Mercati: evento storico condiziona la giornata dei mercati, bancario sotto assedio a Milano
Quella di oggi è stata una seduta epocale che verrà ricordata nel futuro come il "venerdì della Brexit". I cittadini della Gran Bretagna hanno espresso il loro verdetto, lasciare l'Unione Europea e quindi avere l'indipendenza dal governo di Brux...
Mercati: volatilità potrebbe ancora salire, cresce rischio default per banche sistemiche
La paura domina i mercati, e lo farà con ogni probabilità anche nelle prossime settimane, se non mesi. Questa mattina quando i primi rumors sull'esito del referendum cominciavamo a diffondersi fra i media, le performance degli asset azionari mon...
Panico Brexit: Che cosa c'entrano le banche giapponesi o i bond portoghesi con la vittoria del Leave?
Un terremoto annunciato, con epicentro Londra, è quello che si è verificato oggi sui mercati. Le Borse occidentali e asiatiche sono piombate tutte in territorio negativo, anche molto negativo in più di un caso. Alcuni di questi movi...
Tutti gli articoli
Tutti gli articoli Tutte le notizie

Rispondi alla Discussione
123 Ultima

  1. #1
    L'avatar di brentford
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    29,178
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    156 Post(s)
    Potenza rep
    42949682

    L'80% degli italiani non sa comprendere un testo complesso

    e ne abbiamo avuto conferma. Infatti il Grande Truffatore ha mandato una lettera truffa e moltissimi ci sono cascati

  2. Stanco della Pubblicità? Registrati

  3. #2

    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    5,284
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2 Post(s)
    Potenza rep
    0
    e il loro voto conta come il nostro.

    Figata eh?

  4. #3

    Data Registrazione
    Nov 2006
    Messaggi
    15,946
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    10 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da brentford Visualizza Messaggio
    e ne abbiamo avuto conferma. Infatti il Grande Truffatore ha mandato una lettera truffa e moltissimi ci sono cascati
    quanti gonzi......

    se si potessero esportare.....

  5. #4
    L'avatar di Letshope
    Data Registrazione
    Apr 2001
    Messaggi
    37,644
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    634 Post(s)
    Potenza rep
    42949688
    Un piccolo uomo, in tutti i sensi.

  6. #5

    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    23,492
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    Citazione Originariamente Scritto da brentford Visualizza Messaggio
    e ne abbiamo avuto conferma. Infatti il Grande Truffatore ha mandato una lettera truffa e moltissimi ci sono cascati
    l'80% per cierto? complessivamente?

  7. #6

    Data Registrazione
    Jul 2009
    Messaggi
    6,877
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    103 Post(s)
    Potenza rep
    42949679
    Citazione Originariamente Scritto da brentford Visualizza Messaggio
    e ne abbiamo avuto conferma. Infatti il Grande Truffatore ha mandato una lettera truffa e moltissimi ci sono cascati


    Questo è il paese di wanna marchi.

  8. #7
    L'avatar di iciomn
    Data Registrazione
    Oct 2001
    Messaggi
    7,881
    Blog Entries
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    10 Post(s)
    Potenza rep
    42949687
    ....un piccolo uomo per un piccolo popolo.....

  9. #8

    Data Registrazione
    Mar 2011
    Messaggi
    23,492
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    0 Post(s)
    Potenza rep
    42949678
    comunque questa storia dell'80% chi l'avrebbe raccontata, così per sapere se siamo nell'ordine del master di chicago?

    è la vecchia ricerca delliea?

  10. #9
    L'avatar di platino92
    Data Registrazione
    Jul 2011
    Messaggi
    10,589
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    2 Post(s)
    Potenza rep
    42949677
    Citazione Originariamente Scritto da brentford Visualizza Messaggio
    e ne abbiamo avuto conferma. Infatti il Grande Truffatore ha mandato una lettera truffa e moltissimi ci sono cascati
    Oggi anch'io ho ricevuto la lettera e francamente non ho capito che si dovesse andare a ritirare un modulo, almeno non prima che B. abbia vinto le elezioni e abbia fatto il primo consiglio dei Ministri. Questa gente che ha fatto la coda, come scritto sul Corriere della Sera, che lettera ha ricevuto? Come si fa a scambiare una disposizione di legge con un semplice e neppure nuovo argomento di propaganda elettorale?

  11. #10
    L'avatar di brentford
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Messaggi
    29,178
    Mentioned
    0 Post(s)
    Quoted
    156 Post(s)
    Potenza rep
    42949682
    Citazione Originariamente Scritto da i.p.i.s Visualizza Messaggio
    comunque questa storia dell'80% chi l'avrebbe raccontata, così per sapere se siamo nell'ordine del master di chicago?

    è la vecchia ricerca delliea?
    Eccoti servito, San Tommaso

    Rischio analfabetismo: solo il 29 per cento degli italiani padroneggia la lingua - La Nazione - Firenze

    Firenze, 27 novembre 2011 - La notizia è preoccupante: appena il 29% degli italiani possiede ancora gli strumenti linguistici per padroneggiare l'uso della nostra lingua nazionale.



    Lo ha affermato il professor Tullio De Mauro questa mattina a Firenze nel corso dell'incontro 'Leggere e sapere: la scuola degli italiani'.


    ''Il 71% della popolazione - ha detto De Mauro - si trova al di sotto del livello minimo di lettura e comprensione di un testo scritto in italiano di media difficolta': il 5% non e' neppure in grado di decifrare lettere e cifre, un altro
    33% sa leggere, ma riesce a decifrare solo testi di primo livello su una scala di cinque ed e' a forte rischio di regressione nell'analfabetismo, un ulteriore 33% si ferma a testi di secondo livello. Non piu' del 20% possiede le competenze minime per orientarsi e risolvere, attraverso l'uso appropriato della lingua italiana, situazioni complesse e problemi della vita sociale quotidiana. Ce lo dicono due recenti studi internazionali, ma qui da noi nessuno sembra voler sentire''.


    L'allarme e la forte preoccupazione espresse da Tullio De Mauro investono direttamente il nuovo Governo Monti, ''che al momento sembra aver dimenticato l'istruzione'', ha affermato il linguista dell'universita' La Sapienza di Roma, gia' ministro della Pubblica istruzione. ''Il presidente del Consiglio, nel suo discorso, ha parlato velocemente di rialzare il livello della formazione dei lavoratori'', ha aggiunto.



    Un ammonimento, quello di De Mauro, che non chiude alla speranza: ''Giolitti non parlava mai di istruzione, ma fece cose importanti. Non occorre parlare tanto, basta fare''.



    Dal quadro di ''dati allarmanti'' illustrati da De Mauro, discende un indebolimento strutturale della nostra societa', dopo la fase storica, tra anni Cinquanta e anni Ottanta-Novanta, in cui ''il livello di scolarita' e' cresciuto fino ad una media di dodici anni di scuola per ogni cittadino, contro i tre anni a testa, in media, del '51''. Il fenomeno e' in atto, c'e' il pericolo concreto di un analfabetismo di ritorno, una ''regressione alfanumerica dilagante tra le persone di eta' adulta'' e, ''come rilevato da alcuni economisti - avverte De Mauro - e' da collegare con il ristagno economico italiano, che non e' stato determinato dagli ultimi governi, ne' quelli di Berlusconi, ne' quelli di Prodi, ma risale fino all'inizio degli anni Novanta''.



    La situazione e' grave, ha osservato De Mauro, ''piu' grave ancora e' che nessuno se ne stia occupando e affronti la questione seriamente, se non un gruppo di stimabili economisti, appunto, tra i quali il nuovo Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco. Eppure i fatti sono li' e li' rimangono''.




    De Mauro ha tenuto una lezione a due voci con Ilaria Porciani (Societa' delle storiche) su 'Leggere e sapere. La scuola degli italiani', nella Sala delle Feste di Palazzo Bastogi, una delle sedi del Consiglio regionale della Toscana. Si e' trattato dell'appuntamento conclusivo del ciclo organizzato dall'Assemblea toscana in occasione delle celebrazioni per il 150/o dell'Unita' d'Italia.



    Commentando i dati illustrati da Tullio De Mauro, la consigliera regionale Daniela Lastri, dell'Ufficio di presidenza dell'Assemblea toscana, ha detto: ''Pongono seri interrogativi, il quadro che emerge e' drammatico, il livello di istruzione ancora troppo basso''. C'e' il pericolo concreto, ha ribadito, ''di un nuovo analfabetismo, un rischio pesantissimo che l'Italia deve contrastare. Se il nostro Paese non vuole rimanere indietro, non puo' risparmiare sulla scuola. La scuola e' indispensabile per lo sviluppo di una nazione, l'Europa, del resto ci crede fermamente, tanto da rendere disponibili fondi e risorse''.



    Lastri si e' infine soffermata sul ciclo di appuntamenti conclusosi oggi, cinque lezioni a due voci iniziate in ottobre che, si spiega in una nota, hanno rinnovato il successo di pubblico e l'attenzione del primo ciclo tenutosi in primavera. ''Un'ottima iniziativa - ha detto Lastri -, che ha visto la partecipazione di tante persone e ha offerto un livello culturale molto alto''. Tra gli argomenti discussi: unita' e regionalismo, gioventu', emigrazione, famiglia. Tra gli intervenuti si va da Enzo Cheli a Ugo De Siervo.



    Gli incontri, tutti coordinati da Alberto Severi, sono stati curati da Pier Luigi Ballini ed Elisabetta Vezzosi e una pagina Facebook dedicata ha reso possibile vedere video e interagire con gli organizzatori ponendo domande e curiosita' ai relatori.

Accedi