Governo Renzi:5 indagati(4 PD) 24 gia con letta, a giustizia nomi graditi al berlusca
Atlantia, il rilancio su Abertis sarà misto cash e azioni? Con offerta tutta contanti rischia “tre miliardi in più”
Mediobanca riporta anche quanto scritto da Milano Finanza, ovvero che Atlantia è ancora posizionata meglio di Hochtief nella battaglia per Abertis.
Debito, Upb: ecco di quanto balzerebbe spesa interessi con nuovo shock spread
Nel periodo compreso tra il 2018 e il 2020, in caso di crisi da spread simile a quella di sei anni fa (alimentata magari dal mix incertezza politica- fine del …
Abe stravince ed è buy Japan, striscia record per il Nikkei e BlackRock punta su nuovi rialzi
Nuovo scatto del Nikkei dopo la vittoria di Abe alle elezioni. Sono 15 le sedute consecutive in rialzo per Tokyo e gli analisti sono sempre più ottimisti sul Giappone
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione

  1. #1
    L'avatar di freude
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    31,391
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3524 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    Governo Renzi:5 indagati(4 PD) 24 gia con letta, a giustizia nomi graditi al berlusca

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2014...usconi/897205/

    Renzi parte con 5 indagati e 24 riciclati. Alla Giustizia nomi graditi a Berlusconi.

    Nella squadra di governo son presenti un ex giudice, Cosimo Ferri, e un avvocato, Enrico Costa, che rappresentano un favore al Cavaliere.

    Ci sono poi gli indagati - quattro del Pd e il ministro Lupi di Ncd
    - e infine ben 18 sottosegretari già presenti nell'esecutivo di Enrico Letta. Come erano stati confermati anche sei ministri. Quello che resta e appare è una squadra che sembra lontana dal vento di presunto cambiamento e innovazione che ha portato il sindaco di Firenze a scalare gerarchie e ruoli politici. E anche per quanto riguarda la parità di genere il segretario del Pd, questa volta, non è stato in grado di rispettare le quote rose come avvenuto e pubblicizzato invece per i ministeri

    La renziana di ferro Francesca Barracciu, uscita dalla porta delle elezioni regionali in Sardegna e rientrata dalla finestra del sottosegretariato alla cultura e Umberto Del Basso de Caro, anche lui indagato per i rimborsi del consiglio regionale in Campania
    . Nel procedimento “Rimborsopoli” lucana, in fase di udienza preliminare, c’è anche il nome di Vito De Filippo, neo sottosegretario alla Salute. In passato è uscito indenne da almeno due indagini l’ex saggio Filippo Bubbico, confermato al Viminale, ma indagato per abuso d’ufficio in un altro procedimento. Tutti del Pd. Senza dimenticare, alle Infrastrutture, Antonio Gentile (Ncd), responsabile di aver bloccato la pubblicazione del numero di L’Ora della Calabria reo di contenere al suo interno una notizia scomoda sul figlio. Da parlamentare aveva proposto Silvio Berlusconi al premio Nobel per la Pace e nell’agosto del 2004 dichiarò l’intenzione di presentare all’allora ministro della Salute Girolamo Sirchia “per l’introduzione del ticket del 50% dopo la prima interruzione volontaria di gravidanza e di rendere a totale carico della paziente ogni intervento successivo”.

    E poi c’è il ministro Maurizio Lupi, anche lui un riconfermato, indagato per abuso d’ufficio dalla Procura di Tempio Pausania per la nomina del commissario dell’Authority del porto di Olbia. L’indagine, avviata dopo un’esposto-denuncia di un esponente del Pd, risultano coinvolti, con l’ipotesi di abuso d’ufficio in concorso, anche Fedele Sanciu, già senatore Pdl e presidente della Provincia Olbia Tempio. Dal ministero però assicurano sulla correttezza dell’iter di nomina.

    Il regalo al Cavaliere: sottosegretario il relatore del Lodo Alfano. Ma in più e oltre c’è il regalo a Silvio Berlusconi. L’incontro al Nazareno e le pacche sulle spalle durante le consultazioni non hanno regalato solo un accordo sulla legge elettorale, ma anche il ritorno dei berlusconiani alla Giustizia. C’è il sottosegretario Cosimo Ferri (tecnico confermato), magistrato prodigio più volte ritrovato in diverse intercettazioni telefoniche da P3 a Agcom-Annozero (senza mai essere indagato) e commissario della Figc che scelse le dimissioni dopo Calciopoli. Ma anche il viceministro Enrico Costa, pasdaran di Berlusconi (ora fedelissimo di Alfano) già primo firmatario nel 2012 di un emendamento che prevedeva la drastica limitazione della divulgazione delle intercettazioni. E’ colui che propose la rivisitazione al ribasso dei termini di prescrizione e fu relatore del lodo Alfano. Di lui si ricorda anche il volta faccia sulla legge Severino, prima entusiasta e poi sbottò: “È una legge contro Berlusconi”

    etc etc

  2. #2
    L'avatar di freude
    Data Registrazione
    Oct 2008
    Messaggi
    31,391
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    3524 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Chi ha deciso subito di tirarsi fuori dalle dispute di spartizione posti è il deputato della minoranza Pd Giuseppe Civati: “Prima che escano le liste con le nomine dei sottosegretari, ci teniamo a precisare che abbiamo scelto di non partecipare al solito valzer delle correnti.

Accedi