Commodity: Il greggio rischia una correzione più profonda
     La scorsa settimana il greggio ha finalmente infranto la barriera dei 50 dollari al barile, un livello, anche psicologico, che era diventato un punto di riferimento per i trader. In combinazione con le diverse interru...
Zona Euro: ancora segno meno per l'inflazione, giovedì la parola alla Bce
Eurolandia si conferma in deflazione. Per il terzo mese consecutivo l'indice dei prezzi al consumo nei Paesi aderenti la moneta unica si è confermato in territorio negativo mettendo a segno, nella lettura preliminare, un -0,1% annuo, in miglioram...
Visco: bisogna fare di più per la crescita con investimenti e taglio cuneo fiscale
Accelerare su investimenti e riduzione cuneo fiscale per pervenire a una ripresa più rapida e dare ulteriore fiato al mercato del lavoro. E' il messaggio lanciato oggi dal Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, nella sua relazione annuale...
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
Prima 234

  1. #31
    L'avatar di tuareg63
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    3,560
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    74 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Dispositivo dell'art. 1923 Codice Civile

    Fonti → Codice Civile → LIBRO QUARTO - DELLE OBBLIGAZIONI → Titolo III - Dei singoli contratti (Artt. 1470-1986) → Capo XX - Dell'assicurazione

    Le somme dovute dall'assicuratore al contraente o al beneficiario non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare. Sono salve, rispetto ai premi pagati, le disposizioni relative alla revocazione degli atti compiuti in pregiudizio dei creditori [2901; l.f. 6 ss.] e quelle relative alla collazione [737], all'imputazione [747] e alla riduzione delle donazioni [555] (1).

    Note
    (1) La norma ha lo scopo di proteggere i diritti che la polizza assicurativa garantisce al contraente o al beneficiario dalle eventuali pretese dei creditori e degli eredi di questi. Il legislatore infatti stabilisce che le somme dovute dall'assicuratore sono sottratte all'azione esecutiva o cautelare. La legge però considera il caso in cui il contraente, attraverso il pagamento di premi, abbia voluto danneggiare i suoi creditori riducendo il suo patrimonio. In questo caso i creditori possono far valere i propri diritti sulle somme dovute dall'assicuratore, ma solo nei limiti dell'importo dei premi corrisposti per il contratto.

  2. Stanco della Pubblicità? Registrati

  3. #32
    L'avatar di pf.fin
    Data Registrazione
    Sep 2005
    Messaggi
    11,673
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949683
    Citazione Originariamente Scritto da sisimomo Visualizza Messaggio
    più che il capitale che impiego, è la logica: una caso morte a 65 anni, che costa una barca di soldi rispetto al capitale assicurato, quanto è logica?..
    Su questo punto lapensiamo uguale...
    Citazione Originariamente Scritto da pf.fin Visualizza Messaggio
    ...Certo che se io ho un capitale di 100 e faccio un polizza di caso morte con premio pari a 90 e copertura di 1.000 qualche sospetto viene ... ...
    Ma dubito che una compagnia si presti a qualcosa di simile ... insomma mi sembra più un caso accademico ...

    Ma facendo l'avvocato del diavolo... a fronte di un capitale di 100 ed un'età di 70 anni due polizze a con premio unico pari 5 ai nipoti ... che problemi presenterebbe ? (ammesso che una compagnia li stipuli).

    Ciao

  4. #33
    L'avatar di Daniel.z
    Data Registrazione
    Apr 2008
    Messaggi
    3,994
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    6 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    per i più "ricchi" esiste anche una caso morte vita intera

  5. #34
    L'avatar di tuareg63
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    3,560
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    74 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da Daniel.z Visualizza Messaggio
    per i più "ricchi" esiste anche una caso morte vita intera
    esatto

  6. #35
    L'avatar di tuareg63
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    3,560
    Mentioned
    1 Post(s)
    Quoted
    74 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Cassazione Civile II, sentenza 6351 del 23-03-2006

    Successioni e donazioni - Donazioni indirette - Assicurazione sulla vita
    Deve escludersi che il contratto di assicurazione sulla vita in favore dell´erede legittimo o testamentario possa qualificarsi quale donazione indiretta del contraente in favore dei terzi designati. Ed infatti la corresponsione dell´indennità in favore del beneficiario, pur se derivante dal contratto stipulato dal contraente assicurato a favore del terzo designato, non determina un corrispondente depauperamento del patrimonio del contraente assicurato e, pertato, non può ritenersi costituire oggetto di un atto di liberalità ai sensi dell´art. 809 c.c. assoggettabile alle norme sulla riduzione delle donazioni per integrare la quota dovuta ai legittimari. Il solo depauperamento che si verifica nel patrimonio del contraente assicurato è costituito dal versamento dei premi assicurativi da lui eseguito in vita e, pertanto, solo le somme versate a tale titolo possono considerarsi oggetto di liberalità indiretta a favore del terzo designato come beneficiario, con conseguente assoggettabilità all´azione di riduzione proposta dagli eredi legittimi

Accedi