Ftse Mib vira in lieve rialzo, +0,13% a 22.493 punti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari vira in positivo dopo la prima mezz’ora di contrattazioni. Ieri il listino milanese è stato il fanalino di coda in Europa complici le parole di Jean Claude Juncker, presidente della Commissione europea, che in un intervento a Bruxelles ha detto che bisogna prepararsi allo “scenario peggiore” in Italia, perché dalle urne non uscirà un governo operativo.

L’indice Ftse Mib sale dello 0,13% a quota 22.493 punti. Tra i peggiori figurano alcuni testimonial del settore finanziario con Unicredit che cede lo 0,7%, -0,42% per Intesa Sanpaolo.

Oggi in primo piano la lettura finale dell’inflazione dell’area euro, attesa a +1,3% annuo con un +1% della componente “core”. Nel pomeriggio parleranno diversi esponenti della Federal Reserve.

Commenti dei Lettori