero esserci, sarebbero a carico del donante, quindi il problema lo affronterebbe tuo suocero. Tua moglie l'anno prossimo dovrà compilare la sezione III del quadro RW con i dati di questo bonifico in entrata.

    Probabilmente riceverete una richiesta di chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate. Ma nulla di strano o di preoccupante.

    ms

  3. #3

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    287
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    5887502
    Citazione Originariamente Scritto da Massimo S. Visualizza Messaggio
    Secondo me non dovrebbe esserci nessun problema. Tuo suocero farà un normale bonifico di 200.000 euro, caso mai con una causale del tipo "Donazione da Tizio alla figlia Caia per acquisto di immobile". Se imposte dovessero esserci, sarebbero a carico del donante, quindi il problema lo affronterebbe tuo suocero. Tua moglie l'anno prossimo dovrà compilare la sezione III del quadro RW con i dati di questo bonifico in entrata.

    Probabilmente riceverete una richiesta di chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate. Ma nulla di strano o di preoccupante.

    ms
    ciao MAssimo,
    innanzitutto grazie per la risposta.
    ho dimenticato un paio di vincoli: per delle norme interne del suo paese, non può fare dei trasferimenti via bonifico a meno che non siano preceduti da una fattura giustificabile in ambito commerciale. Le somme dovrebbero essere portate brevi manu, in 2 o tre tranches passando per la dogana (e facendo, in italia, la dichiarazione essendo superiori a 12.500 euro). Le porterebbe direttamente mio suocero o mio cognato

  4. #4

    Data Registrazione
    Feb 2003
    Messaggi
    5,345
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    Qui davvero non so aiutarti. Non conosco le procedure (né se sia possibile) per importare lecitamente grosse quantità di denaro. Senza considerare poi che per l'antiriciclaggio forse ti farebbero storie anche in banca quando depositerai i soldi.

    Se non abiti molto lontano dal confine, una possibilità sarebbe per tuo suocero aprire un conto in Svizzera e, una volta versato l'intero importo anche in più riprese, bonificarlo interamente in Italia per poi chiudere il conto svizzero.

    ms

  5. #5
    L'avatar di fever7
    Data Registrazione
    Jan 2003
    Messaggi
    21,752
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    436 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    se può potrebbe aprire un cc in un qualsiasi paese della ue...da lì trasferirli in italia senza vincoli...è da capire se come russo può trasferire soldi da un cc russo ad uno mettiamo tedesco, entrmbi intestati a sè stesso, senza dover subire vincoli...bohh

  6. #6

    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    287
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    5887502
    si, effettivamente dovrei forse chiedere ad un avvocato fiscalista

    la mia considerazione è questa: centinaia di stranieri (anche tanti russi) comprano case e ville in italia, e sono sicuro che non pagano tasse (in italia) sui soldi che portano dentro (altrimenti, banalmente, starebbero ben lontani).
    CI sono turisti Russi che arrivano a Rinmini con 100.000 euro in contanti, e li spendono in um pomeriggio negli outlet

    in questo caso, anziche un acquisto diretto, ci sarebbe una donazione, un versamento in banca.
    Rimarrebbe disponbile (per qualsiasi obiezione) la dichiarazione di trasferimento valuta, da parte del padre, alla dogana italiana, che testimonierebbe la lecita provenienza dei soldi

    aniway, grazie a tutti

  7. #7

    Data Registrazione
    Aug 2007
    Messaggi
    3,278
    Mentioned
    4 Post(s)
    Quoted
    163 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da Alabe Visualizza Messaggio
    si, effettivamente dovrei forse chiedere ad un avvocato fiscalista

    la mia considerazione è questa: centinaia di stranieri (anche tanti russi) comprano case e ville in italia, e sono sicuro che non pagano tasse (in italia) sui soldi che portano dentro (altrimenti, banalmente, starebbero ben lontani).
    CI sono turisti Russi che arrivano a Rinmini con 100.000 euro in contanti, e li spendono in um pomeriggio negli outlet

    in questo caso, anziche un acquisto diretto, ci sarebbe una donazione, un versamento in banca.
    Rimarrebbe disponbile (per qualsiasi obiezione) la dichiarazione di trasferimento valuta, da parte del padre, alla dogana italiana, che testimonierebbe la lecita provenienza dei soldi

    aniway, grazie a tutti
    secondo me non c'è nessun problema, uno può entrare in Italia con la cifra che vuole, anche in contanti. L'importante è che la dichiari all'entrata. Se è un cittadino italiano penso che dovrebbe dimostrare come li ha ottenuti questi soldi, ma se è un cittadino straniero non deve dimostrare niente. Possono essere i risparmi di una vita o guadagni di un suo lavoro o qualsiasi altra cosa. E li porta per fare spese, comprare un immobile o quello che vuole. Poi, arrivato in Italia, li dona ad un'altra persona, ma provenendo da un passaggio di dogana legale, non c'è nessun problema.

Accedi