Sud, crollo epocale di consumi, natalità, occupazione, sempre + povertà e emigrazioni
Agenda della prossima settimana: tutti in attesa di notizie da Francoforte
L’appuntamento più importante nella settimana che inizierà il prossimo 23 ottobre è rappresentato dal meeting della Banca Centrale Europea di giovedì. Il mercato si attende un “Lower for longer”, un …
Bankitalia conferma progressi banche su NPL, mentre arrivano rumor Bce
E intanto il numero uno di Banco BPM, afferma che risulta "un po' complicato poter assecondare le richieste di sempre maggior capitale e dall'altra parte le richieste di consolidamento".
Mps, con ok Consob ritorno in Borsa il 23 ottobre. Stime sul titolo e su perdita Mef
Perdita secca del 50% per questi azionisti. Mentre il Tesoro dovrebbe soffrire una minusvalenza teorica del...
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
123 Ultima

  1. #1
    L'avatar di freude
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    31,388
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3523 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    Sud, crollo epocale di consumi, natalità, occupazione, sempre + povertà e emigrazioni

    Natalità ai minimi storici, occupazione ai record minimi della serie storica, record di povertà ed emigrazione. Svimez fotografa questo ed altro in un momento tragico che chiama in causa con numeri che non si prestano alle solite menzogne la politica che negli ultimi anni è stata passiva e autorefernziale di fronte a un paese che stava andando a picco.

    Secondo Svimez le condizioni sono paragonabili a un dopoguerra, ma la guerra non è per nulla finita.

    Svimez: "Sud Italia in recessione da sette anni, rischio desertificazione" - Il Fatto Quotidiano

    Un territorio che lo scorso anno ha visto emigrare 116mila abitanti, vive il settimo anno di recessione e si prepara ad affrontare l’ottavo, perché anche nel 2015 il Pil è previsto in calo dello 0,7%. E’ il Mezzogiorno d’Italia fotografato dall’ultimo rapporto dell’associazione Svimez presentato a Roma. Pagine che descrivono il Sud come un’area a concreto rischio di “desertificazione umana e industriale”. Dove non solo aumenta la povertà (nell’ultimo anno le famiglie povere sono cresciute del 40% e i loro consumi sono crollati del 13% dal 2008 a oggi) ma si fanno anche meno figli: l’anno scorso si sono registrate più morti che nascite. Queste ultime sono state solo 177mila, il minimo storico, il valore più basso mai registrato dal 1861″. E in futuro andrà ancora peggio: “Il Sud”, si legge, “sarà interessato nei prossimi anni da uno stravolgimento demografico, uno tsunami dalle conseguenze imprevedibili. E’ destinato a perdere 4,2 milioni di abitanti nei prossimi 50 anni, arrivando così a pesare per il 27% sul totale nazionale a fronte dell’attuale 34,3%”.

    Intanto l’industria continua a soffrire, con crollo degli investimenti del 53% in cinque anni e una flessione degli addetti che ha toccato il 20%. Gli occupati oggi sono solo 5,8 milioni, il valore più basso dal 1977. “Nel Sud, pur essendo presente appena il 26% degli occupati italiani, si concentra il 60% delle perdite determinate dalla crisi”, calcola l’associazione. “Nel 2013 sono andati persi 478mila posti di lavoro in Italia e 282mila di questi erano al Sud. Tra il primo trimestre del 2013 e il primo trimestre del 2014, l’80% delle perdite di posti di lavoro in Italia si è concentrata al Sud”. Con il risultato che il tasso di disoccupazione, secondo lo Svimez, non è del 19,7% come calcola l’Istat ma ben più alto: 31,5%. Al dualismo territoriale si unisce anche quello generazionale: l’anno scorso il tasso di disoccupazione degli under 35 del Sud è salito al 35,7%.

    Quadro ancora più fosco quello tratteggiato dalla Coldiretti, secondo la quale nel 2013 tre famiglie su quattro tra quelle che vivono nel Sud hanno tagliato la spesa alimentare, riducendo la qualità o la quantità di almeno uno dei generi alimentari acquistati. Per la prima volta la spesa per alimentari è scesa sotto quella delle famiglie del Nord, invertendo una tendenza storica che vedeva le regioni meridionali destinare al cibo una parte maggiore del proprio budget. E’ la Puglia, con un -11,3%, la regione i cui abitanti hanno stretto di più la cinghia.

  2. #2
    L'avatar di unfor
    Data Registrazione
    Feb 2009
    Messaggi
    7,951
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    341 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Mandiamo più risorse al sud, semplice
    Ultima modifica di unfor; 28-10-14 alle 19:53

  3. #3
    L'avatar di ennio1963
    Data Registrazione
    Jun 2006
    Messaggi
    26,853
    Mentioned
    2 Post(s)
    Quoted
    5447 Post(s)
    Potenza rep
    42949684
    Mah. ...

  4. #4
    L'avatar di Gigirock1
    Data Registrazione
    May 2005
    Messaggi
    35,691
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3440 Post(s)
    Potenza rep
    42949685
    ottimo, meno gufi in circolazione

  5. #5
    L'avatar di freude
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    31,388
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3523 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da unfor Visualizza Messaggio
    Mandiamo più risorse al sud, semplice
    possibilmente però non per comprare voti come anche di recente in calabria in salsa preelettorale

  6. #6
    L'avatar di prall
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    25,672
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    2087 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da freude Visualizza Messaggio
    Natalità ai minimi storici, occupazione ai record minimi della serie storica, record di povertà ed emigrazione. Svimez fotografa questo ed altro in un momento tragico che chiama in causa con numeri che non si prestano alle solite menzogne la politica che negli ultimi anni è stata passiva e autorefernziale di fronte a un paese che stava andando a picco.

    Secondo Svimez le condizioni sono paragonabili a un dopoguerra, ma la guerra non è per nulla finita.

    Svimez: "Sud Italia in recessione da sette anni, rischio desertificazione" - Il Fatto Quotidiano

    Un territorio che lo scorso anno ha visto emigrare 116mila abitanti, vive il settimo anno di recessione e si prepara ad affrontare l’ottavo, perché anche nel 2015 il Pil è previsto in calo dello 0,7%. E’ il Mezzogiorno d’Italia fotografato dall’ultimo rapporto dell’associazione Svimez presentato a Roma. Pagine che descrivono il Sud come un’area a concreto rischio di “desertificazione umana e industriale”. Dove non solo aumenta la povertà (nell’ultimo anno le famiglie povere sono cresciute del 40% e i loro consumi sono crollati del 13% dal 2008 a oggi) ma si fanno anche meno figli: l’anno scorso si sono registrate più morti che nascite. Queste ultime sono state solo 177mila, il minimo storico, il valore più basso mai registrato dal 1861″. E in futuro andrà ancora peggio: “Il Sud”, si legge, “sarà interessato nei prossimi anni da uno stravolgimento demografico, uno tsunami dalle conseguenze imprevedibili. E’ destinato a perdere 4,2 milioni di abitanti nei prossimi 50 anni, arrivando così a pesare per il 27% sul totale nazionale a fronte dell’attuale 34,3%”.

    Intanto l’industria continua a soffrire, con crollo degli investimenti del 53% in cinque anni e una flessione degli addetti che ha toccato il 20%. Gli occupati oggi sono solo 5,8 milioni, il valore più basso dal 1977. “Nel Sud, pur essendo presente appena il 26% degli occupati italiani, si concentra il 60% delle perdite determinate dalla crisi”, calcola l’associazione. “Nel 2013 sono andati persi 478mila posti di lavoro in Italia e 282mila di questi erano al Sud. Tra il primo trimestre del 2013 e il primo trimestre del 2014, l’80% delle perdite di posti di lavoro in Italia si è concentrata al Sud”. Con il risultato che il tasso di disoccupazione, secondo lo Svimez, non è del 19,7% come calcola l’Istat ma ben più alto: 31,5%. Al dualismo territoriale si unisce anche quello generazionale: l’anno scorso il tasso di disoccupazione degli under 35 del Sud è salito al 35,7%.

    Quadro ancora più fosco quello tratteggiato dalla Coldiretti, secondo la quale nel 2013 tre famiglie su quattro tra quelle che vivono nel Sud hanno tagliato la spesa alimentare, riducendo la qualità o la quantità di almeno uno dei generi alimentari acquistati. Per la prima volta la spesa per alimentari è scesa sotto quella delle famiglie del Nord, invertendo una tendenza storica che vedeva le regioni meridionali destinare al cibo una parte maggiore del proprio budget. E’ la Puglia, con un -11,3%, la regione i cui abitanti hanno stretto di più la cinghia.
    un dato del tutto negativo, o ha anche un risvolto positivo?

  7. #7
    L'avatar di noche de ronda
    Data Registrazione
    Feb 2006
    Messaggi
    8,902
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    120 Post(s)
    Potenza rep
    42520188
    negli anni '70 vivevano con 1 ettaro di aranceto..

    oggi di loro frega un khazzo a nessuno, beviamo Fanta e acquistiamo arance standardizzate da altri paesi

  8. #8

    Data Registrazione
    Jan 2014
    Messaggi
    866
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    1 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Mi spiace
    dopo anni in cui ci raccontavano che il Mezzogiorno rappresentava una risorsa anche per il Nord....la rwaltà è questa.

    Io ritengo che il Meridione sia una causa persa e che le regioni del nord dovrebbero subito sganciarsi per non rischiare di essere definitivamente trascinate a fondo.

  9. #9

    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    9,312
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    571 Post(s)
    Potenza rep
    0
    Citazione Originariamente Scritto da prall Visualizza Messaggio
    un dato del tutto negativo, o ha anche un risvolto positivo?

    ....è positivo...almeno diminuiscono le chiatte....in negativo aumentano le secche......dove io potrei insabbiarmi quando vengo da Voi......naturalmente nauticamente parlando...

  10. #10
    L'avatar di prall
    Data Registrazione
    May 2009
    Messaggi
    25,672
    Mentioned
    6 Post(s)
    Quoted
    2087 Post(s)
    Potenza rep
    42949681
    Citazione Originariamente Scritto da liunard.44 Visualizza Messaggio
    ....è positivo...almeno diminuiscono le chiatte....in negativo aumentano le secche......dove io potrei insabbiarmi quando vengo da Voi......naturalmente nauticamente parlando...
    no lunard è che qui con il cibo si esagera un po' (eufemismo quel pò).

Accedi